la maddalena

30 Articoli - pagina 1 2
  • Accordi Soru - Parisi sui gravami militari inflitti alla Sardegna: molto fumo e poco arrosto

    3 agosto 2006
  • La vittoria sarda
    EDITORIALE

    La vittoria sarda

    Alex Zanotelli
  • La sinistra si è da tempo ritirata dalla lotta contro le basi Usa in Italia, questo è il vero ritiro

    La Maddalena: un ritiro all'ombra delle urne

    Sarebbe pericolosamente illusorio pensare che il Pentagono intenda diminuire la presenza di forze militari Usa in Italia e nel Mediterraneo. Basti ricordare che la marina Usa ha il suo centro principale a Napoli, dove è stato trasferito il quartier generale delle Forze navali Usa in Europa che prima era a Londra, e che, oltre a La Maddalena, dispone della base aeronavale di Sigonella e si sta preparando a utilizzare più efficamente il porto di Taranto.
    MANLIO DINUCCI
  • Sottomarini nucleari e pericolo radioattivo, si sta costituendo un coordinamento di parlamentari

    Ritiro Usa dalla Maddalena. Analoga mobilitazione per tutti i porti a rischio nucleare

    Ora occorre sviluppare un'analoga iniziativa in tutti i porti a rischio nucleare perché i sottomarini a propulsione nucleare, che comportano un pericolo radioattivo incombente, vengano mantenuti lontani dalla costa e comunque fuori dalle acque territoriali. I porti ufficialmente a rischio nucleare sono Augusta, Brindisi, Cagliari, Castellammare di Stabia, Gaeta, La Maddalena, La Spezia, Livorno, Napoli, Taranto, Trieste. Per essi si applica il decreto lagislativo 230/95 che prevede un obbligo di informazione delle popolazioni interessate al rischio nucleare.
    23 novembre 2005 - Alessandro Marescotti
  • Sottomarini a propulsione nucleare: esame comparato dei piani di emergenza

    In occasione dell'incontro "Base militare e rischio nucleare" (Taranto, 2 giugno 2005, info su http://www.tarantosociale.org) il prof. Massimo Zucchetti ha fatto pervenire a PeaceLink lo studio che si allega.
    2 giugno 2005 - Alessandro Marescotti
  • "Base militare e rischio nucleare". Relazione per il convegno del 2 giugno 2005 a Taranto
    Vi sono ricerche di interesse pubblico che sono volutamente tenute ai margini

    "Base militare e rischio nucleare". Relazione per il convegno del 2 giugno 2005 a Taranto

    In allegato alla presente pagina web vi sono le considerazioni del "Comitato Scienziate e Scienziati Contro La Guerra" sulla presenza della base militare per sottomarini nucleari dell'isola della Maddalena e sulle ricerche ambientali in Sardegna.
    31 maggio 2005 - Mauro Cristaldi
  • Base militare e rischio nucleare: 2 giugno a Taranto
    Sottomarini da La Maddalena a Taranto, le ipotesi e i retroscena

    Base militare e rischio nucleare: 2 giugno a Taranto

    "Meglio attivi che radioattivi". Il movimento pacifista chiede la denuclearizzazione dei mari italiani
    30 maggio 2005 - Alessandro Marescotti
  • Malumore in aumento alla base USA della Maddalena

    Scuole: scatta l’ora dell’autogestione

    Al “Dettori” gli studenti protestano cambiando gli argomenti delle lezioni.
    Si discute di Iraq, base Usa e riforma Moratti con esperti e consiglieri regionali
    19 dicembre 2004 - Giuseppe Scano
  • Una nuova indagine e una nuova interrogazione parlamentare

    La Maddalena: trovate anche tracce di plutonio

    Legambiente e l'Università della Tuscia lanciano l'allarme sulla presenza di radionuclidi trans-uranici nelle acque di balneazione. La prima scoperta riguarda la presenza di plutonio. Tracce di radioattività sono state rilevate nell’arcipelago della Maddalena, intorno alla base navale americana dell’isola di Santo Stefano che ospita i sommergibili atomici. Realacci chiede nuove indagini.
    20 settembre 2004 - Redazione
  • "Caro Silvio, avrei bisogno di Napoli, Taranto, Milano, e anche...".
    La nuova mappa delle basi e dei comandi militari dietro i colloqui di Roma

    "Caro Silvio, avrei bisogno di Napoli, Taranto, Milano, e anche...".

