Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

L'antefatto

L'ambasciata italiana in Ecuador si fa pagare per svolgere il proprio lavoro

La denuncia del manifesto e la risposta della Farnesina
10 aprile 2007
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Il 3 aprile il manifesto pubblica le denunce di Cgil, Cisl, Uil, Arci ligure e Federazione regionale solidarietà e lavoro indirizzate al ministro della Solidarietà sociale Paolo Ferrero e a quello degli Esteri Massimo D'Alema. Vi si racconta che i migranti ecuadoriani sono costretti a pagare degli intermediari per poter accedere velocemente ai servizi dell'ambasciata italiana. Il giorno dopo la Farnesina precisa che l'ambasciata italiana a Quito aveva già denunciato a suo tempo episodi di falsificazione dei documenti, avvenuti fuori dall'ambasciata e senza alcun collegamento con il personale italiano in servizio. E aggiunge che da oltre un anno un sistema di prenotazioni via internet «previene raggiri e consente di ridurre i tempi medi di attesa a due o tre giorni». Ma, a quanto ci risulta, esistono ancora intermediari che in cambio di denaro promettono un facile accesso ai servizi dell'ambasciata. Consigliamo di indagare.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)