Comunicato stampa Associazione per i popoli minacciati

La democratizzazione dell'Assemblea Generale dell'ONU può salvare vite umane

Rendere possibile l'intervento in caso di genocidio
13 settembre 2005
Associazione per i popoli minacciati

Bolzano, Göttingen, 12 settembre 2005

In occasione del prossimo vertice dell'ONU a New York l'Associazione per
i popoli minacciati (APM) lamenta l'impotenza delle Nazioni Unite nel
porre velocemente termine a genocidi, esodi forzati e altri gravi
crimini contro l'umanità. Per le vittime di genocidio e di pulizie
etniche è inaccettabile che le cinque potenze con diritto di veto nel
Consiglio di Sicurezza, Stati Uniti, Gran Bretagna, Russia, Francia e
Cina, impediscano continuamente veloci e incisivi interventi contro i
massacri. Sebbene le varie Commissioni d'inchiesta dell'ONU abbiano
ammesso il fallimento degli interventi nel caso di Srebrenica e del
Ruanda e nonostante sia stato accettato anche il perdurante genocidio in
Darfur nel Sudan occidentale, l'iniziativa britannica di una bozza di
accordo sull'intervento dell'ONU in caso di Genocidio non ha mai avuto
anche una sola possibilità di superare la resistenza all'interno
dell'Assemblea Generale. Con le nostre innumerevoli iniziative davanti
alle Commissioni ONU per i diritti umani e le minoranze minacciate al
fine di impedire genocidio e sfollamenti di massa ci siamo sempre dovuti
confrontare con Governi che negano i crimini e impediscono l'intervento
dell'ONU.

Come organizzazione per i diritti umani con status consultivo presso il
Consiglio economico e sociale dell'ONU (ECOSOC) l'APM chiede una
profonda democratizzazione delle Nazioni Unite e la creazione di una
forza d'intervento operativa dell'ONU per un impiego rapido e incisivo
nel caso di crimini contro l'umanità. Il predominio nell'ONU delle
cinque grandi potenze deve gradualmente terminare. L'Assemblea Generale
dell'ONU non può essere controllata esclusivamente da rappresentanti dei
Governi ma deve essere integrata da una assemblea parlamentare
liberamente e democraticamente eletta. Un modello in questa direzione
potrebbe essere rappresentato dal Parlamento europeo. Infine si dovrebbe
garantire il diritto di parola alle organizzazioni internazionali per i
diritti umani e ai rappresentanti dei rispettivi gruppi delle vittime.

Note: Vedi anche:

* www.gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/040629it.html |
www.gfbv.it/2c-stampa/03-2/030516it.html |
www.gfbv.it/2c-stampa/03-1/030425it.html |
www.gfbv.it/2c-stampa/02-3/020909it.html |
www.gfbv.it/2c-stampa/1-00/23-5-it.html |
www.gfbv.it/2c-stampa/2-00/5-9-it.html

* www: www.un.org | www.iccnow.org | www.icc-cpi.int | www.unhcr.de |
www.crimesofwar.org | www.ess.uwe.ac.uk/genocide.htm | www.ifhv.de

Articoli correlati

  • TPAN: una data storica per l’umanità
    Pace
    TPAN. Un’autentica svolta per l’umanità. Uno dei più grandi traguardi del pacifismo mondiale

    TPAN: una data storica per l’umanità

    Il 22 gennaio 2021 entra in vigore a livello mondiale il TPAN- Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari, uno dei tanti tasselli del lavoro e del percorso per la pace del XXI secolo
    12 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • EPU, l’Honduras con le spalle al muro
    Latina

    EPU, l’Honduras con le spalle al muro

    L’Onu verificherà le azioni fatte per migliorare la situazione dei diritti umani
    23 ottobre 2020 - Giorgio Trucchi
  • Perché occuparsi di Palestina? Intervista a Gabriella Grasso 
    Palestina
    Intervista a Gabriella Grasso

    Perché occuparsi di Palestina? Intervista a Gabriella Grasso 

    Sta per uscire “Embargo Militare contro Israele”, dossier a cura di BDS Italia con il sostegno di PeaceLink e la collaborazione del Collettivo A Foras
    20 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • ONU, giornata internazionale per la pace
    Pace
    21 settembre 2020

    ONU, giornata internazionale per la pace

    Lo slogan è "plasmare la pace insieme". L'Assemblea Generale dell'ONU lancia un importante messaggio affinché sia dichiarato il cessate il fuoco in tutte le zone di conflitto e vengano rafforzati gli ideali di nonviolenza che possono accomunare i popoli.
    21 settembre 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)