Un video sul riutilizzo domestico dell'acqua grigia.

L'acqua è un bene prezioso!

Un suggerimento pratico per dare risposte in prima persona agli sprechi idrici. Un semplice accorgimento di risparmio idrico accessibile a tutti sin da oggi. Prova anche tu a cambiare. Dare da bere ai poveri del mondo dipende da te.
25 gennaio 2007
Matteo Della Torre (Casa per la nonviolenza, associazione di ispirazione gandhiana.)

Bacinella per il riutilizzo domestico dell'acqua grigia.

Il problema della scarsità d'acqua è una delle più gravi emergenze del pianeta. Oggi sappiamo che 1 miliardo e 500 milioni di persone, il 30% della popolazione mondiale, non ha accesso all'acqua potabile, il 40% non ha fogne e servizi igienici. Altri 2 miliardi non dispongono d'acqua a sufficienza per una vita normale. Pertanto è sommamente illogico ed ingiusto sperperare per lo sciacquone del WC 12 litri d'acqua potabile ad ogni utilizzo. Per il recupero dell'acqua grigia c'è chi auspica l'installazione di un impianto a pompa che porti l'acqua grigia nella cassetta del water. E' un'operazione complessa e costosa. Le soluzioni semplici sono sempre le migliori. La mia famiglia, da anni, riutilizza così l'acqua grigia del lavandino e della cucina: l'acqua saponata dei lavaggi in bagno o per pulire le verdure viene raccolta in una bacinella e poi versata in un secchio (se è troppa in una tinozza zincata).
Successivamente, ad ogni utilizzo del Wc, versiamo la quantità di acqua saponata necessaria prendendola dalla bacinella, secchio o tinozza.

www.uomoplanetario.org

Note: - YouTube link di questo video: http://www.youtube.com/watch?v=BEy5zdCtza4

Note sull'autore: http://db.peacelink.org/tools/author.php?l=sarvodaya
Note sulla Casa per la nonviolenza: http://db.peacelink.org/associaz/scheda.php?id=1155

Allegati

Articoli correlati

  • Scuola. Il viaggio senza fine
    Pace
    Esperienze di educazione alla pace

    Scuola. Il viaggio senza fine

    A scuola è necessario imparare a riconoscere e gestire anche la parte emotiva dell’apprendimento: stati d'animo, insicurezza, esigenza di supporto da parte dell'adulto, sofferenza psichica, disagio emotivo.
    9 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Riflessioni di un obiettore di coscienza e di una attivista
    Pace
    Ricorda Calamandrei: basta guerre, distruzioni, viviamo in altri modi e mondi possibili

    Riflessioni di un obiettore di coscienza e di una attivista

    Dalla Seconda Guerra Mondiale, al processo di Norimberga, dai movimenti per la nonviolenza e il disarmo, fino a arrivare alle Università per la Pace
    12 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • Educazione e Ambiente 
    Ecologia
    Esperienze didattiche

    Educazione e Ambiente 

    L'amore e l'interesse per la natura sono stati la forza motrice del progetto "Educazione e ambiente", un viaggio nel quale i miei colleghi e io ci siamo confrontati all’unisono. È servito a stimolare numerose discussioni pedagogiche e ha incoraggiato l’applicazione di diverse teorie educative.
    7 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • L’Agenda delle idee
    Cittadinanza
    A scuola con Agenda Onu 2030

    L’Agenda delle idee

    Progetti di sviluppo dell’educazione all’attivismo partecipativo in base agli obiettivi di Agenda Onu 2030
    5 dicembre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)