Latina

Il presidente della Banca Mondiale in Guatemala

Guatemala: dove può arrivare l’ipocrisia

4 maggio 2006
Flaviano Bianchini

Il presidente della Banca Mondiale Poul Wolfowitz è venuto nei giorni scorsi in Guatemala in rappresentanza dell’organo che presiede. I precedenti del presidente della Banca Mondiale non sono dei più lucidi e trasparenti. Negli Stati Uniti lo chiamano “The King of Darkness”; il signore delle tenebre. Fu lui che, in qualità di consigliere di stato, consigliò a Bush di abbandonare l’idea di cercare Bin Laden in Afganistan per concentrarsi sulla “liberazione” dell’Irak. Poi, passato alla presidenza della Banca Mondiale, cominciò a elargire una lunga serie di finanziamenti per lo sviluppo che in realtà la sola cosa che sviluppano sono gli interessi dei potenti e delle grandi multinazionali. In Guatemala la Banca Mondiale sta finanziando il progetto minerario Marlin con ben 40 milioni di dollari. Wolfowitz sostiene che questo progetto è stato approvato dalla Banca Mondiale perché aiuta lo sviluppo della popolazione locale, - Il Guatemala è un paese dove il 50% della popolazione vive con meno di 2$ al giorno e l’attività mineraria è una parte fondamentale per combattere la povertà della popolazione. - Queste le parole del presidente della Banca Mondiale. Ma la miniera offre al Guatemala solo l’1% dei profitti, il 99% dei guadagni vanno in mano della multinazionale canado-statunitense Glamis Gold. Inoltre la miniera non paga le tasse in vigore di una moratoria valida fino al 2008 e non paga i 250 m3 di acqua che utilizza ogni ora. Per quanto riguarda la mano d’opera la miniera offre lavoro a circa 180 impiegati contro le 240 persone che sono state sfrattate dalla terra della quale vivevano. In più la miniera distrugge boschi, inquina l’acqua e rende inservibile per anni il suolo. Quindi viene da sé pensare che il finanziamento di 40 milioni di dollari più che un aiuto alla popolazione guatemalteca è un aiuto agli azionisti della Glamis Gold.
Quando, nella conferenza stampa di sabato 29, al presidente della Banca Mondiale Poul Wolfowitz sono state fatte notare queste cose e gli è stato chiesto se la Banca Mondiale intende proseguire finanziando tali progetti o, come direbbe il suo statuto, cominciare a lavorare per il vero sviluppo dei popoli, la sua risposta è stata semplicemente: -Non posso rispondere.-

Articoli correlati

  • Honduras, l'esodo della disperazione
    Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Un unico grido dal Perù al Guatemala: que se vayan todos
    Latina
    In entrambi i paesi prosegue la mobilitazione contro classi politiche corrotte

    Un unico grido dal Perù al Guatemala: que se vayan todos

    Si tratta di levantamientos simili a quelli dell’autunno 2019 in Cile, Ecuador e Colombia
    21 dicembre 2020 - David Lifodi
  • Guatemala: la pazienza è finita
    Latina

    Guatemala: la pazienza è finita

    Proteste contro i tagli al welfare e la dilagante corruzione
    26 novembre 2020 - Giorgio Trucchi
  • L’autunno caldo del Guatemala
    Latina
    Chieste le dimissioni del presidente Alejandro Giammattei a seguito della repressione poliziesca

    L’autunno caldo del Guatemala

    “Vi siete messi contro la generazione sbagliata”, hanno gridato centinaia di migliaia di persone al Congresso che pochi giorni fa ha approvato, durante la notte, una legge di Bilancio, poi sospesa, che tagliava le spese sanitarie e quelle per ridurre la malnutrizione.
    24 novembre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)