Ecodidattica

Green jobs

22 ottobre 2016

Alcuni lavori verdi riguardano quei graduali cambiamenti che portano allo sviluppo di nuove professionalità:installatori di pannelli fotovoltaici, venditori e agenti di tecnologie low emission, esperti di efficienza, responsabili di parchi eolici. D’altro canto, molti lavori tradizionali – elettricisti, ingegneri, architetti – possono convertirsi puntando alla sostenibilità ambientale.
È l’Unep, il programma Onu per l’ambiente, a dimostrare in un rapporto del 2009 (Green jobs: towards decent work in a sustainable, low-carbon world) le potenzialità dell’intero comparto: il mercato mondiale dei prodotti e dei servizi ambientali, entro il 2020, è destinato a raddoppiare, passando da 1.370 a 2.740 miliardi di dollari l’anno. E i green jobs, secondo il pool di economisti che ha redatto il dossier, seguiranno un andamento analogo: nel solo settore delle fonti rinnovabili si contano oggi 2,3 milioni posti di lavoro, le proiezioni indicano che entro il 2030 verrà superata quota 20 milioni. La metà dell’indotto complessivo riguarderà efficienza energetica, trasporto sostenibile, approvvigionamento idrico, servizi igienici e gestione dei rifiuti.
In Italia, secondo i recenti dati diffusi dall’Istituto per la formazione dei lavoratori (Isfol), il numero di addetti dell’ambito "verde" è cresciuto del 41% in 14 anni: nel 1993 erano 263.900, nel 2006 372.000. Numeri che non tengono conto degli oltre centomila impiegati nel settore dell’agricoltura biologico e degli ottantamila lavoratori, diretti e indiretti, di Parchi e Aree protette.

Fonte: Legambiente

 

Al Documento UNEP sui green jobs - titolato "Green jobs: towards decent work in a sustainable, low-carbon world" - sono collegati altri documenti in lingua inglese di approfondimento che entrano nei dettagli circa la tipologia dei "lavori verdi". 

Green jobs Facts and Figures è una scheda di due pagine che riassume il punto di vista dell'ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro, agenzia delle Nazioni Unite).

Articoli correlati

  • Cosa significa "neutral carbon"
    Ecodidattica
    Il Green Deal europeo e la "neutralità climatica"

    Cosa significa "neutral carbon"

    Quando si raggiunge un equilibrio fra le emissioni e l'assorbimento del carbonio allora si parla di "neutralità carbonica" e quindi di politica "neutral carbon". Le foreste sono importanti pozzi di assorbimento naturali della CO2.
    Redazione Ecodidattica
  • SuperBonus, un intero quartiere efficientato
    Ecologia
    Iniziati i lavori delle prime palazzine

    SuperBonus, un intero quartiere efficientato

    Meno consumi, meno impatto ambientale, più comfort per decine di famiglie. Iniziato il cantiere della sostenibilità a Martina Franca, in provincia di Taranto.
    23 aprile 2021
  • Nel Green New Deal c’è la chiave per porre definitivamente fine alle guerre
    Disarmo
    Oggi gli USA spendono settanta miliardi di dollari l’anno per guerre senza fine

    Nel Green New Deal c’è la chiave per porre definitivamente fine alle guerre

    Convertire l’intera rete energetica in energia rinnovabile costerebbe quasi duemila miliardi di dollari in meno delle guerre contro l’Iraq e l’Afganistan.
    13 maggio 2020 - Lindsay Koshgarian
  • Un pianeta pulito per tutti
    Ecodidattica
    L'urgenza di contrastare il cambiamento climatico

    Un pianeta pulito per tutti

    La Commissione Europea il 28 novembre 2018 ha diffuso la sua "visione strategica europea a lungo termine" per un'economia moderna e "climaticamente neutra"
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)