Latina

Colombia: Responsabile dei massacri

5 agosto 2006
Tradotto da per PeaceLink
Fonte: Adital

La Corte Interamericana dei Diritti Umani ha ordinato allo Stato colombiano di rispondere per i massacri di La Granja e El Aro, due quartieri di Ituago, Dipartimento di Antioquia, verificatosi 10 anni fa, dove morirono 19 persone per mano delle Autodifese Unite della Colombia (AUC). La domanda è stata presentata dal Gruppo Interdisciplinare per i Diritti Umani e la Commissione Colombiana di Giuristi.

Secondo le informazioni della stampa, la sentenza afferma che lo Stato è responsabile della violazione del diritto alla vita, dello spostamento forzato dei contadini e delle umiliazioni subite dai cittadini; il tutto è dovuto al fatto che non si sono prese misure necessarie per evitare l’accaduto o per fermare il gruppo armato illegale, autore dei massacri, attraverso i membri della forza pubblica e alle autorità che erano presenti nella regione.

La Presidenza della Repubblica, ha dichiarato che il governo onorerà i suoi obblighi internazionali e accetterà con rispetto la sentenza della Corte Interamericana dei Diritti Umani.

Il massacro di La Granja risale al 11 Giugno del 1997, quando 22 paramilitari fecero irruzione nella campagna, ordinarono la chiusura degli stabilimenti pubblici e assassinarono in maniera selettiva 4 contadini. L’altro fatto avvenne il 25 Ottobre del 1997. I paramilitari attaccarono la zona rurale El Aro, anche questo ad Ituango, riunirono gli abitanti nella piazza del paese e uccisero 15 di loro.

La Corte inoltre sollecita lo Stato affinché chieda pubblicamente perdono per ciò che è avvenuto, che renda pubblico il pronunciamento nella gazzetta ufficiale, e che tale documento sia pubblicato in un giornale nazionale.

Lo stesso Stato deve affiggere una targa in un luogo pubblico appropriato a La Granja ed El Aro, affinché le nuove generazioni sappiano dei fatti che hanno dato luogo al processo della Corte Interamericana di DD.HH , e implementare, in un termine ragionevole, secondo la Corte, i programmi di educazione in diritti umani e diritto internazionale umanitario permanenti nella Forza Pubblica colombiana.

Note: Tradotto da Davide Morbidelli per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore

Articoli correlati

  • Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos
    Latina
    Il presidente Duque militarizza il paese e utilizza il pugno di ferro

    Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos

    Eppure il levantamiento non si ferma, frutto di una protesta contro le disuguaglianze sociali figlie del duqueuribismo, ma non solo
    4 giugno 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Colombia: terrorismo di stato
    Latina
    Continua la violenta repressione contro le proteste che proseguono dal 28 aprile scorso

    Colombia: terrorismo di stato

    Il nuovo levantamiento era iniziato contro la riforma tributaria imposta, e poi ritirata, dal presidente Duque
    18 maggio 2021 - David Lifodi
  • Il  Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio
    Latina
    Gran parte degli omicidi commessi avviene per mano della polizia

    Il Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio

    Sotto la presidenza di Iván Duque sono stati uccisi 167 leader indigeni
    22 gennaio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)