Latina

Messico: i Senza Terra di San Pedro Pohlo

Nel territorio dello stato del Chiapas (Messico) una delle situazioni piu’crititiche e’ quella rappresentata dai rifugiati interni (desplazados) costretti a fuggire da repressioni ed esecuzioni sommarie di eserciti militari e paramilitari assoldati dal governo messicano con la motivazione ufficiale di assicurare la pace ed evitare situazioni di conflitto.
7 agosto 2004
Delegazione di Manitese in Chiapas

Un luogo simbolo della repressione e' San Pedro Polho, in cui si trova l’omonimo il Mucipio Autonoma Zapatista. Dal 1996 a San Pedro Polho il numero di abitanti e passato da 800 fino a 9000 persone. Vi hanno trovato rifugio migliaia di indigeni di etnia Maya costretti a fuggire dai propri villaggi a causa delle violenze subite dall'esercito federale e dai gruppi paramilitari. Attualmente vi sono circa 5300 rifugiati che non possiedono alcun mezzo di sostentamenteo. Vivono in baracche di legno senza luce, senza acqua potabile ne’ servizi igienici ed in precarie condizioni sanitarie. Hanno bisogno, per sopravvivere, di aiuti internazionali. La situazione e’ peggiorata da quando, all’inizio del 2004, la croce rossa internazionale ha deciso di sospendere gli aiuti alimentari per far fronte all’emergenza irachena. Da quel momento l’associazione Manitese, insieme ad altre organizzazioni italiane ed internazionali, si e’ fatta promotrice di una campagna di raccolta fondi per fornire gli alimenti necessari alla popolazione sfollata ed aiutarla ad uscire dall’emergenza. Tuttavia l’emergenza non potra’ finire se tutto il territorio circostante continuera’ ad essere controllato dall’esercito e da gruppi armati filo governativi che impediscono alla popolazione di coltivare la propria terra. Tutt'oggi agli abitanti di San Pedro Polho vengono negati i propri diritti fondamentali, il diritto alla terra, all'alimentazione, alla salute, alla casa. La loro unica colpa e' quella di chiedere che siano rispettati questi diritti. La loro lotta, insieme a quella di tutti gli zapatisti del chiapas, e' una lotta per la dignita', la liberta' e l'autodeterminazione.

Note: Per contatti: tonygraziano@tin.it

Articoli correlati

  • Messico: accordo capestro con gli Stati uniti
    Latina
    I negoziati commerciali usati da Trump come merce di scambio per risolvere la questione migratoria

    Messico: accordo capestro con gli Stati uniti

    Amlo ha accettato le condizioni di Trump trasformando il suo paese nel cortile di casa degli Usa
    13 giugno 2019 - David Lifodi
  • Messico: intervista con Mario Robles e Roberto Escorcia
    Latina
    I docenti messicani dell’Universidad Autónoma Metropolitana (Uam) parlano della presidenza di Amlo

    Messico: intervista con Mario Robles e Roberto Escorcia

    Andrés Manuel López Obrador rappresenta una reale speranza di cambiamento, ma al tempo stesso alcuni suoi modi di fare politica sono tipici del vecchio priismo.
    25 maggio 2019 - David Lifodi
  • Messico: le grandi opere della discordia
    Latina
    Il presidente Andrès Manuel López Obrador non ascolta la società civile

    Messico: le grandi opere della discordia

    Nuovi aeroporti, centrali termoelettriche e Tren Maya provocano la militarizzazione del paese e rendono più vulnerabili i lottatori sociali
    8 maggio 2019 - David Lifodi
  • Messico: terrorismo di Stato contro gli attivisti sociali
    Latina
    Cecilia López Pérez vittima di intimidazioni mafiose

    Messico: terrorismo di Stato contro gli attivisti sociali

    La militante del Frente Nacional de Lucha por el Socialismo denunciava le sparizioni forzate
    10 aprile 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)