Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • I Luoghi della Memoria e la Costruzione della Pace
    Giornata della Tolleranza

    I Luoghi della Memoria e la Costruzione della Pace

    Comune di Napoli - Dipartimento Consiglio Comunale Osservatorio Permanente centro storico di Napoli-sito UNESCO
    10 novembre 2015 - Laura Tussi
  • Nasce una nuova colizione antimilitarista: ecco il comunicato
    Dopo la grande manifestazione NoTrident/NoNato tenutosi il 25.10 a Napoli

    Nasce una nuova colizione antimilitarista: ecco il comunicato

    Per "superare il vecchio movimento pacifista". ben 18 gruppi antimilitaristi hanno detto di sì ad un un "percorso unitario contro il militarismo ed i crescenti pericoli di un conflitto mondiale". Il prossimo incontro è previsto entro la prima metà di dicembre.
    Patrick Boylan
  • Zanotelli: "Venite a Napoli per dire NO alle esercitazioni di guerra!" (video)
    In vista della manifestazione nazionale il 24-10-2015 contro la NATO

    Zanotelli: "Venite a Napoli per dire NO alle esercitazioni di guerra!" (video)

    E' in corso nel Mediterraneo, e fino al 6 novembre, la più grande esercitazione militare dalla "fine" della Guerra Fredda: il Trident Juncture della NATO. Il comando operativo è a Napoli. Si preparano così le prossime guerre per la (ri)conquista violenta dell'Africa, con l'Italia come trampolino di lancio. Zanotelli si oppone e spiega perché in questo brevissimo video.
    Patrick Boylan
  • Mobilitiamoci tutti contro Trident Juncture 2015
    Si prepara così la «Trident Juncture 2015», l’esercitazione che, dal 28 settembre al 6 novembre, si svolgerà in Italia, Spagna e Portogallo con unità terrestri, aeree e navali e con forze speciali di tutti i paesi Nato

    Mobilitiamoci tutti contro Trident Juncture 2015

    Da credente e da seguace di Gesù di Nazareth non posso accettare un mondo così assurdo: un Sistema economico-finanziario che permette a pochi di vivere da nababbi a spese di molti morti di fame e questo grazie a una NATO che spende oltre mille miliardi di dollari all’anno in armi e soprattutto con arsenali ripieni di spaventose armi atomiche. Come credente nel Dio della vita non posso accettare un Sistema di morte come il nostro pagato da miliardi di impoveriti, milioni di morti di fame oltre che da milioni e milioni di morti per le guerre che facciamo.
    7 agosto 2015 - Alex Zanotelli
L'Iniziativa

Fucito (Prc): "In consiglio una delibera per una città anti-atomica"

4 aprile 2007 - Luca Marconi
Fonte: Corriere del Mezzogiorno, Mercoledì 4 Aprile 2007

Napoli - "Mi sono interessato delle iniziative di protesta in Sardegna, dove la base USA della Maddalena ha operato in un regime di totale extragiurisdizionalità. Volevamo verificare denunce di militari, rimasti anonimi, che sostenevano che le acque di raffreddamento dei motori a propulsione atomica sono state sversate in mare contravvenendo alle norme militari che prevedono che vengano filtrate da resine e imbidonate. Veri e conclamati sono i dati sanitari che attestano, per la provincia di Sassari, un aumento di leucemie del 176%. La Regione sarda ha recentemente ottenuto che la base, comprensiva di una nave di appoggio per i sottomatini, vada via entro l'estate", racconta Vittorio Moccia di PeaceLink, uno degli autori del dossier "Allarme Napoli" che ha sollevato il caso "Napoli-porto nucleare" in parlamento. "L'esistenza dei piani d'emergenza - dice Moccia - è la conferma che nei porti di Napoli e Castellammare transitano unità navali a tecnologia nucleare, che non possono offrire gli stessi livelli di protezione di una centrale. In qualche modo rispettano le misure di sicurezza in maniera più blanda".
Per Angelica Romano di Un Ponte Per, coautrice del dossier, c'è ambiguità nelle parole del sottosegretario alla Difesa quando parla, per Napoli, della possibilità concessa ai mezzi di soccorso ai sottomarini in avaria, cioè altri "sottomarini" nucleari, di attraccare al molo San Vincenzo. Per la Romano "sarebbe opportuno un chiarimento".
I "disarmatori" guardano alla città denuclearizzata di Kobe in Giappone. Ventisei anni fa la prefettura di Kobe decise di non autorizzare l'ingresso in porto alle navi che non garantiscono d'essere prive d'armi nucleari. Le navi da guerra statunitensi hanno ordine di non rivelare e non smentire la presenza di armi nucleari a bordo, quindi restano lontane. "Se Napoli diventasse un porto denuclearizzato, - dice Moccia - una iniziativa che dovrebbe partire dal consiglio comunale, non rischieremmo nemmeno episodi devastanti come l'incagliamento del sottomarino nucleare Hardtford in Costa Smeralda nel 2003". L'appello è raccolto dal consigliere Sandro Fucito del Prc: "Ho cercato d'intervenire col sindaco perchè esigesse dal prefetto il piano di evacuazione denunciando l'illegalità in cui ci troviamo - dice Fucito- .
Visto che non sono stati sufficienti gli inviti a fornire i piani, mi impegno a proporre una delibera di consiglio, nella qualità di presidente della commissione Legalità, perchè si dischiari la città contro il nucleare".

Note:

Esclusivo: "La Marina militare americana ha riversato acqua radioattiva nel Parco marino internazionale delle Bocche di Bonifacio".
http://italy.peacelink.org/disarmo/articles/art_19115.html

La Kobe Formula.
http://italy.peacelink.org/disarmo/articles/art_1414.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)