Latina

Colombia: Paramilitari dichiarano "obiettivo militare" le Associazioni per la difesa dei diritti umani.

25 giugno 2006
Tradotto da per PeaceLink
Fonte: Adital

L'organizzazione Reporteros sin Fronteras denuncia che diciannove organizzazioni per la difesa dei diritti umani sono state minacciate da un gruppo paramilitare d'estrema destra. Le minacce sono state inviate per posta elettronica. La lettera è firmata dal Frente Democrático Colombia Libre, un'organizzazione paramilitare che accusa le organizzazioni di essere al servizio della guerriglia e di considerare le stesse come un loro "obiettivo militare".

Secondo la Fondazione per la Libertà di Stampa, quando il 9 giugno il presidente colombiano Alvaro Uribe dichiarò il suo impegno nel combattere il risorgere di nuovi gruppi d'estrema destra, Reporteros sin Fronteras sollecitarono le autorità colombiane a rispettare i propri impegni, e a fare quanto necessario per identificare e punire gli autori delle minacce.

E dichiarano: "Gli abbiamo chiesto di verificare la provenienza della posta elettronica e di fare un'indagine esaustiva. Inoltre, abbiamo insistito sul bisogno di prendere le misure necessarie per garantire la sicurezza delle associazioni citate, alle quali manifestiamo tutto il nostro appoggio."

Nel messaggio inviato, il Frente Democrático Colombia Libre accusa i destinatari di essere dei "rivoluzionari travestiti". Nello stesso dichiara che " a partire da ora dovrete fare i conti con noi, che siamo saldamente presenti in più della metà del territorio colombiano, libero adesso dal cancro costituito dalla guerriglia e da voi. Non faremmo attendere le nostre azioni nelle diverse capitali del paese".

Gloria Pérez Ortega, direttrice di Medios para la Paz (organizzazione creata per migliorare l'informazione sul conflitto armato), ha dichiarato a Reporteros sin Fronteras che la loro organizzazione ha scelto di continuare "a costruire un giornalismo responsabile e a lavorare per la difesa e lo sviluppo della libertà d'espressione e di stampa". Ha inoltre sottolineato che è la prima volta che sono minacciate organizzazioni per la difesa della libertà di stampa.

A causa della gravità delle minacce, Medios para la Paz ha chiesto al Procuratore Generale della Colombia, Mario Iguarán, di svolgere un'indagine al riguardo. Ha chiesto anche il sostegno del Ministero dell'Interno attraverso il suo programma per la Protezione dei Giornalisti. Anche la Fondazione per la Libertà di Stampa si riunirà con il Programma per la protezione dei giornalisti del Ministero dell'Interno, per valutare la situazione.

vedi anche:
Medios para la Paz
http://www.mediosparalapaz.org/?idcategoria=2578

Note: Tradotto da Alejandra Bariviera per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la
fonte, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • La Palestina deve vivere
    Palestina
    Di chi sono le responsabilità?

    La Palestina deve vivere

    Le risoluzioni ONU in merito sono sempre state disattese e l’opinione pubblica è sempre più omertosa sulla questione palestinese anche perché vige il ricatto subdolo della retorica perversa di potere vantata e perpetrata dal governo di Israele
    17 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Donna: l’impegno pacifista
    Pace
    La donna emancipata e pacifista nella cultura dell'Ottocento

    Donna: l’impegno pacifista

    L’asprezza del misoginismo ottocentesco si scontra con l’esperienza dei primi gruppi emancipazionisti. La donna emancipata e pacifista diviene allora il bersaglio da colpire, l’emblema di disordine e della sregolatezza morale.
    11 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele
    Palestina
    Mosaico di Pace

    Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele

    Embargo contro Israele, un dossier a cura di BDS Italia. Con il sostegno di PeaceLink e con la collaborazione del collettivo A Foras. Israele applica un regime di apartheid nei confronti della popolazione palestinese, violandone i diritti umani e politici.
    20 marzo 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)