Latina

Messico: i Senza Terra di San Pedro Pohlo

Nel territorio dello stato del Chiapas (Messico) una delle situazioni piu’crititiche e’ quella rappresentata dai rifugiati interni (desplazados) costretti a fuggire da repressioni ed esecuzioni sommarie di eserciti militari e paramilitari assoldati dal governo messicano con la motivazione ufficiale di assicurare la pace ed evitare situazioni di conflitto.
7 agosto 2004
Delegazione di Manitese in Chiapas

Un luogo simbolo della repressione e' San Pedro Polho, in cui si trova l’omonimo il Mucipio Autonoma Zapatista. Dal 1996 a San Pedro Polho il numero di abitanti e passato da 800 fino a 9000 persone. Vi hanno trovato rifugio migliaia di indigeni di etnia Maya costretti a fuggire dai propri villaggi a causa delle violenze subite dall'esercito federale e dai gruppi paramilitari. Attualmente vi sono circa 5300 rifugiati che non possiedono alcun mezzo di sostentamenteo. Vivono in baracche di legno senza luce, senza acqua potabile ne’ servizi igienici ed in precarie condizioni sanitarie. Hanno bisogno, per sopravvivere, di aiuti internazionali. La situazione e’ peggiorata da quando, all’inizio del 2004, la croce rossa internazionale ha deciso di sospendere gli aiuti alimentari per far fronte all’emergenza irachena. Da quel momento l’associazione Manitese, insieme ad altre organizzazioni italiane ed internazionali, si e’ fatta promotrice di una campagna di raccolta fondi per fornire gli alimenti necessari alla popolazione sfollata ed aiutarla ad uscire dall’emergenza. Tuttavia l’emergenza non potra’ finire se tutto il territorio circostante continuera’ ad essere controllato dall’esercito e da gruppi armati filo governativi che impediscono alla popolazione di coltivare la propria terra. Tutt'oggi agli abitanti di San Pedro Polho vengono negati i propri diritti fondamentali, il diritto alla terra, all'alimentazione, alla salute, alla casa. La loro unica colpa e' quella di chiedere che siano rispettati questi diritti. La loro lotta, insieme a quella di tutti gli zapatisti del chiapas, e' una lotta per la dignita', la liberta' e l'autodeterminazione.

Note: Per contatti: tonygraziano@tin.it

Articoli correlati

  • Messico: devastazione ambientale e assenza di diritti
    Latina
    In Chiapas attaccata dalla polizia la Caravana Sur en Busca de los 43

    Messico: devastazione ambientale e assenza di diritti

    E il Frayba denuncia che la vita dei lottatori sociali per la difesa del territorio continua ad essere a rischio
    26 febbraio 2020 - David Lifodi
  • La costruzione della barriera anti-migranti sugli antichi siti degli Indiani Apache
    Migranti
    Trump sfida l'UNESCO

    La costruzione della barriera anti-migranti sugli antichi siti degli Indiani Apache

    Sono iniziate le esplosioni controllate all’interno dell’Organ Pipe Cactus National Monument, al confine con lo stato messicano di Sonora, sito sacro per la cultura indiana e protetto dall’UNESCO
    13 febbraio 2020 - Fanpage
  • Messico: ancora una donna assassinata
    Latina
    Il 17 gennaio, a Ciudad Juarez, uccisa l'attivista femminista Isabel Cabanillas

    Messico: ancora una donna assassinata

    Si tratta della quarta donna assassinata nella città nel solo mese di gennaio. La giovane è stata uccisa per il suo attivismo politico a favore dei diritti delle donne di fronte all'indifferenza delle istituzioni
    27 gennaio 2020 - David Lifodi
  • Crisi diplomatica tra Bolivia e Messico
    Latina
    La polizia del governo golpista assedia l’ambasciata messicana a La Paz

    Crisi diplomatica tra Bolivia e Messico

    Sono rifugiati nell’ambasciata numerosi ministri del governo di Evo Morales
    8 gennaio 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)