Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Il Belpaese dell'antislamismo

    Alloggi poco dignitosi, difficoltà nel trovare un lavoro, attacchi alle moschee. Un dossier Ue condanna l'Italia. Ma l'islamofobia è ormai una realtà in tutto il continente
    19 dicembre 2006 - Gabriele Carchella (Lettera22)
    Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

    Pochi soldi, poca istruzione, meno lavoro. Essere seguaci di Maometto nell'Unione europea significa affrontare ostacoli e barriere in più rispetto agli altri. Il rapporto «I musulmani nell'Unione europea: discriminazione ed islamofobia» diffuso ieri dall'Osservatorio europeo dei fenomeni di razzismo e xenofobia (Eumc) rivela un'Europa poco accogliente. E in Italia le cose non vanno meglio. Nel nostro paese (così come in Spagna, Olanda e Portogallo) i musulmani sono più soggetti alla discriminazione di tipo religioso. Il primo elemento che salta all'occhio è la scarsità di dati. Le fonti per valutare il livello di discriminazione, infatti, sono scarse e frammentarie. Ciò perché la motivazione anti-islamica è di rado considerata nelle statistiche ufficiali. Solo il Regno unito e la Finlandia risalgono all'origine delle vittime del razzismo nelle statistiche giudiziarie. Ma l'unico paese a pubblicare dati specifici sui musulmani bersagli dell'odio è la Gran Bretagna. I ricercatori dell'Eumc hanno perciò combinato i dati ufficiali con le informazioni ufficiose delle Ong impegnate nell'integrazione sociale. Dopo aver analizzato il materiale raccolto, l'Osservatorio europeo conclude che l'islamofobia in Europa è una realtà concreta. Molte volte l'ostilità viene espressa con minacce verbali, ma in altri casi si può arrivare alle aggressioni contro persone e cose. Il fenomeno interessa una fetta di popolazione non trascurabile: secondo una stima che incrocia i dati ufficiali con quelli delle Ong, sono almeno 13 milioni i musulmani che vivono dell'Ue, pari al 3,5% della popolazione totale. I musulmani sono inoltre il secondo maggior gruppo religioso nella società multiconfessionale dell'Ue. L'alto numero di fedeli dell'islam nel vecchio continente non deve trarre in inganno: l'islamofobia non risparmia neanche paesi dove l'immigrazione di musulmani ha un'antica tradizione. Come il Regno unito, dove il tasso di disoccupazione tra i musulmani è più elevato rispetto alle altre comunità. Nel corso di un esperimento condotto nel 2005 dalla Bbc, cinquanta aziende britanniche hanno ricevuto sei curriculum fittizi di candidati con nomi anglosassoni, africani e musulmani. Il test ha confermato che è più probabile essere convocati per un colloquio per i britannici (25%), rispetto ai neri (13%) e ai musulmani (9%).
    Un analogo esperimento in Francia ha rivelato che la possibilità di ricevere una risposta per un nordafricano è cinque volte inferiore rispetto a un francese «doc». In Irlanda, secondo l'ultimo censimento, l'11% dei musulmani è disoccupato contro una media nazionale del 4%. Passando dal lavoro all'istruzione, il divario rimane. In paesi come Danimarca, Germania e Francia, gli immigrati, in maggioranza musulmani, vantano titoli di studio più bassi. Statistiche come queste, però, non fanno notizia. Al contrario, i proclami e gli attentati di Al Qaeda e soci contribuiscono a rafforzare l'immagine di una comunità che minaccia i valori occidentali e la vulgata dell'invasione islamica. La percezione negativa dei musulmani, sottolinea il rapporto, è favorita anche dai media che spesso raccontano in modo distorto la realtà dell'islam. In questo quadro, l'Italia si inserisce come un paese di immigrazione recente. La cultura mediterranea, comune a molti musulmani, non basta a spegnere i contrasti. Secondo una ricerca sull'intolleranza condotta dall'università di Roma La Sapienza su commissione dell'Unione delle Comunità ebraiche italiane (Ucei), più del 50% del campione (2.200 ragazzi tra 14 e 18 anni) hanno affermato che i musulmani hanno «leggi crudeli e barbariche» e «sostengono il terrorismo internazionale». L'Italia, insieme con la Francia, è uno dei paesi dove i musulmani fanno più fatica a trovare un alloggio dignitoso. L'Osservatorio dell'Ue ricorda poi i graffiti intimidatori apparsi sui muri di centri islamici e moschee nel nord Italia, e le condizioni di semi-schiavitù di molti lavoratori stagionali nelle campagne del sud Italia. Il quadro, comunque, non è del tutto negativo. Nell'Ue non mancano le iniziative in direzione dell'integrazione, come i forum tedeschi e britannici sull'islam e il dialogo tra le associazioni giovanili religiose in Italia. Un esempio da cui ripartire per rilanciare l'integrazione e la comprensione dell'altro.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)