Ecodidattica

La produzione di DRI (direct reduced iron)

L'introduzione dell’idrogeno nel processo produttivo dell’acciaio

Ad Amburgo ArcelorMittal costruirà un impianto pilota che utilizzerà idrogeno su scala industriale per la riduzione diretta del minerale di ferro (DRI o preridotto), tagliando le emissioni di CO2. Attualmente la produzione di DRI avviene utilizzando gas naturale.
Elisa Bonomelli

Idrogeno

Come già, per esempio, SSAB, Thyssenkrupp e Voestalpine, anche ArcelorMittal sta lavorando all’introduzione dell’idrogeno nel proprio processo produttivo dell’acciaio.

Ad Amburgo, il gruppo siderurgico costruirà un impianto pilota che utilizzerà idrogeno su scala industriale per la riduzione diretta del minerale di ferro. Già oggi nel sito siderurgico tedesco si utilizza gas naturale per la produzione di DRI. Quanto ai tempi di realizzazione del nuovo progetto, si parla di un generico «nei prossimi anni»; i costi si aggirerebbero attorno ai 65 milioni di euro.

Nella fase iniziale, l’impianto produrrà 100mila tonnellate l’anno. La procedura sarà testata anche in collaborazione con l’Università di Freiberg. «Il nostro sito di Amburgo – dichiara in una nota Frank Schulz, amministratore delegato di ArcelorMittal Germany – offre ottime condizioni per la realizzazione di questo progetto innovativo: un forno elettrico ad arco, un sistema di stoccaggio di pellet di DRI e minerale di ferro, nonché decenni di esperienza. L’uso di idrogeno come agente di riduzione sarà testato in un nuovo forno» specifica. La separazione di idrogeno puro al 95% dai gas dell’impianto esistente avverrà tramite adsorbimento per inversione di pressione. In futuro, sarà utilizzato idrogeno ricavato da fonti rinnovabili, «quando sarà disponibile in quantità adeguate».

ArcelorMittal, conclude la nota, sta investendo oltre 250 milioni di euro in tecnologie che permettano la riduzione delle emissioni di CO2.

--- Altre notizie ---

ARCELORMITTAL PUNTA SULL’ACCIAIO ALL’IDROGENO (17/9/2019)

Avviato un progetto che permetterà di produrre 100mila tonnellate all’anno nel sito di Amburgo

HYBRIT: PRIMA PIETRA DELL'IMPIANTO PILOTA (20/6/2018)

Avviata la nuova fase del progetto di SSAB, LKAB e Vattenfall per un acciaio fossil-free entro il 2045

VOESTALPINE: LUCE VERDE AL PROGETTO H2FUTURE (25/1/2018)

Nulla osta a progetto per produzione di idrogeno. Eder: «Due decenni per scala industriale di questi processi»

Note: Per approfondimenti
DRI (direct reduced iron) https://en.wikipedia.org/wiki/Direct_reduced_iron

Forni EAF e DRI https://www.isprambiente.gov.it/public_files/cicli_produttivi/Acciaio/Rapporti38_2003Capitolo2.pdf

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)