Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La vera storia della repubblica delle banane

    La vera storia della repubblica delle banane

    Recensione al libro di Francesco Serino (Mursia, 2017) dedicato al colpo di stato compiuto dalla Cia in Guatemala nel 1954 per rovesciare il presidente Árbenz
    18 giugno 2018 - David Lifodi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Guatemala: l'incendio di  El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato
    La morte delle 42 giovani bruciate nel rogo si deve alla totale assenza delle politiche statali per i minori

    Guatemala: l'incendio di El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato

    Tutti erano a conoscenza dell'estremo degrado e delle violenze all'interno della casa-famiglia
    27 marzo 2017 - David Lifodi
  • Guatemala: le brutte facce della presidenza di Jimmy Morales
    Arrestati i suoi uomini più vicini con l’accusa di aver commesso crimini contro l’umanità

    Guatemala: le brutte facce della presidenza di Jimmy Morales

    Negli anni ’80 Cabrera Mejía e Edgar Ovalle Maldonado parteciparono alla repressione imposta dal regime militare
    3 febbraio 2016 - David Lifodi

Guatemala: La corte costituzionale del Guatemala sospende il pagamento alle ex Pac, i paramilitari che appoggiarono i governi dittatoriali dal ‘60 al ‘96

30 settembre 2004 - Laura Fantozzi

Guatemala Ciudad, 28 settembre 2004

5 mila 700 quetzal, quasi 550 euro, poco agli occhi di un cittadino europeo, molto per un guatemalteco che in media guadagna 600 quetzal al mese. 5 mila 700 quetzal è la 'buonuscita' con cui il governo del Guatemala prevedeva di pagare le ex Pac, le Patrullas de Autodifesa Civil, ovvero i paramilitari che negli anni del conflitto interno (1960 -1996) affiancarono l’esercito regolare nella lotta alla guerriglia, perpetrando alcuni dei più crudeli massacri contro la popolazione indigena Maya.

Approvato con la legge 24/2004 del 19 agosto scorso, confermato dallo stesso Presidente della Repubblica Oscar Berger, dopo mesi di proteste da parte di gruppi della società civile il pagamento è stato ‘temporaneamente sospeso’ il 28 settembre 2004 dalla Corte Costituzionale del Paese Centro Americano. "Si tratta di un azione incostituzionale - ha affermato la Corte - perche conferisce al Ministero delle Finanze la facoltà di gestire parte del patrimonio pubblico. Secondo la nostra Costituzione - ha aggiunto la Corte - spetta al congresso della Repubblica stabilire gli investimenti, salvaguardare l'unita del .patrimonio dello Stato, e controllare la legittimità e la razionalità della spesa pubblica"

Dopo la decisione della CC si sono scatenate le polemiche, sopratutto all’interno del Congresso, dove i deputati dei partiti di maggioranza hanno ribadito la volonta di “apporre adeguate modifiche alla legge per risolvere le illgalita riscontrate dalla Corte e poter cosi’ effetture il pagamento”. La Gran Alianza Nacional, GANA, (ovvero il partito del Presidente Oscar Berger), ha gia’suggierito di istituire una nuova tassa di durata temporanea, per raccogliere i fondi per gli ex patrulleros, mentre il Partito Patriota, PP, ha proposto di innalzare il livello di indebitamento dello Stato. “C’e stata una promessa da parte del governo - aggiunge Roseda Perez, esponente Frente Repubblicano Guatemalteco, FRG, (ovvero, il partito dell’ex presidente e Alfonso Portillo, oggi in Messico per non sottoporsi a un processo penale in Guatemala e del Generale-dittatore Rios Montt, responsabile di numerosi eccidi compiuti all’inizio del anni ottanta) - deve essere rispettata, altrimenti si potrebbero verificare veri e propri scontri armati”

Un’affermazione che pare quasi una minaccia, quella dell’FRG, e che dimostra quanti e quanto forti siano ancora oggi, a 8 anni dalla firma degli accordi di pace, i legami tra esercito, paramilitari e politca. Il pagamento alle pattuglie che negli anni del conflitto contribuirono a sterminare la popolazione indigena solleva numerosi problemi di carattere etico, oltre che costituzionale. E giusto pagare chi, almeno in parte, fu complice di veri e propri massacri? E giusto che, mentre molte vittime del conflitto non hanno ancora ricevuto un risarcimento maternale e morale per i traumi subiti, per i parenti morti, per le case perdute, i paramilitari ricevano una buonuscita, quasi una medaglia al merito per il servizio reso allo Stato? E lo Stato non sono tutti i cittadini, anche quelli che i regimi militari hanno perseguitato ed ucciso?

Per Nineth Montnegro, deputata di Alianza Nuova Nazione, ANN, e fondatrice del GAM, Gruppo di Mutuo Appoggio per i parenti delle vittime e dei desaparecidos del conflitto ”Il Congresso non deve piegarsi di fronte alle minacce di alcuni deputati che vogliono ricompensare chi sistematicamente violo’ i diritti umani durante il conflitto”. Montnegro e’una dei molti esponenti della società civile che da mesi si sono mobilitati contro il pagamento delle ex Pac; convegni, conferenze, una marcia nazionale per la pace (agosto 2004) hanno assunto carattere di vera e propria richiesta collettiva di giustizia, in nome di una memoria storica che non puo e non deve essere dimenticata.

Gli ex patrulleros, intanto, in caso di mancato pagamento, minacciano di scendere un’altra volta in piazza, bloccando le maggiori strade del Paese. “Con questa sospensione – precisano dal Consiglio Nazionale delle ex Pax - la Corte viola il diritto di un milione e trecento mila persone ad essere retribuite per un 'lavoro' fatto molti anni fa”.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)