Genova

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Per una Giornata della Memoria davvero inclusiva
    Iniziativa in una scuola nel quartiere romano di San Lorenzo

    Per una Giornata della Memoria davvero inclusiva

    Dicono i promotori: "Oggi quasi tutte le commemorazioni per la Giornata della Memoria s'incentrano più o meno su un solo gruppo di deportati, a scapito degli altri. Ma così non conservano la memoria, l’offuscano." Perciò propongono lo studio di diverse deportazioni, in particolare quelle che vengono sistematicamente dimenticate.
    27 gennaio 2018 - Patrick Boylan
  • Manovre militari alla Tripla Frontera
    L’addestramento degli eserciti di Stati Uniti, Brasile, Perù e Colombia guarda minacciosamente verso Caracas

    Manovre militari alla Tripla Frontera

    Il territorio latinoamericano fa gola a molti perché ricco di risorse naturali
    15 novembre 2017 - David Lifodi
  • Reato di tortura: i risvolti di una legge
    Approvata la legge sulla tortura

    Reato di tortura: i risvolti di una legge

    Gran parte degli atti commessi alla scuola Diaz, se giudicati in base alla nuova legge, non sarebbero qualificabili come torture
    20 luglio 2017 - Laura Tussi e Vittorio Agnoletto
  • Presidenziali Guatemala: Jimmy Morales favorito su Sandra Torres
    Al ballottaggio del 25 ottobre l’ex comico potrebbe conquistare la presidenza grazie alla sua propaganda apertamente razzista

    Presidenziali Guatemala: Jimmy Morales favorito su Sandra Torres

    Il suo partito, il Frente de Convergencia Nacional, è costituito da ex militari di estrema destra
    14 ottobre 2015 - David Lifodi

Che ci fa De Gennaro ancora lì?

5 anni dopo l’uccisione di Carlo Giuliani
20 luglio 2006 - Antonella Marrone
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

Le giornate del G8 genovese, la morte di Carlo Giuliani il 20 luglio del 2001, hanno modificato la vita di tante persone. Di chi era lì e non ha “saputo” raccontare che cosa accadde. Non ha saputo raccontare perché il racconto prevede un ascoltatore attento, curioso. Invece, al ritorno da Genova, gli “ascoltatori” già sapevano “tutto”, avevano visto i tigì, letto i giornali. La morte di Carlo? Accidentale, legittima difesa. Gli scontri? Chiaro c’erano i disobbedienti, i black bloc. Diaz? Bolzaneto? Beh qualche episodio, qualche eccesso...
Si può raccontare una storia solo a patto che chi ti sta di fronte non abbia pregiudizi. La versione del governo e della polizia aveva già fatto piazza pulita, in un paio di serate, di possibili altre versioni, accreditando il pensiero unico di morti accidentali e di qualche eccesso repressivo.

Ma il G8 del 2001 è stato anche un evento ”mediattivo“ - come si dice - e tra telecamere e macchine fotografiche non c’è stato angolo della sconvolta Genova che non sia stato filmato. La verità, in questi cinque anni ha cercato, così, di farsi largo, si sta ancora facendo largo, e c’è un po’ più di gente che crede alla ”nostra“ storia. Il Sistema resiste, rancoroso, sorvolando sul fatto che lì, in quei giorni, come per altro ha denunciato Amnesty International, i diritti umani sono stati violanti come non era mai successo, dal dopoguerra, in una democrazia occidentale.

L’altra sera su Rai Due è andato in onda uno speciale de “La storia siamo noi”, il programma di Minoli che ha confezionato spledide puntate su casi e misteri del secolo scorso. Questo speciale, diciamo la verità, non è stato all’altezza di altri, si poteva osare molto di più. Ma un paio di cose ce le ha dette. Prima cosa: ci ha ricordato chi comandava, durante quei giorni. C’era l’inconsistente e burocratico ministro Scajola dimessosi, dopo un anno, per affermazioni vergognose sull’omicidio Biagi, ma che avrebbe fatto bene ad andarsene anche per Genova. C’era l’atletico vicepresidente Fini (questo non lo ha detto lo speciale, ma lo ricordiamo noi) che era proprio lì, sin dalle prime ore della mattina, al “posto di comando” nella Caserma dei carabinieri del Forte San Giuliano. Fini ce lo siamo tenuto per cinque anni, e pace. C’era un capo della polizia che si chiama De Gennaro, che ha ovviamente sovrainteso a tutte le operazioni (all’epoca dei fatti si trincerò dietro beghe tecniche che non lo vedevano “direttamente” responsabile di quel che era accaduto) e che è passato indenne dal governo di centro sinistra a quello di centro destra, e ritorno, e che ancora sta al suo posto. Questo non è comprensibile. Se è stato difficile raccontare Genova (e lo è ancora oggi) è stato anche perché De Gennaro, Fini e Scajola l’hanno raccontata in maniera diversa da come l’abbiamo vista noi. Gli altri non ci sono più. De Gennaro ancora lì. Come mai? L’altra cosa che lo speciale di Rai Educational ha sottolineato molto chiaramente è che nel programma dell’Unione c’è scritto (scritto!) che il governo si sarebbe impegnato per la creazione di una commissione di inchiesta sulle violenze di Genova. Questo è un fatto. La commissione d’inchiesta si deve alla democrazia di questo paese, a Carlo, alla sua famiglia e a migliaia e migliaia di donne e uomini che a Genova andarono nel 2001 per suggerire un altro mondo possibile. Ma Violante che ne sa di queste cose?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)