Latina

Messico: lettera di una donna arrestata ad Atenco

La brutale repressione dal governo di Fox, dopo le proteste di Atenco, ha finito con 47 arrestate nel penitenziario di Santiaguito. Almeno 30 di loro, hanno denunciato delle violazioni sessuali e abusi (avvenuti nel mezzo del brutale trasferimento fatto dalla polizia nel penitenziario) Dal 6 Maggio queste donne sono in sciopero di fame.
Lettera delle donne "prigioniere politiche" in lotta…
19 maggio 2006


Santiaguito, Almoloya 12 maggio 2006

A tutto il popolo: Le donne, lavoratrici di campo e della città, casalinghe, allievi, ecc, prigioriere politiche dal 3 e 4 di maggio di quest'anno, siamo indignate per i motivi dell' imprigionamento dettato dal 10 maggio. Non solo siamo state insultate, umiliate, abusate sessualmente, torturate; ora siamo anche prigionere e chiamate delinquenti.
Abbiamo vissuto la repressione, non solo come combattenti sociali ma anche come donne perché, anche se gli uomini ma sono stati colpiti, picchiati, noi siamo state attaccate sessualmente e ci hanno violentate.

Abbiamo subito ogni tipo di repressione durante detenzione, in primo luogo con degli insulti come: "siete delle puttane", "dannate cagne", "vi violentaremo come le puttane che siete", ecc.;
Chi non si rassegnava veniva colpita fino a perdere conoscenza; ci hanno minacciate di ucciderci e farci sparire;
Anche torturate per farci dire dati dei nostri parenti con la minaccia di uccidere anche a loro.

Niente potrà guarire dall'abuso sessuale e dalla violenza che ci hanno fatto. Ci hanno toccato, dato calci, picchiate a pugni, sporcate, tumefatte e fatto scudo con i nostri seni, sederi e genitali, mentre ci hanno continuato a minacciare che siamo state morse ai seni, ai capezzoli, alle orecchie, alle labbre, alla lingua, ecc., penetrate con le barrette e gli oggetti, ad alcune costrette a fare loro sesso orale, mentre si burlavano della nostra condizione di donne.

Nonostante gli abusi che siamo state sottoposte, abbiamo continuato ad essere vittime della negligenza medica, ci hanno bendate e curate solo il giorno in cui siamo arrivate, abbiamo infezioni vaginali, alcune hanno infezioni nelle ferite, altre non possono ancora sedersi a causa di tutti i colpi ricevuti. E nonostante tutto continuamo con lo sciopero di fame, perché non faremo nemmeno un passo indietro in questa lotta, perché desideriamo la giustizia per tutte e tutti perché se dobbiamo combattere da questa prigione lo faremo.

Seguiremo sempre in piedi come seguiamo già da ora!
Popolo alza la tua voce fino a curare con la giustizia l'insensibilità.

Note: traduzione di Stefano C. e Vero

Articoli correlati

  • Messico: devastazione ambientale e assenza di diritti
    Latina
    In Chiapas attaccata dalla polizia la Caravana Sur en Busca de los 43

    Messico: devastazione ambientale e assenza di diritti

    E il Frayba denuncia che la vita dei lottatori sociali per la difesa del territorio continua ad essere a rischio
    26 febbraio 2020 - David Lifodi
  • La costruzione della barriera anti-migranti sugli antichi siti degli Indiani Apache
    Migranti
    Trump sfida l'UNESCO

    La costruzione della barriera anti-migranti sugli antichi siti degli Indiani Apache

    Sono iniziate le esplosioni controllate all’interno dell’Organ Pipe Cactus National Monument, al confine con lo stato messicano di Sonora, sito sacro per la cultura indiana e protetto dall’UNESCO
    13 febbraio 2020 - Fanpage
  • Messico: ancora una donna assassinata
    Latina
    Il 17 gennaio, a Ciudad Juarez, uccisa l'attivista femminista Isabel Cabanillas

    Messico: ancora una donna assassinata

    Si tratta della quarta donna assassinata nella città nel solo mese di gennaio. La giovane è stata uccisa per il suo attivismo politico a favore dei diritti delle donne di fronte all'indifferenza delle istituzioni
    27 gennaio 2020 - David Lifodi
  • Crisi diplomatica tra Bolivia e Messico
    Latina
    La polizia del governo golpista assedia l’ambasciata messicana a La Paz

    Crisi diplomatica tra Bolivia e Messico

    Sono rifugiati nell’ambasciata numerosi ministri del governo di Evo Morales
    8 gennaio 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)