Le nuove leggi razziste.

Una società di "analfabeti dell'intercultura", segnata dalla paura

Il parlamento approva il pacchetto sicurezza, zeppo di norme discriminatorie, a cominciare dal reato di "clandestinità". Un provvedimento che ricorda le leggi del 1938. Il commento di Giorgio Poletti, missionario comboniano.
21 luglio 2009
Giorgio Poletti (Missionario Comboniano)

Fratello di colore

Nel giorno tragico dell'approvazione in parlamento del pacchetto sicurezza, che contiene numerose norme discriminatorie, probabilmente incostituzionali, sicuramente ispirate a una visione razzista, vale la pena leggere l'articolo di commento scritto da Giorgio Poletti, missionario comboniano a Castel Volturno. (da )

LA PAURA
Il disegno di legge sulla sicurezza approvato oggi in senato è anticostituzionale e discriminatorio. Ma in una giornata come questa va anche detto che quel provvedimento è condiviso dalla maggioranza dei cittadini del nostro paese, cittadini di una società che ha paura e rinuncia ad avere una visione del proprio futuro.

Le nuove norme approvate sono condivise anche dalla maggioranza dei cattolici. I deboli pronunciamenti contrari, espressi negli ultimi mesi della Conferenza episcopale italiana, non hanno avuto alcun effetto; del resto, non sono parte di una politica più ampia che metta al centro l’accoglienza dei migranti.

Anche la Chiesa ha paura e si chiude sempre più in se stessa.
Le ronde autorizzate da questa legge sono il simbolo dei sentimenti di paura e chiusura sempre più diffusi, sentimenti che un movimento eversivo come la Lega ha intercettato e poi moltiplicato, quando ha saputo intrecciarsi con il berlusconismo. Per questi motivi oggi la società, non solo la politica, va sempre più a destra.

L’attesa, il trascorrere del tempo in una società stanca e chiusa, la paura e il desiderio del nuovo, ma anche il senso della morte, il vuoto e l’ansia di colmarlo, insomma tutte le infinite sfaccettature del vivere – raccontate in modo geniale in un romanzo come «Il deserto dei tartari» – si sono radicati nella società italiana che rifiuta il fenomeno dell’immigrazione. Siamo degli analfabeti dell’intercultura, rifiutiamo l’incontro, il dialogo, l’accoglienza perché abbiamo paura del dialogo profondo, quelle che cambia le persone.

Non è possibile nell’immediato eliminare un razzismo così radicato, non è alla nostra portata. Ma abbiamo il dovere di individuarlo e contrastarlo, ricominciando a costruire reti, a superare frazionamenti, a fare opinione critica.

Giorgio Poletti

Articoli correlati

  • Studentessa di Mediazione Interculturale picchiata da uno studente italiano
    Migranti
    E' accaduto ieri a Bari

    Studentessa di Mediazione Interculturale picchiata da uno studente italiano

    Domani manifestazione di solidarietà davanti al municipio di Bari. La notizia è nella pagina Facebook degli Studenti Stranieri Università di Bari
    31 gennaio 2019 - Redazione PeaceLink
  • 4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Editoriale

    4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una politica di disarmo, poiche' le armi sempre e solo uccidono gli esseri umani.
    Per questo sosteniamo la richiesta che l'Italia sottoscriva e ratifichi il Trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari del 7 luglio 2017.
    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che secondo autorevoli stime gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di settanta milioni di euro al giorno.
    29 ottobre 2018 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • Perché si diventa razzisti?
    Storia della Pace
    Uno studio condotto da ricercatori della Duke University e della Princeton University

    Perché si diventa razzisti?

    I razzisti sono persone che vivono male e che proiettano sugli altri il proprio disagio. E' nelle epoche di grande crisi economica e sociale - come la nostra - che serpeggia in razzismo come meccanismo di difesa
    3 luglio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Oggi avremmo più che mai bisogno di una personalità rivoluzionaria e carismatica come Martin Luther King
    Pace
    A cinquanta anni dall'assassinio di Martin Luther King

    Oggi avremmo più che mai bisogno di una personalità rivoluzionaria e carismatica come Martin Luther King

    Razzismo e xenofobia minacciano di diffondersi nei cuori e nelle menti di molte persone assieme ad un egoismo sociale e politico che contrasta con i principi di solidarietà su cui si basa la nostra Costituzione. Avremmo bisogno ancora oggi di un visionario che dica a tutti: "I have a dream".
    1 aprile 2018 - Laura Tussi e Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)