Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

La Maddalena

Quando il segreto diventa una condizione di normalità

Quando il segreto diventa una condizione di normalità, è inevitabile che il sospetto si trasformi in una regola. E - almeno questo non è un segreto - alla Maddalena niente è più normale del segreto. Basti pensare che, dopo ben 31 anni, è ancora impossibile conoscere il contenuto dell’accordo che consentì la nascita della base navale americana a Santo Stefano.
30 ottobre 2003 - La Nuova Sardegna

Ma è addirittura un segreto anche il cosiddetto “piano d’emergenza”, che dovrebbe scattare in caso di incidente nucleare. Come dire: nella malaugurata ipotesi si verificasse una fuga radioattiva dalla base americana, alla Maddalena nessuno sa come deve comportarsi, quali cautele deve adottare e cosa deve fare per ridurre i rischi di contaminazione. L’assurdo è proprio questo: pare che la cosa più importante sia non tanto l’esistenza di un piano d’emergenza che dovrebbe garantire e tutelare la popolazione civile, ma che questo piano sia un segreto.
Altro esempio. Quando nell’aprile del 2001, dopo una complicatissima indagine della Dia, la procura di Torino fece arrestare il petroliere russo Alexander Zukhov per un colossale traffico d’armi, si cercarono le duemila tonnellate di fucili mitragliatori e razzi, sequestrate nel marzo del 1994 nello stretto di Otranto. Si disse che quella impressionante quantità di armi fosse custodita in un deposito in Sardegna. Le autorità militari negarono con decisione. Ma qualche giorno dopo gli uomini della Dia entrarono nelle gallerie di Santo Stefano e fecero l’inventario: 30 mila kalashnikov, 400 missili filoguidati Fagot, 48 postazioni missilistiche, oltre 5 mila razzi katjuscia, 10 mila razzi anticarro, 5 mila spolette per armare razzi e quasi 35 milioni di cartucce. Sì, le armi erano proprio lì. Perché, dunque negare? Forse proprio perché nell’arcipelago maddalenino il segreto è una surreale condizione di normalità. Non vogliamo pensare che qualcuno pensi che Santo Stefano non faccia parte della Sardegna e dell’Italia...
Per concludere: la rete di monitoraggio ambientale, che dovrebbe verificare un possibile inquinamento radioattivo, non funziona perché la Us Navy non ha mai consentito il posizionamento della centralina vicino alla base. Perché? Ma perché è un segreto. Semplice, no? (p.m.)

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)