Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    L'antefatto

    L'ambasciata italiana in Ecuador si fa pagare per svolgere il proprio lavoro

    La denuncia del manifesto e la risposta della Farnesina
    10 aprile 2007
    Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

    Il 3 aprile il manifesto pubblica le denunce di Cgil, Cisl, Uil, Arci ligure e Federazione regionale solidarietà e lavoro indirizzate al ministro della Solidarietà sociale Paolo Ferrero e a quello degli Esteri Massimo D'Alema. Vi si racconta che i migranti ecuadoriani sono costretti a pagare degli intermediari per poter accedere velocemente ai servizi dell'ambasciata italiana. Il giorno dopo la Farnesina precisa che l'ambasciata italiana a Quito aveva già denunciato a suo tempo episodi di falsificazione dei documenti, avvenuti fuori dall'ambasciata e senza alcun collegamento con il personale italiano in servizio. E aggiunge che da oltre un anno un sistema di prenotazioni via internet «previene raggiri e consente di ridurre i tempi medi di attesa a due o tre giorni». Ma, a quanto ci risulta, esistono ancora intermediari che in cambio di denaro promettono un facile accesso ai servizi dell'ambasciata. Consigliamo di indagare.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)