Latina

Peru: lotta alla corruzione, linciato il sindaco di Ilave

Prima il blocco per 24 giorni dei ponti e delle strade che collegano Perù meridionale e Bolivia. Poi i 10mila manifestanti indigeni Aymara sono passati alle maniere forti.
28 aprile 2004
Christian Benna


A Ilave, capoluogo della provincia di El Collao nei pressi del Lago Titicaca, lo riporta la Reuters, un'avanguardia inferocita dei protestanti ha rapito e ucciso in piazza il sindaco della città, accusato di corruzione. Al linciaggio è seguita la guerriglia urbana: molotov e pietre lanciate contro la stazione della polizia che ha reagito con forza. Altri 19 funzionari del comune sono stati sequestrati dai facinorosi.

Nell’ennesima bufera politico giudiziaria peruviana il sangue torna a scorrere, a triste ricordo della brutale guerra civile degli anni ottanta tra il governo di Lima e la ribellione maoista di Sendero Luminoso.

Il corpo del sindaco di Ilave Cirilo Fernando Robles, ucciso per “multiple lacerazioni e per un’emorragia degli organi interni” è stato ritrovato senza vita sotto un ponte della città. Inutili i soccorsi all’ospedale.

Fonti della Efe parlano di vero e proprio linciaggio di piazza. Dopo 24 giorni di proteste pacifiche, la turba dei manifestanti ha sbaraccato picchetto e barricati che avevano sigillato i confini sud orientali con la Bolivia. E alcuni manifestanti hanno scelto l'atto di forza: hanno prelevato il primo cittadino di Ilave durante una sessione di un consiglio municipale e lo hanno ucciso a calci e pugni accusandolo di aver stornato sui proprio conti denaro pubblico della povera regione.

Robles ha sempre rifiutato di dimettersi dall’incarico malgrado le pressione degli indigneni Ayamra, maggioranza etnica della regione.

In un comunicato del 16 aprila la Mesa de Concertaciòn para la lucha contra la pobreza de Perù aveva denunciato: “Un’altra volta ancora il popolo è messo al margine dal potere. Le proteste non sono ascoltate, anzi sono bloccate in un sistema chiamato democratico. I media distorcono la realtà in cui viviamo quotidianamente. Sentiamo tutta l’impotenza e l’ingiustizia insieme con il popolo che manifesta pacificamente“.

Poi le proteste hanno preso tutt'altro tono. In seguito alle percosse ricevute un altro consigliere municipale, Uriel Aguilar, è stato ferito gravemente ed è in prognosi riservata presso l’ospedale di Ilave.

Il neo-ministro dell’Interno Fernando Rospigliosi, che ha preso l’incarico dopo l’ultimo rimpasto del traballante governo del presidente Toledo, ha ordinato alla polizia di tenere a bada gli assalitori impedendogli di “prendere ostaggi e armi da fuoco”.

Ma la situazione non è tornata alla normalità, anzi sui 16 dei 19 funzionari rapiti è calato un silenzio preoccupante. Tre sono stati rilasciati: degli altri non si sa nulla da 24 ore.

Le violenze di Ilave non sono però incidenti regionali. L’amministrazione Toledo, in costante crisi di fiducia tra la popolazione, è agli sgoccioli travolta da scandali di ogni sorta, dalla corruzione ai video di Montesinos.
In questi giorni anche a Lima è teatro di violente proteste di piazza.

Note: http://www.warnews.it/index.php/content/view/687/33/

Articoli correlati

  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Perù: un voto a Pedro Castillo per cancellare il fujimorismo
    Latina
    Ballottaggio del 6 giugno: la sinistra ripone le proprie speranze sul maestro rurale

    Perù: un voto a Pedro Castillo per cancellare il fujimorismo

    Assemblea Costituente e nazionalizzazione dei settori strategici dell’economia tra i cavalli di battaglia del candidato di Perù Libre
    28 aprile 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Un unico grido dal Perù al Guatemala: que se vayan todos
    Latina
    In entrambi i paesi prosegue la mobilitazione contro classi politiche corrotte

    Un unico grido dal Perù al Guatemala: que se vayan todos

    Si tratta di levantamientos simili a quelli dell’autunno 2019 in Cile, Ecuador e Colombia
    21 dicembre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)