Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Presidenziali Colombia: ballottaggio tra l'uribista Duque e l'uomo di pace Gustavo Petro
    Al primo turno l'uomo di Uribe ha guadagnato il 39% dei consensi contro il 25% del leader della coalizione Colombia Humana

    Presidenziali Colombia: ballottaggio tra l'uribista Duque e l'uomo di pace Gustavo Petro

    L'ex sindaco di Bogotá è sostenuto da una coalizione progressista, Duque conta sull'appoggio dell'estrema destra e dell'estabilishment liberale-conservatore
    28 maggio 2018 - David Lifodi
  • Il Venezuela bolivariano non arretra
    Maduro confermato presidente grazie ad una base chavista ancora solida

    Il Venezuela bolivariano non arretra

    Il boicottaggio elettorale di gran parte dell'opposizione non ha pagato
    23 maggio 2018 - David Lifodi
  • Chávez presente!
    Alcune riflessioni sulle elezioni del 20 maggio in Venezuela a partire dal libro del professor Luciano Vasapollo dedicato alla rivoluzione bolivariana

    Chávez presente!

    Edizioni Efesto, 2018
    16 maggio 2018 - David Lifodi
  • Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro
    In vista delle presidenziali del 20 maggio si moltiplicano i tentativi per costringere il presidente bolivariano alla salida

    Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro

    Si teme di nuovo un intervento militare contro Caracas mascherato da ragioni umanitarie
    7 maggio 2018 - David Lifodi
Probabile l'appoggio di Encuentro por Guatemala

Guatemala: Rigoberta Menchù si candiderà alle presidenziali di Settembre 2006

Nasce anche un nuovo partito, il Movimiento Amplio de Izquierda
22 febbraio 2007 - David Lifodi

"Se il destino vorrà sarò presidente" aveva dichiarato alcuni mesi fa Rigoberta Menchù in un'intervista rilasciata al quotidiano "Il manifesto", raccontando inoltre la sua esperienza come ambasciatrice di pace nel governo di centro-destra di Oscar Berger (Grande Alleanza Nazionale).
In questi giorni, dopo che circolavano voci su una sua possibile candidatura alle elezioni presidenziali del 2012, Rigoberta Menchù ha invece sorpreso tutti decidendo di presentarsi a quelle che si terranno il prossimo settembre: "nei duecento anni della storia repubblicana del Guatemala", ha dichiarato – "noi indigeni siamo stati sempre elettori, ma mai eletti, adesso è venuto il momento di cambiare". La sua candidatura non è comunque l'unica novità nel paese centroamericano, dove è sorta anche una nuova formazione politica, il Movimiento Amplio de Izquierda (Maiz), che ha programmi molto ambiziosi.
Rigoberta Menchù, Nobel per la Pace nel 1992, ha già ricevuto l'appoggio ufficiale di Evo Morales, che ha trasformato il suo Mas (Movimento al Socialismo) da movimento a partito di governo, e l'ha definita come "luchadora contra el neoliberismo". Per prima cosa Rigoberta Menchù ha tenuto a precisare il suo costante impegno, nel governo Berger, per rilanciare gli accordi di pace e per garantire al Guatemala lo stato di paese multilingue e multietnico, dopo che alcuni settori indigeni non avevano visto di buon occhio la sua partecipazione ad un governo di destra. Del resto attacchi di questo tipo sembrano quantomeno ingenerosi considerando la vita di Rigoberta, nata nel Quichè da una famiglia contadina e testimone del periodo più buio della storia del suo paese, oltre ad aver perso il padre, nel Gennaio 1980, a seguito dell'occupazione dell'ambasciata spagnola a Città del Guatemala per protestare con altri attivisti contro la repressione dell'esercito nei confronti dei campesinos e conclusasi con l'intervento dei militari che uccisero tutti i partecipanti all'iniziativa.
La sua candidatura, che potrebbe aprire nuovi spazi alla partecipazione indigena in Guatemala, è appoggiata principalmente da Winaq, movimento indigeno che ha avuto negli ultimi giorni incontri e colloqui con Encuentro por Guatemala, lo stesso Maiz e la dirigenza della ex-guerriglia Urng (Unidad Revolucionaria Nacional Guatemalteca, ora convertitasi in partito politico) nel tentativo di formare un unico blocco in grado di appoggiare Rigoberta Menchù.Tuttora permangono incertezze, ma sembra che alla fine sarà Encuentro por Guatemala, schieramento politico di centrosinistra, ad appoggiarla, nonostante Rigoberta Menchù abbia più volte sottolineato di rifiutare candidature in cui gli indigeni finiscano per essere diretti da una leadership che li guidi e indirizzi a suo piacimento imponendo loro cosa fare o non fare e abbia messo come condizione fondamentale la volontà di affrontare veramente gli interessi dei popoli maya.
Probabilmente un unico blocco di sinistra avrebbe potuto garantire maggiori possibilità di vittoria alla Menchù, che però alla fine avrebbe scelto Encuentro por Guatemala poiché dispone di una migliore organizzazione su tutto il territorio guatemalteco, e inoltre ha offerto ai rappresentanti di Winaq la possibilità di candidarsi in 10 dipartimenti e il 25% dei quadri al suo Comitato Esecutivo.
I circa sei milioni di guatemaltechi che a settembre si recheranno alle urne non eleggeranno soltanto il presidente dello stato, ma anche sindaci e deputati, e a questo proposito potrebbe giocare un ruolo importante l'unione Maiz-Urng. Alba Estela Maldonado, conosciuta con il nome di battaglia "Comandante Lola", ha sottolineato come gli anni di governo della destra abbiano lasciato in eredità violenza e povertà, oltre a manifestare preoccupazione per gli sgomberi delle terre a danno dei campesinos e a dichiarare il suo impegno a varare una Legge di Sviluppo Rurale tuttora assente nel paese.
Alla presentazione del Maiz, composto da numerose organizzazioni popolari, sociali, studentesche e sindacali (tra cui i rappresentanti del Congresso Bolivariano dei Popoli), ha partecipato anche la deputata salvadoregna Maria Guadalupe Erazo del Fmln (Frente Farabundo Martì), che al pari della Urng ha dovuto subire la repressione più violenta del Centroamerica (basti pensare al ruolo giocato dal maggiore D'Aubuisson nell'omicidio di Monsignor Romero).
In attesa dell'avvio della campagna elettorale resta da augurarsi che i partiti politici impegnati nella battaglia per i diritti umani, per il rilancio degli accordi di pace e per la fine dell'impunità non utilizzino Rigoberta Menchù come trampolino di lancio per i loro fini, poiché in quel caso, come lei stessa ha dichiarato, "sarebbe molto triste" .

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)