Genova

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Per una Giornata della Memoria davvero inclusiva
    Iniziativa in una scuola nel quartiere romano di San Lorenzo

    Per una Giornata della Memoria davvero inclusiva

    Dicono i promotori: "Oggi quasi tutte le commemorazioni per la Giornata della Memoria s'incentrano più o meno su un solo gruppo di deportati, a scapito degli altri. Ma così non conservano la memoria, l’offuscano." Perciò propongono lo studio di diverse deportazioni, in particolare quelle che vengono sistematicamente dimenticate.
    27 gennaio 2018 - Patrick Boylan
  • Manovre militari alla Tripla Frontera
    L’addestramento degli eserciti di Stati Uniti, Brasile, Perù e Colombia guarda minacciosamente verso Caracas

    Manovre militari alla Tripla Frontera

    Il territorio latinoamericano fa gola a molti perché ricco di risorse naturali
    15 novembre 2017 - David Lifodi
  • Reato di tortura: i risvolti di una legge
    Approvata la legge sulla tortura

    Reato di tortura: i risvolti di una legge

    Gran parte degli atti commessi alla scuola Diaz, se giudicati in base alla nuova legge, non sarebbero qualificabili come torture
    20 luglio 2017 - Laura Tussi e Vittorio Agnoletto
  • Presidenziali Guatemala: Jimmy Morales favorito su Sandra Torres
    Al ballottaggio del 25 ottobre l’ex comico potrebbe conquistare la presidenza grazie alla sua propaganda apertamente razzista

    Presidenziali Guatemala: Jimmy Morales favorito su Sandra Torres

    Il suo partito, il Frente de Convergencia Nacional, è costituito da ex militari di estrema destra
    14 ottobre 2015 - David Lifodi

Altro che G8. Ora la polizia è militarizzata

21 luglio 2006 - Manlio Dinucci
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Alla prima seduta del Senato, lo scorso 28 aprile, 55 senatori di tutta l'Unione hanno richiesto di istituire una Commissione parlamentare d´inchiesta su quanto accaduto cinque anni fa durante il G8 di Genova. Come ha detto il senatore Gigi Malabarba (che il 20 luglio cede il posto a Haidi Giuliani, madre di Carlo) bisogna «risalire alla catena di comando delle forze dell'ordine che ha deciso quei comportamenti nelle piazze, nella scuola Diaz e nella caserma di Bolzaneto». Giustissimo. Occorre però preoccuparsi non solo di quanto accadde nel luglio 2001, ma di quanto è appena accaduto nel luglio 2006.
Intervenendo il 4 luglio alle commissioni difesa congiunte di senato e camera, il ministro della difesa Arturo Parisi ha sottolineato che «l'accesso alle carriere iniziali nelle forze di polizia è riservato, da quest'anno fino al 2020, ai volontari delle forze armate». Il governo Prodi conferma così di condividere appieno la legge 226 che, varata dal governo Berlusconi il 23 agosto 2004, stabilisce la sospensione anticipata del servizio obbligatorio di leva: poiché per entrare nelle forze di polizia ad ordinamento civile e militare (l'Arma dei carabinieri) occorre aver fatto il servizio militare, i posti messi annualmente a concorso in tali corpi vengono riservati ai volontari in ferma prefissata di un anno o in rafferma annuale.
«Tale meccanismo - sottolinea Parisi - consente alle forze di polizia di incorporare personale che, seppure formato in funzione dell'impiego nelle forze armate, può vantare un'esperienza più ampia rispetto a quella di chi proviene direttamente dalla vita civile, maturata proprio negli impegni di sicurezza cui sopra ho fatto cenno», ossia nelle «missioni di sicurezza» all'estero.
Questo è certo. I volontari dell'esercito che hanno prestato servizio in teatri bellici come quelli dell'Iraq o Afghanistan, e poi entrano nella polizia, possiedono una «esperienza più ampia» rispetto a chi proviene dalla vita civile: sono addestrati alla guerra, sono abituati a combattere. Questo è il bagaglio formativo, non solo militare ma ideologico, che essi portano con sé entrando nella polizia di stato. In tal modo il «nuovo modello di difesa» - che proietta le nostre forze armate in uno «spazio estesosi a tutto il mondo» per «la difesa degli interessi vitali del paese» e «la gestione delle crisi internazionali» (Parisi) - incide profondamente non solo nella politica estera ma in quella interna.
Il concetto di sicurezza - afferma il capo di stato maggiore della difesa di Paola - si configura sempre più come «un continuum senza frontiere, in cui sicurezza interna e sicurezza esterna non sono più separate» (Centro alti studi per la difesa, 20 giugno). Nel quadro di questa dottrina militare l'Arma dei carabinieri è già stata collocata, con il rango di forza armata, alle dirette dipendenze del capo di stato maggiore della difesa, in base alla legge 78 varata dal secondo governo D'Alema il 31 marzo 2000. Nel quadro della stessa dottrina, la polizia di stato viene di fatto militarizzata riservando l'accesso ai volontari delle forze armate.
Dovrebbero riflettere quei pacifisti che nel 2004 hanno inneggiato (anche sul manifesto) all'abolizione della leva obbligatoria, sostenendo che «cattive ragioni possono produrre talvolta buoni risultati». La leva obbligatoria è stata abolita perché occorre un esercito di professionisti della guerra, proiettabile in Afghanistan e altri teatri bellici nel quadro della strategia statunitense e della Alleanza atlantica.
E i professionisti della guerra - compresi quelli che il 6 agosto 2004 urlavano a Nassiriya «E' ferito, annichiliscilo!» (filmato di Rai News 24, 8-12-2005) - da ora in poi opereranno nel nostro paese con le divise della polizia di stato. E' questo un processo potenzialmente pericoloso per la nostra democrazia, che finora nessuno ha posto in discussione in parlamento e nel paese. Che cosa si aspetta? Una situazione come quella di cinque anni fa a Genova, magari con agenti della polizia di stato che urlano «annichiliscilo»?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)