Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La vera storia della repubblica delle banane

    La vera storia della repubblica delle banane

    Recensione al libro di Francesco Serino (Mursia, 2017) dedicato al colpo di stato compiuto dalla Cia in Guatemala nel 1954 per rovesciare il presidente Árbenz
    18 giugno 2018 - David Lifodi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Guatemala: l'incendio di  El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato
    La morte delle 42 giovani bruciate nel rogo si deve alla totale assenza delle politiche statali per i minori

    Guatemala: l'incendio di El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato

    Tutti erano a conoscenza dell'estremo degrado e delle violenze all'interno della casa-famiglia
    27 marzo 2017 - David Lifodi
  • Guatemala: le brutte facce della presidenza di Jimmy Morales
    Arrestati i suoi uomini più vicini con l’accusa di aver commesso crimini contro l’umanità

    Guatemala: le brutte facce della presidenza di Jimmy Morales

    Negli anni ’80 Cabrera Mejía e Edgar Ovalle Maldonado parteciparono alla repressione imposta dal regime militare
    3 febbraio 2016 - David Lifodi

Guatemala: cronaca di un tradimento

6 aprile 2006 - Flaviano Bianchini

Giovedì scorso 10.000 indigeni e indigene Maya sono scesi in piazza per chiedere al governo di Oscar Berger la tanto attesa riforma agraria che gli consenta di avere diritto alla terra e il rispetto delle consulte indigene in tema minerario; in difesa della Madre Tierra.
La cattedrale di Città del Guatemala ha resistito a tanti terremoti ma ieri tremava sotto le grida “El pueblo unido jamas sera vencido” dei 10.000 contadini Maya.
La manifestazione proveniva da tre diversi punti della città ed era autorizzata da mesi ma nonostante ciò la polizia ha impedito il passaggio del corteo che proveniva da sud. Nonostante la provocazione la gente si è dispersa per le strade secondarie ed è arrivata ugualmente nella piazza centrale evitando lo scontro come per rimarcare uno stile pacifico ma una forte determinazione ad arrivare fino in fondo.
I manifestanti sono arrivati presto la mattina da ogni parte del paese. C’è chi ha fatto anche 15 ore di bus per raggiungere la capitale, con i loro vestiti di colori sgargianti, i loro cappelli di paglia e qualche tortiglia in tasca per il pranzo perché la capitale è troppo cara per loro. Sono rimasti lì fino a tardi, alcuni hanno passato anche la notte sotto al palazzo presidenziale, e non era giorno di festa. No che non ci fosse lavoro nei campi!
Fin dal mattino il presidente e gli alti funzionari del governo hanno fatto pervenire ai manifestanti la disponibilità a ricevere i leeder delle associazioni alle 11.00 nel palazzo presidenziale. Alle 10.30 erano già tutti lì ma il presidente non è uscito dal suo studio e solo alle 17.00 il vicepresidente Stein a concesso udienza ma precisando di avere solo mezz’ora di tempo per ascoltare le 13 associazioni presenti, circa 2’30” a testa.
Alle 18.00 alle radio e a tutti le reti televisive il vicepresidente Stein ha accusato i manifestanti di aver congestionato il traffico cittadino. Il giorno dopo su tutti i giornali i titoli erano per i problemi al traffico. La prima pagina di Prensa Libre (il giornale nazionale guatemalteco) poneva una foto a colori in formato gigante che illustrava con una coda di traffico. La pagina 2 e 3 erano dedicate al traffico un trafiletto nella pagina 4 indicava brevemente quello che i manifestanti chiedevano.
Oggi i 10.000 manifestanti e tutto il popolo Maya si sentono delusi, traditi. Traditi dal loro governo, traditi dalle loro radio, traditi dalle loro tv e dai loro giornali.
Per i 10.000 della piazza oggi è un giorno triste, per tutti meno uno; verso mezzogiorno, sotto il sole cocente una donna Maya, vedendomi bianco, mi si avvicina, stira le rughe e i segni del sole e tira fuori un gran sorriso e un “Gracias!”.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)