Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Denuncia di Senzaconfine

    Le parole di Pisanu e le violenze quotidiane

    Poche ore prima che il ministro Pisanu gridasse che metà dei reati in Italia sono commessi da "clandestini", un migrante viene ucciso a Torino ...
    23 maggio 2005 - Alessia Montuori (Portavoce di Senzaconfine - Roma)
    Fonte: Newsletter di Ecumenici - http://ecumenici.altervista.org - 22 maggio 2004

    E’ una tragica fatalità che le dichiarazioni del Ministro Pisanu, ancora non molto tempo fa definito un “moderato”, sui reati commessi dai “clandestini” “scoperti” dalla Polizia, giungano proprio il giorno successivo all’uccisione per mano di un agente di polizia di un immigrato senegalese a Torino. Non risulta dalle notizie di agenzia che l’immigrato ucciso fosse armato e non risulta che siano stati sequestrati quantitativi di sostanze stupefacenti, che pure costituivano l’oggetto della perquisizione alla macchina che trasportava il ragazzo ucciso e i suoi compagni: ma il colore della pelle in questi casi vale una presunzione di colpevolezza. Del resto perché stupirsi per un poliziotto che punta un’arma carica su una persona che si chiude in una macchina tentando forse una disperata difesa, quando il suo ministro avvalla tale presunzione di colpevolezza leggendo statistiche in maniera quantomeno superficiale? Pisanu dimentica infatti di precisare che essere denunciati o arrestati non significa essere riconosciuti colpevoli, e forse il suo collega Castelli dovrebbe ricordargli che agli stranieri si applicano le misure cautelari di più che agli italiani, sia per la maggiore difficoltà ad erogare misure alternative alla detenzione basate sulla vicinanza di una famiglia e sulla disponibilità di una casa – più difficili da dimostrare per uno straniero regolare, e legalmente impossibili per un irregolare – sia per un atteggiamento pregiudiziale di molti magistrati che mostrano nei confronti degli stranieri il massimo del sospetto.

    Da un Ministro dell’Interno ci si aspetterebbe piuttosto una lotta ai trafficanti di esseri umani, non una lotta agli esseri umani, da rinchiudere nei CPT o da espellere ammanettati come criminali verso la Libia pur non avendo commesso alcun reato.

    Note:

    SENZACONFINE

    Associazione di volontariato antirazzista e luogo d’incontro fra le culture

    00154 Roma, via di Monte Testaccio 23A – 349/8327322 – E-mail senzaconfine@libero.it

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)