Kimbau

Scarica il file sonoro

Intervista radiofonica a Chiara Castellani

18 ottobre 2005
Fonte: Rai Radio Uno, Pianeta Dimenticato 18/10/2005, http://www.pianetadimenticato.rai.it

Chiara Castellani insieme alla sua gente

Cecilia Rinaldini:

Repubblica Democratica del Congo a confine con l’Angola, due giorni di viaggio dalla capitale Kinsasa nel villaggio di Kimbau nel cuore della savana del Bamdungu da quasi 15 anni vive e lavora Chiara Castellani, ginecologa e chirurga di guerra volontaria dell’Aifo, associazione amici di r.c., è l’unico medico per i 150 mila abitanti della regione, dal 1992 a causa di un incidente stradale ha perso il braccio destro.

Chiara Castellani:

Io ho dovuto imparare a delegare, se c’è un urgenza chirurgica fino al 92 ero io che operavo e magari un altro mi assisteva. Adesso io assisto con le parole e a volte con la mano sinistra, altri operano a mio nome.

L’altro giorno ci siamo trovati con un bambino con un parto podalico, la testina era rimasta imprigionata, se avessi avuto due mani l’avrei tirato fuori io e l’avrei fatto, invece ho dovuto guidare l’allevatrice che lo facesse lei facendo la doppia rotazione e lei l’ha capito e l’ha fatto.

E’ importante e sono obbligata a spiegare in questo modo a spiegare a lei come deve fare. E’ più difficile ma lascerà molta più traccia.

Cecilia Rinaldini:

Trasmettere l’esperienza e insegnare alle giovani generazioni è ora l’impegno prioritario di Chiara Castellani che oltre essere responsabile dell’Ospedale di Kimbau dal 2000 dirige la scuola infermieri della zona.

La malaria e la tubercolosi sono le prime cause di morte in Congo, ma la terza emergenza è la malattia del sonno dimenticata dalle case farmaceutiche.


Chiara Castellani:

E’ una malattia per la quale non esiste un trattamento salvo un trattamento a base di arsenico di estrema tossicità, che ammazza il 5 % dei malati trattati e per cui la ricerca farmacologia non si muove per cui non c’è nessun interesse economico a scoprire il trattamento per una malattia che colpisce solo dei poveracci che vivono nelle foreste tropicali.

Esiste in realtà un farmaco di più elevata efficacia che è stato usato come cosmetico negli Stati Uniti e non viene prodotto in quantità sufficiente.

Esiste una medicina dei poveri e una medicina dei ricchi.


Cecilia Rinaldini:

In Congo il sistema sanitario garantisce il diritto alla salute solo a chi può pagare. Nell’Ospedale diretto da Chiara Castellani si chiede un contributo ai malati ma chi non può permetterselo viene curato comunque.


Chiara Castellani:

Io sono stata testimone di malati morti davanti al marciapiede dell’Ospedale rifiutati dall’Ospedale perché non avevano i soldi di pagare, i bambini morti dentro l’utero materno perché gli veniva rifiutato il cesareo perché non avevano i soldi per pagare.

Lo stato non ci dà assolutamente niente per l’assistenza sanitaria ai malati gravi e allora bisogna organizzarsi, farsi aiutare dall’Italia ma anche far maturare nella gente la coscienza del proprio diritto ad essere curati perché siamo essere umani e come tali abbiamo diritto a questa.

Note: Fonte: http://www.radio.rai.it/radio1/pianetadimenticato/view.cfm?Q_EV_ID=147447
E' un file leggibile con Real Player (http://www.real.com/player)

Si ringrazia la dottoressa Giovanna Cacciaguerra per aver trascritto il testo.

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)