Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

I programmi spaziali militari italiani

... e lo scudo spaziale statunitense
Francesco Iannuzzelli29 aprile 2001

Si e' svolta lo scorso 24 marzo un'audizione alla Camera del VAST (Comitato per la valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche) nella quale si è fatto il punto sui programmi spaziali italiani e europei, anche alla luce della politica dell’Unione Europea nel campo della difesa e della sicurezza (PESD).

All'audizione alla Camera erano presenti il direttore generale dell'ESA (Agenzia Spaziale Europea) Antonio Rodota' e il presidente dell'ASI (Agenzia Spaziale Italiana) Sergio de Julio.

Come avevamo gia' segnalato nello scorso dicembre l'Agenzia Spaziale Europea aveva diffuso un rapporto nel quale invitava ad una maggiore presenza di interessi militari nei programmi spaziali europei.

Raccogliendo l'invito dell'ESA, l'on. Umberto Giovine (Forza Italia) ha invitato a seguire l'esempio statunitense, dove la collaborazione tra Nasa e Department of Defense e' molto stretta, proprio per la realizzazione dei progetti militari.

In particolare e' stato citato il progetto di navigazione satellitare "Galileo", per il quale è stata approvata in Italia una legge di finanziamento per circa 600 miliardi di lire e che recentemente ha avuto l’ok della Commissione UE per il passaggio alla seconda fase. Questo progetto, secondo l'on. Giovine, e' di fondamentale importanza per la realizzazione del programma statunitense di difesa missilistica NMD.

Si tratta di una serie di gravissime affermazioni, in quanto appare evidente l'intenzione di convertire progetti scientifici a scopo civile in militare, nonostante gli stessi enti che li gestiscono siano da statuto previsti solo per scopi civili (come l'ESA).

Inoltre lo "scudo spaziale" made in USA, dove lo chiamano National Missile Defense, non e' ancora ufficiale (sebbene sia gia' cospicuamente finanziato), anche perche' rappresenta una violazione dei trattati ABM sui missili balistici, tantomeno si e' pronunciata l'Unione Europea sulla propria disponibilita' alla realizzazione, tantomeno l'Italia.

Affermare che i progetti spaziali civili italiani possono essere riutilizzati per un progetto militare spaziale statunitense, destinato per di piu' a creare un pericoloso scenario e una nuova corsa agli armamenti, e' un chiaro segnale delle intenzioni militariste presenti all'interno delle agenzie governative e delle commissioni parlamentari.

Note: Fonte: Analisi Difesa n.13

Articoli correlati

  • Stop all’export di armi italiane agli Stati che violano diritti umani? Chiedetelo all’Egitto
    Disarmo
    Un contratto da 871,7 milioni di euro per 32 elicotteri 24 AW149 e 8 AW189

    Stop all’export di armi italiane agli Stati che violano diritti umani? Chiedetelo all’Egitto

    Alcune fonti del governo italiano hanno parlato di “missione del secolo”, visti i valori politici, commerciali e industriali
    7 giugno 2020 - Rossana De Simone
  • Non abbandoniamo l'Italia
    Sociale
    La solidarietà nella pandemia da coronavirus

    Non abbandoniamo l'Italia

    In Italia le persone muoiono come mosche e la Germania tentenna fino al punto che provare imbarazzo per qualcun altro non è più un’espressione figurata
    13 aprile 2020 - Petra Reski
  • Schede
    Film di Claude Autant-Lara

    Non uccidere

    La commissione censura nel 1961 ne vietò la visione in Italia perché trattava la questione dell'obiezione di coscienza in guerra. A Firenze Giorgio La Pira ne organizzò la proiezione, violendo i divieti e riaccendendo il dibattito
    5 aprile 2020
  • Schede
    Breve scheda

    Giorgio La Pira (1904-1977)

    Giurista, storico, politico, pubblico amministratore; costituente e parlamentare, sindaco di Firenze; profonda coscienza religiosa, impegnato in rilevanti iniziative di pace e di solidarieta'.
    Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)