Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La vera storia della repubblica delle banane

    La vera storia della repubblica delle banane

    Recensione al libro di Francesco Serino (Mursia, 2017) dedicato al colpo di stato compiuto dalla Cia in Guatemala nel 1954 per rovesciare il presidente Árbenz
    18 giugno 2018 - David Lifodi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Guatemala: l'incendio di  El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato
    La morte delle 42 giovani bruciate nel rogo si deve alla totale assenza delle politiche statali per i minori

    Guatemala: l'incendio di El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato

    Tutti erano a conoscenza dell'estremo degrado e delle violenze all'interno della casa-famiglia
    27 marzo 2017 - David Lifodi
  • Guatemala: le brutte facce della presidenza di Jimmy Morales
    Arrestati i suoi uomini più vicini con l’accusa di aver commesso crimini contro l’umanità

    Guatemala: le brutte facce della presidenza di Jimmy Morales

    Negli anni ’80 Cabrera Mejía e Edgar Ovalle Maldonado parteciparono alla repressione imposta dal regime militare
    3 febbraio 2016 - David Lifodi

Guatemala. Nove morti durante lo sgombro di campesinos da latifondi

Sei campesinos e tre agenti Della Polizía Nazionale civile morti, oltre 40 i feriti, fattorie bruciate, raccolti distrutti.. E’ questo il bilancio delle 15 ore di scontro armato conclusesi con lo sgombro di 500 famiglie di campesinos dalle terre di due finche a Retaulheu, costa sud del Guatemala, occupate il 5 settembre 2003.
2 settembre 2004 - Laura Fantozzi (collabora con Peacelink)

La tensione nel Paese e’alta. La stampa critica l’operato delle forze dell’ordine, che hanno minacciato e picchiato anche alcuni giornalisti, distruggendo telecamere e macchine fotografiche. “Abbiamo assisitito ad una esecuzione extragiudiziale, un uomo e’ morto sotto i nostri occhi, dopo essere stato colpito piu volte degli agenti della Polizia” . Gli organi di governo minimizzano l’accaduto. Per Carlos Viellman, ministro di Gobernación “I campesinos erano armati, avevano fucili AK 47, in passato utilizzati dalla guerriglia. E' quindi probabile che fossero diretti da esponenti del crimine organizzato e del narcotraffico”

Gli scontri hanno ricceso il dibattito sulla distribuzione della terra, in una nazione in cui il 2,2% della popolazione possiede il 65% delle terre e l’89,8% dei proprietari ne possiede il 16% “Questo massacro rischia di annullare il lavoro fatto dalla piattaforma agraria – ha ricordato il leader della Coordinazione nazionale di campesinos (CNOC) Daniel Pascul – occorre una riforma agraria, occorre creare un catasto, occorre ridistribuire i latifondi sottratte illegalmente allo stato e alle comunita negli anni della dittatuta militare. - Il governo,- ha aggiunto -., ieri ha rotto gli accordi presi l’8 giugno 2004, alla fine dello sciopero nazionale che blocco’ tutto il paese. (Si prevedeva la sospensione degli sgombri per 90 giorni, in attesa dell’avio di una nuova riforma agraria)”.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)