Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

(Mi scuso se segnalo, questa volta, un libro scritto in francese, ma non ho trovato un'edizione in italiano)

"Ma vie volée - 57 ans sans voir la France -" di Renée Villancher

Una donna prigioniera della poverta' e della guerra e della storia e di Stalin. Una donna prigioniera di se stessa, della sua ingenuita', della sua buona fede, del suo amore. L' amore per un uomo che non l'amava abbastanza e per una Patria, che non l'amava abbastanza. Un uomo che gia' era sposato ed una Patria che ha impiegato troppi anni prima di aiutarla.
17 dicembre 2004

Per cinquantasette anni l'unico sogno di Renee e' stato quello di poter rivedere la Francia ed in particolare il Giura, la regione dove lei e' nata ed ha vissuto prima di innamorarsi di un soldato russo e, con lui, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, partire per l'Unione Sovietica...

La vita di Renee si puo' riassumere e sintetizzare in un'unica parola, senza correre il rischio di dimenticare qualcosa. La vita di questa donna e' stata un incubo. La Russia per lei e' stata l'inferno; null'altro. La sua storia, pero', e' solo la sua storia, non e' e non vuole essere la storia dell'URSS e tanto meno la storia di un popolo; e' soltanto la storia di una donna che si e' innamorata nel momento sbagliato di un uomo troppo diverso da lei e che (con lui) e' arrivata, sempre nel momento sbagliato, in uno stato troppo diverso dal suo.

Vive un'infanzia difficile Renee: il padre muore e subito dopo arrivano la guerra l'occupazione il razionamento dei viveri. In quello scenario triste e difficile, a Renee "appare" Yvan, un giovane soldato russo del quale si innamora. Con lui, con la loro bambina di pochi mesi e con sua mamma, Renee, lascia la Francia per l'Unione Sovietica. Ha appena diciannove anni, quando, dal finestrino di un treno, viaggiando come bestie e non come esseri umani, intravede un'Europa devastata dalla guerra. Non sa cosa l'aspetta in Russia, ma ama suo marito e si fida ciecamente di lui...

In Russia, Renee, trovera' l'inferno! Un inferno fatto di vodka e di botte e di fame e di morte e di lavoro e di lacrime e di "prigionia"...

Un inferno nel quale, quando sara' finalmente "libera", tornera'; tornera' portando con se' un po' di terra di Francia, un po' di terra per la sua sepoltura...

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)