    La storia è nei dettagli. Quando Bush è andato dal Papa ha lasciato fuori dalla sala la valigetta nera con i codici di lancio dei missili nucleari. Ma vi sono anche altri dettagli che Bush a Roma non ha rivelato ai giornalisti. Le forze Usa stanno traslocando dal Nord Europa e il baricentro del potere navale della Us Navy sarà spostato in Italia. Il Quartier generale di Londra - che comanda tutte le forze navali Usa in Europa - migrerà a Napoli. Il Comando della Sesta Flotta sorgerà a Taranto. La nuova "autostrada" militare Usa che passa per Milano-Solbiate Olona, Livorno-Camp Darby, Catania-Sigonella. E prevede l'ampliamento della micidiale base nucleare della Maddalena. Dietro i fumogeni della cronaca e la spettacolarità ecco i "dettagli" della visita di Bush.
    5 giugno 2004 - Alessandro Marescotti
  • Sottomarini nucleari Usa

    Il sindaco della Maddalena vuole denunciare gli ecologisti per "allarmismo"

    Avrebbero arrecato danno - secondo il sindaco di An Rosanna Giudice - all'immagine dell'Arcipelago.
    19 aprile 2004 - Alessandro Marescotti
  • Il caso

    Consigliere di Forza Italia denuncia il governo per "omissioni" su La Maddalena

    Si è ammalato di tumore nei pressi della base atomica Usa. Si chiama Giulio Giudice. A gennaio aveva chiesto le dimissioni del sindaco della Maddalena Rosanna Giudice, di AN e sua nipote. Ora ha scritto a Romano Prodi, presidente della Commissione Europea, perché intervenga. "La base Usa è un sopruso, non fa parte degli accordi Nato", ha affermato.
    16 marzo 2004 - Redazione
  • Carovana della Pace contro la base Usa

    Pacifisti a La Maddalena il 18 marzo: "No all'inquinamento radioattivo"

    Manifesteranno per l'allontanamento dei sommergibili nucleari statunitensi e contro l’ampliamento della base atomica Usa.
    15 marzo 2004 - Redazione
  • Tumori, a La Maddalena ci si ammala di più
    Nell'isola dei sottomarini nucleari un dato inquietante

    Tumori, a La Maddalena ci si ammala di più

    Parte una indagine dell’Asl di Olbia per analizzare i casi in relazione all’ambiente
    14 marzo 2004 - Enrico Pilia
  • Il sindacato chiede comunque i “danni”

    «Con la radioattività non si scherza». Per la Cgil La Maddalena non va raddoppiata

    Con la radioattività non si scherza: alla Maddalena sono necessari monitoraggi continui e studi seri che facciano chiarezza sulla situazione reale e sui rischi per la salute della gente. E, in ogni caso, la base dei sommergibili Usa di Santo Stefano non solo non va raddoppiata ma ne va avviato il progressivo smantellamento. Scende in campo anche la Cgil della Gallura contro l’incubo nucleare.
    14 marzo 2004 - La Nuova Sardegna
  • Una base Usa sottratta ai controlli italiani

    La Maddalena. Storia di una servitù militare

    Il 22 settembre 1972 entra alla Maddalena, per esservi riparato, il sottomarino Ray, danneggiato da un urto contro il fondale; il 19 giugno 1982, la nave appoggio Orion lascia l'ormeggio di S.Stefano per riparare, poco lontano, un altro sottomarino danneggiato; il 13 novembre 2002, il sottomarino Oklahoma City resta danneggiato in una collisione nel Mediterraneo e viene quindi portato alla Maddalena; il 25 ottobre 2003 si incaglia nelle acque dell'arcipelago maddalenino il sottomarino Hartford.
    28 febbraio 2004 - Manlio Dinucci
  • Polemiche dopo la denuncia del WWF Gallura

