Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

"Israele, Palestina - La verita' su un conflitto" di Alain Gresch - Einaudi - euro 8,50

...poi, e' stato chiesto scusa, in ritardo e piu' o meno sinceramente, agli indiani d'America, ai nativi dell'America latina, alle popolazioni africane vittime dello schiavismo e del colonialismo, agli ebrei ed anche agli armeni, colpiti dalle violenze dei turchi; ma non ai palestinesi...
31 maggio 2004

La persecuzione nazista, oltre ad aver colpito gli ebrei, i rom, gli oppositori politici, ha colpito anche i palestinesi! Gli ebrei furono massacrati dai nazisti; i palestinesi cacciati dalle milizie ebraiche e poi dall'esercito israeliano; e cosi', senza essere minimamente responsabile del genocidio, il popolo palestinese ha pagato, forse piu' di chiunque altro, e paga ancor oggi, le conseguenze.
Ma la Seconda Guerra Mondiale ha soltanto accelerato la nascita di uno Stato che sarebbe comunque nato. E dunque la "guerra", perche' di guerra si tratta, fra ebrei e palestinesi, dura da quasi un secolo. Si ipotizzava nel 1947 la spartizione della Palestina oppure la nascita di uno Stato ebraico-palestinese, dove nessuno dei due gruppi avrebbe predominato sull'altro; la Gran Bretagna cercava, nel frattempo, di mettere un limite all'arrivo dei sopravvissuti ai campi di sterminio. Ma quando ad Haifa sbarcarono 4500 passeggeri: donne, bambini, vecchi, miserabili sopravvissuti ai campi di concentramento, sotto gli occhi del presidente svedese dell'Unscop (United Special Commitee on Palestine) - un'organizzazione dell'ONU che comprendeva undici stati il cui compito sarebbe dovuto essere quello di trovare una soluzione alla questione mediorientale - le ragioni dei palestinesi "sfumarono" e sembrarono non essere nemmeno degne di ascolto.
Il sionisomo, sostiene l'autore del libro, si mosse - seppur con dei presupposti oggettivamente diversi e legati alle lunghe persecuzioni subite dagli ebrei anche prima dell'arrivo dei nazisti - nell'ambito del colonialismo. Lo Stato d'Israele si collega al movimento di colonizzazione soprattutto sotto due aspetti: l'atteggiamento "razzista" nei confronti delle popolazioni "autoctone" e la dipendenza dalla "madre patria", la Gran Bretagna, almeno fino al 1939.

Ormai e' impossibile tornare indietro e un'ingiustizia non puo' essere ripagata con un'altra ingiustizia... ed e' ormai impossibile sognare uno Stato unico per due popoli. Bisogna cercare una "soluzione" e qualunque essa sia (soluzione che, sempre secondo l'autore, la nostra generazione non vedra') non potra' essere imposta unilateralmente ne' ai palestinesi, ne' agli israeliani...

Articoli correlati

  • L’attivismo per la Palestina
    Palestina
    Un popolo distrutto dallo strapotere di un governo occupante e criminale

    L’attivismo per la Palestina

    Gaza vive ancora grazie a questo Mosaico di Pace attivista e alle tante associazioni filopalestinesi che spendono e dedicano la vita a una causa nobile come è la sopravvivenza ed esistenza del popolo palestinese e di tutti i popoli del mondo, nel filo rosso dell’amore per l’umanità intera
    2 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • Dialoghi con Moni Ovadia
    Pace
    Riflessioni sulle minacce alla pace

    Dialoghi con Moni Ovadia

    Su Israele parla di "politica del totale dispregio per le risoluzioni internazionali e, conseguentemente, per le istituzioni internazionali preposte alla pace". E sulla situazione internazionale dice: "Bisogna che la smettiamo per prima cosa di concedere cittadinanza ai linguaggi dell’odio".
    15 aprile 2020 - Laura Tussi
  • Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room
    Disarmo
    il settore militare non solo inquina, ma contamina, trasfigura e rade al suolo

    Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room

    “E’ stato stimato che Il 20% di tutto il degrado ambientale nel mondo è dovuto agli eserciti e alle relative attività militari”
    31 ottobre 2019 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)