Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Si tagliano continuamente i fondi per la sanità, mentre si continua a sprecare denaro pubblico in armamenti

Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"

"Stiamo morendo in una nuova trincea, quella fredda e buia della burocrazia e in quella ancor più spietata dell’indifferenza delle istituzioni militari, in una trincea strana in cui nessuno ti copre le spalle.."
23 novembre 2012

Carlo Calcagni, Colonnello del Ruolo d’Onore e pilota istruttore di elicottero dell’Esercito Italiano, da dodici anni combatte contro una grave malattia contratta, per cause di servizio, durante una missione di “pace” nei Balcani. Il principale responsabile della sua malattia è l'uranio impoverito utilizzato nelle bombe che venivano lanciate dagli americani sulla Ex Jugoslavia.

Da dodici anni Carlo, oltre che combattere contro la sua malattia, deve contrastare tonnellate di burocrazia che gli rendono ancora più difficili le sue cure. Percorsi di cura costosissimi, a cui si sottopone ciclicamente ogni quattro mesi, per i quali deve recarsi in un centro specializzato inglese, il Breakspear Hospital.

Adesso Carlo ha scritto nuovamente alle Istituzioni del nostro Paese, per ricordare la sua condizione, simile purtroppo a quella di tanti altri giovani italiani.

“Il mio corpo è diventato una discarica di metalli pesanti generati proprio dall’esplosione delle bombe con uranio impoverito che i “nostri” alleati Americani hanno utilizzato per bombardare la ex Jugoslavia appena prima del nostro intervento nei Balcani come Forza Multinazionale di pace, sebbene la “mission” internazionale del nostro Paese sia fondata sull'opzione non violenta e che dovrebbe rispettare l’articolo 11 della Costituzione: «Ripudiamo la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali»”. Carlo Calcagni

Carlo è anche stato un grande ciclista, ha vinto tante corse nella sua carriera un atleta forte e generoso, il cui corpo ora non tiene più i ritmi delle gare e dello sport agonistico. Nella sua lettera lancia delle richieste ben precise ai nostri politici. Richieste di riduzione delle spese militari, di impiego alternativo di quei fondi per altri scopi più necessari e indispensabili rispetto alla guerra, richieste che PeaceLink abbraccia e sostiene fortemente.

Chiede, “con tutto il fiato che gli resta, di valutare seriamente l’azzeramento dei finanziamenti alle guerre per poter consentire al Nostro Paese, in una forte spirale recessiva e in crisi economica, di rialzarsi investendo soldi sporchi in cose Vere ed Essenziali, in servizi primari e fondamentali come la Sanità Pubblica”. Si batte perché il diritto alla cura sia realmente fruibile da tutti in Italia, “Si tagliano continuamente i fondi per la sanità, mentre si continua a sprecare denaro pubblico in armamenti, si pensi ai nuovi acquisti di F-35”.

Nichi Vendola ha risposto alla sua lettera in queste ore, assumendosi un grande impegno nei suoi confronti e nei confronti di chi come lui vive la stessa difficoltà. “Mi chiedi di mantenere le promesse, di ridurre drasticamente le spese militari e di ripudiare la guerra. Lo farò perché la pace, la non violenza, la cooperazione tra i popoli sono per noi bussole non barattabili. Intendo la politica come inchiesta sulle cose della vita, come indignazione civile, come prefigurazione di un mondo liberato: farò la mia parte perché si arrivi alla verità sulle morti e sulle malattie causate dall’uranio killer, mi impegnerò, come ho già fatto, per sottrarre dall’omertà e dall’oblio un Paese che dimentica in fretta e preferisce non sapere”

Pubblichiamo di seguito la sua lettera integrale.

Note: Altri articoli di PeaceLink sulla vicenda di Carlo:
http://www.peacelink.it/cerca/index.php?q=carlo+calcagni

Allegati

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)