Latina

Samuel Ruiz: in Chiapas permangono gruppi paramilitari che non sono stati mai disarmati

8 febbraio 2004
ANGELES MARISCAL traduzione Comitato Chiapas
Tuxtla Gutierrez, Chiapas, 6 febbraio. In Chiapas si stanno riattivando i gruppi paramilitari perché "non sono mai stati disarmati", ha dichiarato il vescovo emerito di San Cristóbal de Las Casas, Samuel Ruiz García, inaugurando nella capitale il Centro per i Diritti Umani Francisco Enríquez Guzmán. "Continuano gli abusi, l'ingiustizia, la dominazione economica e politica. Per questo il compito che si propone di svolgere questo centro che si inaugura oggi, non sarà un compito facile", ha detto Ruiz García ed ha aggiunto che fintanto che i processi democratici avviati nel paese non saranno completati, è giustificata la creazione di organizzazioni per la difesa dei diritti umani , che accompagnano le conquiste sociali, le riaffermano e le rivendicano". In questo contesto, ha sostenuto la posizione di almeno una dozzina di organizzazioni non governative che questa settimana hanno denunciato una nuova offensiva antizapatista, scaturita dalle azioni che i governi federale e statale intraprenderanno nella zona di conflitto grazie ai 15 milioni di euro inviati dall'Unione Europea. "Tutto questo è parte della dominazione economica e politica. Il fenomeno (di violazione dei diritti umani) è presente non solo in Chiapas, ma anche nel resto del paese; quello che avviene in questo stato è una ribellione rappresentativa di tutta la problematica messicana", ha affermato. Per questo - ha aggiunto - il movimento del 1994 non è stato solo un movimento degli indigeni del Chiapas, ma di tutto il paese. Samuel Ruiz ha tracciato un bilancio della situazione dei diritti umani dal 1994 ad oggi. "Non ci sono progressi relativi al loro rispetto, c'è invece la presa di coscienza degli indigeni di tutto il continente di essere soggetto della storia. Questo è un progresso irreversibile", ha detto il vescovo. Riferendosi ai governi di Vicente Fox e Pablo Salazar, ha dichiarato che "c'è stata una transizione incompleta; le aspettative e le promesse fatte sono ben al di sotto delle possibilità concrete di realizzazione, si è entrati in forti contraddizioni che stanno precipitando in maniera galoppante". Ha ammesso che gli effetti di 70 anni di corruzione accumulata "non si possono cancellare in poco tempo".

Articoli correlati

  • Por la vida y la libertad
    Latina
    Il Messico di Amlo tra resistenze e capitalismo

    Por la vida y la libertad

    Recensione al libro di Andrea Cegna (Agenzia X, 2019)
    3 settembre 2019 - David Lifodi
  • Messico: accordo capestro con gli Stati uniti
    Latina
    I negoziati commerciali usati da Trump come merce di scambio per risolvere la questione migratoria

    Messico: accordo capestro con gli Stati uniti

    Amlo ha accettato le condizioni di Trump trasformando il suo paese nel cortile di casa degli Usa
    13 giugno 2019 - David Lifodi
  • Messico: intervista con Mario Robles e Roberto Escorcia
    Latina
    I docenti messicani dell’Universidad Autónoma Metropolitana (Uam) parlano della presidenza di Amlo

    Messico: intervista con Mario Robles e Roberto Escorcia

    Andrés Manuel López Obrador rappresenta una reale speranza di cambiamento, ma al tempo stesso alcuni suoi modi di fare politica sono tipici del vecchio priismo.
    25 maggio 2019 - David Lifodi
  • Messico: le grandi opere della discordia
    Latina
    Il presidente Andrès Manuel López Obrador non ascolta la società civile

    Messico: le grandi opere della discordia

    Nuovi aeroporti, centrali termoelettriche e Tren Maya provocano la militarizzazione del paese e rendono più vulnerabili i lottatori sociali
    8 maggio 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)