    Radioattività a La Maddalena. Il torio 234 c'è ma... non si vede

    L'On. Giacomo Sanna (Psd'Az) interviene sulla inadeguatezza delle centraline Asl per la rilevazione del torio 234





    28 febbraio 2004 - www.algherocronache.it
  • Il Torio 234 è 400 volte superiore alla norma

    Radioattività a La Maddalena. La relazione tecnica del CRIIAD

    La relazione sulle analisi eseguite dalla CRIIRAD su campioni di acqua e di alghe prelevate a La Maddalena
    28 febbraio 2004 - Courtesy Bruno CHAREYRON Laboratorio CRIIRAD
  • Comunicato sulla mozione approvata

    27 febbraio 2004 - Il Comitato Cittadino Spontaneo di La Maddalena
  • Dolorose storie private

    I sommergibili atomici e le troppe malformazioni alla Maddalena

    Antonello Repetto, pacifista sardo, ci aggiorna in continuazione sulla Maddalena. "Le bugie nucleari", le difinisce. La Asl dà all'incidente di Chernobyl tutta la colpa della radioattività presente nell'acqua. Ma il consiglio comunale chiede un monitoraggio dei tumori (vedere note in fondo).
    27 febbraio 2004 - Alessandro Marescotti
  • Diritto all'informazione

    Gli Amici della Terra e il Gruppo d'Intervento Giuridico chiedono chiarezza e informazioni sulla Base dei sommergibili atomici alla Maddalena

    Richiesta informazioni a carattere ambientale, sugli opportuni provvedimenti per lo svolgimento della V.I.A. valutazione d’impatto ambientale riguardo al progetto USA n. 080-02 Migliorie infrastrutturali dell’area di supporto logistico della base U.S.Navy di S.Stefano.
    2 febbraio 2004 - Giancarlo Nonis
  • La Maddalena, il Piano di emergenza nucleare

    15.000 persone da evacuare in 60 minuti

    Centoventi cartelle dattiloscritte più un'appendice (con tanto di tabelle per misurare il grado di peste nucleare) firmato in tandem dagli organismi dei ministeri Interno e Difesa che si occupano di morte invisibile. Fin dalla prima frase, da quella che sembra una verità rivelata («Il presente Piano è adottato in sostituzione di precedente Piano classificato»), si capisce che tratta materia delicata e imbarazzante: come si fa a dire alla gente che abita a un passo dall’apocalisse, all’angolo tra vita e inferno? Eccolo, comunque, il piano che solo pochissimi dovevano conoscere.
    16 dicembre 2003 - Unione Sarda
  • Piano di emergenza civile per incidente nucleare alla Maddalena

    Piano di emergenza civile per incidente nucleare alla Maddalena

    Qualche interrogativo, qualche suggerimento (scientifico) e un documento a Sindaco e parlamentari
    17 novembre 2003 - Comitato sardo Gettiamo le Basi
  • La Maddalena, sottomarino Usa si incaglia

    Grave incidente al sottomarino nucleare Hartford

    Il sindaco della Maddalena: "Per me la notizia non esiste". Poi: "Solo graffi". In realtà il sottomarino non può rientrare in Usa per i danni riportati.
    17 novembre 2003 - Alessandro Marescotti
  • La Maddalena

    Quando il segreto diventa una condizione di normalità

    Quando il segreto diventa una condizione di normalità, è inevitabile che il sospetto si trasformi in una regola. E - almeno questo non è un segreto - alla Maddalena niente è più normale del segreto. Basti pensare che, dopo ben 31 anni, è ancora impossibile conoscere il contenuto dell’accordo che consentì la nascita della base navale americana a Santo Stefano.
    30 ottobre 2003 - La Nuova Sardegna
pagina 1 di 2 | precedente - successiva

PeaceLink News

Archivio pubblico

Dal sito

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)