Latina

Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

Perù: prosegue il conflitto sociale

Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
23 gennaio 2023
David Lifodi

Perù: prosegue il conflitto sociale

Il progetto di legge che mira a far entrare in Perù personale militare straniero con armi da guerra è solo l’ultimo degli sfregi al paese della presidenta de facto Dina Boluarte, che cerca di rimanere aggrappata al potere utilizzando la mano dura contro il levantamiento popolare.

In tutto il paese si susseguono le manifestazioni di protesta che sono arrivate anche a Lima. Definita come la Marcha de los cuatro suyos, in onore ai punti cardinali dell’impero inca, ma anche in ricordo di un’altra mobilitazione oceanica, quella del 2000 contro l’allora presidente Fujimori, indigeni e contadini hanno cercato di prendere la capitale, la toma de Lima, per chiedere ancora una volta le dimissioni di Dina Boluarte e la convocazione di nuove elezioni e di un’assemblea Costituente.

La protesta in quella che era la capitale dell’impero inca, ma che adesso è percepita come il luogo da cui l’oligarchia decide il destino del paese, era stata promossa nell’ambito dello sciopero generale promosso dalla Central General de Trabajadores del Perú e dai movimenti sociali che proseguono nel blocco delle strade in tutto il Perù.

Ad attendere i manifestanti un gigantesco spiegamento di polizia, autorizzata da Boluarte ad intervenire per “ripristinare lo stato di diritto” allo scopo di tutelare quell’oligarchia che considera gli indios come “migranti”, pur abitando nello stesso paese, per tacere degli insulti, da “selvaggi” a “terroristi”, nei confronti della popolazione aymara o quechua.

Accusati di essere finanziati dall’estero e di voler seminare il caos nel paese, le organizzazioni popolari ed un movimento principalmente spontaneo e auto-organizzato stanno cercando di tener testa ad un Congresso schierato in grandissima maggioranza con la presidenta, soprannominata Balearte (dal gioco di parole con balear, sparare), gode di non più del 10% di consenso nel paese.

Difficilmente in Perù avverrà una pacificazione sociale finché resteranno al potere Dina Boluarte e il generale di ultradestra José Williams, da lei stessa nominato alla guida del Congresso e responsabile dei massacri dei campesinos negli anni Ottanta, oltre che dell’uccisione a sangue freddo dei tupamaros che avevano occupato l’ambasciata giapponese di Lima, avvenuta il 22 aprile 1997.

La sola anticipazione delle elezioni al 2024, inizialmente previste nel 2026 (alla fine del mandato di Castillo), non è bastata a placare la rabbia popolare. Cárcel para los asesinos e Dina, asesina, el pueblo te repudia! sono i principali slogan di una protesta che disprezza, ricambiata, le elites, ma che evidenzia anche lo scollamento tra elettorato e rappresentanza politica, come testimoniato da una mobilitazione sociale all’insegna dello spontaneismo.

Secondo OjoPúblico, dal 7 dicembre scorso, quando Boluarte si è impossessata del potere, 49 persone sono state uccise nel corso delle proteste, compresi minori. Gran parte dei decessi sono stati provocati da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito.

Secondo il decreto legislativo 1186, approvato nell’agosto 2015, la polizia non dovrebbe sparare a breve distanza dai manifestanti, come invece è accaduto, a meno di rischio imminente della vita e in ogni caso non per i casi di rimozione dei blocchi stradali.

Il Manual de procedimientos para las operaciones de mantenimiento y restablecimiento de orden público sarebbe stato completamente disatteso dalle forze dell’ordine, così come l’utilizzo di armi letali è stato utilizzato in maniera del tutto sproporzionata.La sensazione è che il conflitto sociale, in Perù, sia ben lontano dal terminare.

Articoli correlati

  • "Non dobbiamo mai dimenticare che siamo Resistenza"
    Latina
    Honduras

    "Non dobbiamo mai dimenticare che siamo Resistenza"

    A 15 anni dal golpe civile-militare, l'Honduras avanza sulla strada della rifondazione. A Tegucigalpa si riuniscono la Celac Sociale e il Foro di Sao Paulo
    4 luglio 2024 - Giorgio Trucchi
  • Perù: il fiume Marañón soggetto di diritti
    Latina
    Grazie all’instancabile lotta delle donne indigene kukama

    Perù: il fiume Marañón soggetto di diritti

    Il corso d’acqua è stato riconosciuto come forma di sostentamento degli indios e ne riconosce la cosmovisione.
    25 giugno 2024 - David Lifodi
  • Gli Usa militarizzano l'Ecuador
    Latina
    Il Sofa – Status of Forces Agreement è un accordo militare capestro

    Gli Usa militarizzano l'Ecuador

    Approvato da Guillermo Lasso e poi ratificato dall’attuale presidente Daniel Noboa, l'accordo permetterà agli Stati Uniti di gestire la sicurezza sul territorio ecuadoriano trasformando il paese latinoamericano in una sorta di colonia
    10 giugno 2024 - David Lifodi
  • Il concetto di sicurezza nazionale israeliana e la sua recezione in Italia
    Disarmo
    Identità etnica e culturale, tradizione religiosa e Stato forte e ben armato

    Il concetto di sicurezza nazionale israeliana e la sua recezione in Italia

    Sulle modalità di esercizio del potere il governo italiano ha trovato in quello israeliano una felice combinazione fra teoria e prassi
    4 giugno 2024 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)