Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Il Comune di Roma e la "multietnicità sostenibile".

    Roma Multietnica

    26 gennaio 2004 - Livio Mascellari

    Partita ufficialmente con la delibera del 14 ottobre 2003, si avvia alla conclusione la prima fase di una importante iniziativa del Comune di Roma, vale a dire l'iscrizione dei cittadini non comunitari residenti nella capitale alle liste elettorali in vista dell'istituzione dei Consiglieri Aggiunti nel Consiglio Comunale e nei Consigli Municipali. L'idea di fondo è quella di «agevolare la rappresentanza e la partecipazione dei cittadini stranieri non comunitari alla vita politica e amministrativa della città», per confermare la vocazione di Roma come «punto di incontro tra culture, religioni ed etnie diverse», come recita lo Statuto comunale.

    Fino al 31 gennaio i cittadini non comunitari con residenza a Roma, siano essi lavoratori o studenti, hanno la possibilità di iscriversi nelle liste elettorali per concorrere all'elezione di 4 consiglieri aggiunti nel consiglio comunale e di un consigliere aggiunto per ogni municipio. Nell'ambito della stessa votazione saranno eletti i membri della Consulta Cittadina di rappresentanza delle Comunità straniere non comunitarie, formata dai «30 candidati di nazionalità diversa che avranno ricevuto più voti e che non saranno stati eletti come Consiglieri Aggiunti».

    Per dirla tutta, l'iniziativa ha un limite, costituito dal fatto che i nuovi consiglieri, pur avendo diritto di «partecipare alle sedute dei Consigli cui appartengono e alle riunioni delle relative Commissioni, con diritto di parola sugli argomenti iscritti all'ordine del giorno» non potranno però esercitare il «diritto di voto». Insomma non è ancora il "migliore dei mondi possibili", ma ci stiamo lavorando! (uso la prima persona plurale in quanto cittadino romano, non in quanto appartenente al consiglio comunale).

    In ogni caso i potenziali candidati sembrano avere apprezzato la cosa, tanto che il Comune di Roma fa sapere che circa 15.000 cittadini non comunitari si sono finora iscritti. I più convinti sembrano al momento i cittadini originari del Bangladesh, mentre la comunità Equadoregna è la meno numerosa nelle liste. La distribuzione di iscritti per genere rivela invece che la percentuale di donne iscritte più alta è appannaggio della comunità Filippina.

    Note:

    http://www.comune.roma.it/romamultietnica/index.htm

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)