"La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo" (articolo 2 della Costituzione Italiana)

Illegale e vergognoso il respingimento in Libia degli immigrati

Non era mai successo che il Ministro dell'Interno si vantasse pubblicamente di aver attuato ("per la prima volta") un respingimento senza identificazione, in aperta violazione della Convenzione di Ginevra del 1954 oltre che della Costituzione Italiana. Ferma condanna di PeaceLink.
11 maggio 2009
Alessandro Marescotti

Lasciateci vivere! Manifestazione nazionale per i diritti degli immigrati - Roma, Montecitorio, giovedi' 26 febbraio ore 10 PeaceLink ritiene illegale e vergognoso il respingimento in Libia degli immigrati, in violazione delle convenzioni internazionali e dell'articolo 2 della Costituzione italiana: "La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo".

E' la prima volta che accade in Italia. Lo afferma lo stesso Maroni: "Vorrei confermare una notizia che è apparsa oggi e che è davvero molto importante perché rappresenta una svolta nel contrasto all'immigrazione clandestina: per la prima volta nella storia siamo riusciti a rimandare direttamente in Libia i clandestini che abbiamo trovato ieri in mare su tre barconi. Non è mai successo, fino ad ora dovevamo prenderli, identificarli e rimandarli nelle nazioni di origine. Per la prima volta la Libia ha accettato di prendere cittadini extracomunitari che non sono libici ma che sono partiti dalle coste libiche". (1)

La cosa paradossale è che il ministro Maroni entra in contrasto con la stessa Polizia di Stato che nel suo sito web ha pubblicato una pagina sul diritto di asilo in cui si legge: "In base alla Convenzione di Ginevra, la richiesta di asilo politico, può essere presentata dal cittadino straniero all'ufficio di polizia di frontiera, al momento dell'ingresso in Italia". (2)

Roberto Maroni

Il Ministro degli Interni Maroni invece, violando la Convenzione di Ginevra, si vanta di respingere in Libia gli immigrati.

Vorremmo ricordare che in passato vi è stato un bombardamento, sempre di quelli "umanitari", dei caccia Usa contro di "dittatore Gheddafi", che ora invece è nostro alleato nella "pulizia" delle coste.

Vorremmo ricordare che, sempre per ragioni "umanitarie", andiamo a sparare e bombardare in Afghanistan. Per "ridare i diritti umani" agli afghani.

Ora tutta questa messa in scena diventa patetica, oltre che disgustosa. Esibiamo intenti di redenzione dell'umanità con missioni militari all'estero per poi mostrare un assoluto dispregio dei diritti degli uomini che si avvicinano alle nostre coste fuggendo dalla miseria e dalle dittature. E offriamo nelle mani di un dittatore coloro di cui ci vogliamo sbarazzare.

Catalogare come "clandestini" quei migranti che fuggono da violenze o persecuzioni è ridicolo: come fuggivano gli ebrei dal nazismo se non clandestinamente?

Con ministri come Maroni "clandestino" rischia di diventare in Italia il senso della legalità e della solidarietà.

Concludiamo, per i ragazzi che ci stanno leggendo, queste semplici informazioni che potete trovare sulla Wikipedia.

"Hanno diritto di asilo i "rifugiati". Quello di "rifugiato" è uno status riconosciuto, secondo il diritto internazionale (art. 1 della Convenzione di Ginevra relativa allo status dei rifugiati del 1954), a chiunque si trovi al di fuori del proprio paese e non possa ritornarvi a causa del fondato timore di subire violenze o persecuzioni. Il riconoscimento di tale status giuridico è attuato dai governi che hanno firmato specifici accordi con le Nazioni Unite, o dall’UNHCR secondo la definizione contenuta nello statuto dell’Alto Commissariato". (3)

C'è un governo che fa affidamento su chi ignora queste cose.
PeaceLink fa affidamento su chi le conosce e vuole che i diritti umani vivano nel cuore delle persone. Perché se si spegne il senso della solidarietà e dell'indignazione muore il futuro.

Alessandro Marescotti
Presidente di PeaceLink
http://www.peacelink.it

(1) http://www.adnkronos.com/IGN/Politica/?id=3.0.3287347037
(2) http://poliziadistato.it/articolo/212-Richiesta_di_asilo_politico
(3) http://it.wikipedia.org/wiki/Diritto_di_asilo

Note: Immigrati, Fassino: Non è procedura irregolare

Sulla questione dei respingimenti alle frontiere è intervenuto l'ex segretario e ministro del Pd Fassino, per dire che "è un'azione legittima di contrasto dell'immigrazione clandestina, praticato anche durante il governo di centrosinistra". Certo, ha aggiunto, bisognerebbe fare una distinzione per chi ha diritto a chiedere asilo politico ma nella pratica si tratterebbe di una procedura "molto complessa e molto difficile da gestire".
Fonte: Giornale Radio RAI 8/5/2009
http://www.radio.rai.it/grr/view.cfm?V_IDNOTIZIA=51340&Q_PROG_ID=421&Tematica=5

Articoli correlati

  • Tzvetan Todorov
    Storia della Pace
    Credeva un ideale umanistico di razionalita', moderazione e tolleranza

    Tzvetan Todorov

    Ricordato a Viterbo nel secondo anniversario della scomparsa. E' stato un grande studioso, autore di opere fondamentali in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani. Scrisse: “È civilizzato, sempre e ovunque, chi sa riconoscere pienamente l’umanità degli altri.”
    7 febbraio 2019 - Peppe Sini
  • Il Guatemala nelle mani della criminalità e di politici corrotti
    Latina
    Il paese è caduto in una profonda crisi politica ed economica. Nessuno spazio per i diritti umani

    Il Guatemala nelle mani della criminalità e di politici corrotti

    Il presidente Jimmy Morales dichiara guerra alla Commissione internazionale contro la corruzione e l’impunità (Cicig)
    16 gennaio 2019 - David Lifodi
  • Perché in Congo il governo oscura Internet?
    Pace
    I retroscena di una situazione di stallo

    Perché in Congo il governo oscura Internet?

    Nella Repubblica Democratica del Congo Kabila ha capito di aver perso le elezioni e per questo blocca gli sms e Internet, rinviando la comunicazione dei risultati elettorali
    6 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Il tessitore dei diritti umani
    Pace
    Iqbal Masih, tredici anni, è stato ucciso a Lahore il 16 aprile 1995

    Il tessitore dei diritti umani

    Iqbal Masih era colpevole: colpevole per essersi ribellato in Pakistan alla mafia dei tappeti, allo sfruttamento minorile ed aver istigato altre persone a seguire il suo esempio. A questa pagina web è allegato un fumetto su Iqbal Masih da diffondere nelle scuole realizzato da World's Children's Prize Foundation e tradotto in italiano da PeaceLink.
    3 marzo 2018 - Giacomo Alessandroni
    Traduzione a cura di PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)