Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Manovre militari alla Tripla Frontera
    L’addestramento degli eserciti di Stati Uniti, Brasile, Perù e Colombia guarda minacciosamente verso Caracas

    Manovre militari alla Tripla Frontera

    Il territorio latinoamericano fa gola a molti perché ricco di risorse naturali
    15 novembre 2017 - David Lifodi
  • Brasile: Temer dichiara guerra agli indios
    Il presidente brasiliano riduce i bilanci della Fundação Nacional do Índio per la gioia della bancada ruralista

    Brasile: Temer dichiara guerra agli indios

    Nei primi sei mesi del 2017 le violazioni dei diritti dei popoli indigeni sono ulteriormente cresciute
    4 ottobre 2017 - David Lifodi
  • Brasile: autogolpe della destra?
    Una parte dell’estabilishment scarica Temer per sostituirlo con un uomo più presentabile

    Brasile: autogolpe della destra?

    La sinistra chiede le elezioni dirette per ottobre 2017
    25 maggio 2017 - David Lifodi
  • Brasile: esecuzione in stile mafioso ai danni di  Waldomiro Costa Pereira
    L'ex dirigente dei Sem terra è stato ucciso in ospedale da cinque sicari ancora non identificati

    Brasile: esecuzione in stile mafioso ai danni di Waldomiro Costa Pereira

    Militante del Partido dos Trabalhadores, Costa Pereira era stato ferito in un agguato pochi giorni prima
    29 marzo 2017 - David Lifodi

Brasilia: la marcia del MST versao Brasilia vista da un testimone italiano

8 maggio 2005 - Mario Alemi
Fonte: Comitato italiano MST

Il primo maggio e' partita da Goiania, capitale dello stato di Goias, la piu' grande marcia organizzata dal Movimento. Le motivazioni della marcia sono state
pubblicate da vari giornali dai dirigenti stessi dell´MST (cfr. l´articolo
<http://www.comitatomst.it/stedin62.htm> di Stedile su Caros Amigos, in italiano). La stampa italiana sembra non essersi accorta che 12.000 persone, nel
più grande stato latinoamericano, si sono messe in marcia per percorrere 250
km in 16 giorni: l´arrivo è infatti previsto per il 17 a Brasilia, capitale del
Brasile,mentre la stampa brasiliana ha iniziato a mostrare i primi segni di
insofferenza con qualche attacco su "O estado de São Paulo", il maggior quotidiano brasiliano.
Ma, chiaramente, l´entusiasmo dei partecipanti non è stato scalfito quando l´imponente camion con il Sound System ha diffuso la lettura dell´articolo (offensivo nei confronti del Movimento): come risposta più di mille bandiere
rosse con il simbolo della coppia contadina hanno sventolato frenetiche.
Come funziona questa marcia? Ci si sveglia la mattina alle 5, e spesso l´entusiasmo spinge i più giovani a gridare slogan dalle 4 e mezza, e ci si mette in marcia dopo un´ora. L´organizzazione è imponente: quando ancora i partecipanti si stanno mettendo in colonna, i responsabili della logistica stanno smontando gli enormi tendoni, uno per ogni stato, in cui abbiamo dormito. Un panino con mortadella che ricorda l´asilo e si parte.
Sono più o meno 20 km di marcia a passo normale, senza zaino. Durante la marcia
l´audio del Sound System viene diffuso anche attraverso un
radiotrasmettitore installato dall´associazione delle radio comunitarie: ad ogni partecipante è stata distribuita una radiolina (senza nessuna cauzione, ma dovrà essere restituita). Si marcia ininterrottamente per 4-6 ore e si arriva nel nuovo accampamento,dove i tendoni sono già montati. Poco dopo arriva il primo pasto caldo:l´immancabile riso e fagioli con carne e sugo. Per ogni pasto vengono utilizzate 8300 gavette di alluminio, cucinate 2 tonnellate di riso, 1,8 tonnellate di fagioli, 310 litri di olio, 980 kili di carne (tre buoi!) da 415 lavoratori (volontari). Tutto il materiale viene comprato con il contributo di ogni stato e messo in comune,poi ridiviso in modo da dare la possibilità ad ogni stato di preparare un pasto il più vicino possibile ai gusti locali.
Può non sembrare il particolare più importante di questa marcia (non lo è in
effetti), ma mostra la capacità dell´MST di far collaborare un numero notevole di persone con orari pesantissimi (dalle 4 del mattino fino alle 10 di sera),
tutti spinti esclusivamente dal desiderio di collaborare al successo di questa
marcia, producendo un risultato più che accettabile!
Perché questa marcia dunque. Stedile dice contro una politica economica vergognosa, ma nell´articolo non appare nessun attacco diretto al presidente Luis Inacio Lula da Silva. Come mai?
Tutti, o quasi, nel Movimento son convinti che la direzione presa dal governo non dipenda dalla volontà personale del presidente, ma dalle pressioni che
questo continua a ricevere. Sul settimanale brasiliano Epoca, Stedile sottolinea
l´importanza che i due ministri ultra-conservatori, quello dell´economia
Palocci e quello dello Sviluppo Furlan, hanno nelle scelte di politica economica. Il primo regalando il 12% di interesse annuo ai cosiddetti investitori istituzionali (le banche brasiliane annunciano investimenti record ogni anno, quest´anno un miliardo di euro di guadagno liquido netto per il Banco do Brasil), il secondo cercando di mettere il bastone tra le ruote alla politica veramente rivoluzionaria del Brasile nei confronti del software libero.
Per questo la marcia è importantissima: il 54% dei brasiliani, secondo il Movimento, reputa necessaria una riforma agraria come quella proposta dal MST o quella, leggermente edulcorata, promessa dal PT in fase elettorale. Eppure i poteri forti hanno impedito a questo governo di mantenere le promesse più basilari. Questa marcia sta avendo un effetto notevole: il 5 maggio ad Anapolis, una città di 300.000 abitanti, ho intervistato un po´ di ragazzi per la città, alcuni pensionati in giro, i lavoratori del punto internet, alcuni baristi. Tutti si sono dichiarati favorevoli, tutti hanno affermato che la lotta del MST è una lotta per riscuotere ciò che Lula aveva promesso, per migliorare la situazione del popolo brasiliano.

Nella marcia mi sono unito alla "Brigata di Itapeva", dello stato di San Paolo. Ero stato ad Itapeva l´anno scorso un mese e sono stato sorpreso dalla quantità di nuovi militanti, moltissimi giovanissmi, poco più di 20 anni, tutti culturalmente capaci (se quest´espressione ha senso). L´MST continua ad occupare, e continua così a forzare lo stato a ridistribuire la ricchezza di base di un paese: la terra. La marcia si trasforma in un percorso intellettuale oltre che fisico: scambiare idee con questi giovani è estremamente stimolante. Sono curiosi, vogliono viaggiare, le donne sono fortemente critiche riguardo al machismo che ancora è presente nella base del movimento, si parla di discriminazione razziale, di politica italiana -ahimè- o di politica brasiliana. Discretamente (non sarebbe permesso) si beve una birra prima di andare a dormire sull´erba.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)