Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Intanto, il Ministro dell'Acqua accusa la multinazionale Suez-Lyonnaise des Eaux

Bolivia: Evo Morales dimezza il suo stipendio

Percepirà il 57% in meno, come promesso
27 gennaio 2006 - Diego Brugnoni (http://webrebelde.blogosfere.it)

Il presidente eletto della Bolivia, Evo Morales, ha ridotto il suo salario del 57% scendendo a 1.384 euro al mese; i parlamentari dovranno rivedere il loro compenso, dal momento che nessun dipendente pubblico può percepire più del Capo di Stato (27 senatori e 130 deputati hanno al momento un corrispettivo di 3.300 euro mensili, davvero tanto per la Bolivia).

Come sempre accade quando si parla di stipendi della classe politica o di finanziamenti più o meno leciti ai partiti, il rischio è quello di cavalcare l'onda dell'antipolitica - talvolta legittimamente.
Una persona mediamente coscienziosa sa che un taglio dello stipendio generalizzato alla classe politica non è una riforma strutturale: piuttosto, un esempio di austerità e un messaggio puro, almeno nel caso di Morales.
Una persona mediamente coscienziosa che non si accontenta facilmente delle cronache stolte della stampa, sa che il programma di Evo Morales è ben più cose di una scelta comunque apprezzabile e capace di portare effetti positivi (specie nei campi chiave della sanità e dell'istruzione, dove Morales ha intenzione di dirottare i soldi così risparmiati).

Intanto arriva la bella dichiarazione di Abel Mamaní - 38 anni, Ministro dell'Acqua criticato per scarsa conoscenza della materia - e di sicuro, per strane leggi del mestiere, non avrà la stessa risonanza della notizia di cui sopra: "A El Alto 200.000 persone, pari al 20% della popolazione, non hanno acqua. [...] Suez (la multinazionale francese che gestisce l'acquedotto) purtroppo continua a essere operativa in Bolivia. Ma a marzo avremo i primi risultati delle revisioni contabili che abbiamo chiesto. Con le mobilitazioni abbiamo ottenuto che i prezzi per gli allacci delle condutture dell’acqua potabile e delle fognature siano scesi da 249 a 180 dollari, che è comunque troppo. I nostri vicini ci hanno dimostrato che l’allaccio di questi servizi a domicilio può costare molto meno, tra 65 e 70 dollari"

Note:

L'intervista di Abel Mamaní al Clarín: http://www.clarin.com/diario/2006/01/26/elmundo/i-02001.htm

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)