Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Obiezione di coscienza

Alla prima occasione io violerò la legge

Ospiterò, infatti, senza indugio tutti coloro che avranno bisogno di aiuto
23 febbraio 2010
Antonello Repetto

CARLOFORTE,
RACCOMANDATA AR
ALL'ATTENZIONE

DEL PREFETTO DI CAGLIARI

MITTENTE:
Solidarietà bianchi neri


REPETTO ANTONIO
VIA DEI NOVELLI INNOCENTI N. 4
09014 CARLOFORTE (CI)

Signor Prefetto,
come rappresentante del governo la rendo partecipe che violerò, alla prima occasione, la legge, di netto stampo razzista, che considera, di fatto, i nostri fratelli immigrati degli OGGETTI e non ESSERI UMANI.
Ospiterò, infatti, senza indugio tutti coloro che avranno bisogno di aiuto contravvenendo così alla legge che considera, purtroppo, l'immigrazione clandestina come un reato.

La mia coscienza di cristiano e cittadino del mondo mi IMPONE DI DISUBBIDIRE! Con questa iniqua legge quasi tutti gli immigrati che vengono nel nostro paese per sfuggire alla fame e alla miseria, di cui il povero di spirito occidente è in buona parte responsabile, vengono rispediti, come PACCHI POSTALI, nei loro paesi d'origine; dove ad aspettarli c'è SPESSO una sorte atroce, molti di loro, infatti, sono perseguitati politici!

E' veramente disdicevole l'ipocrita moralismo di facciata del governo che invia aiuti alla popolazione di Haiti, dopo il tragico terremoto, mentre poi, però, promulga leggi razziali come LE CLASSI PER GLI STRANIERI, oppure permette che s'indicano referendum contro la costruzione delle moschee, violando di fatto LA COSTITUZIONE, che prevede la libertà di culto, oppure fa proposte di legge per vietare i matrimoni misti e per concludere, vara, appunto, la legge che considera gli immigrati clandestini tutti potenziali delinquenti.

E che dire, infine, dei tragici fatti di Rosarno?

Nel paese calabrese gli immigrati, quasi tutti peraltro in regola con il permesso di soggiorno, sono stati aggrediti, sfruttati, trattati come bestie con l'aiuto della 'NDRANGHETA calabrese e poi trasferiti, o sarebbe meglio dire DEPORTATI nei centri vicini.

E che dire della dichiarazione del Presidente del Consiglio che ha affermato:
"MENO EXTRACOMUNITARI, MENO CRIMINALI"?

E questo sarebbe uno STATO DI DIRITTO?

in fede

Antonello Repetto

ADERENTE DI PAX CHRISTI ITALIANA
MOVIMENTO CATTOLICO INTERNAZIONALE
PER LA PACE

Articoli correlati

  • Studentessa di Mediazione Interculturale picchiata da uno studente italiano
    Migranti
    E' accaduto ieri a Bari

    Studentessa di Mediazione Interculturale picchiata da uno studente italiano

    Domani manifestazione di solidarietà davanti al municipio di Bari. La notizia è nella pagina Facebook degli Studenti Stranieri Università di Bari
    31 gennaio 2019 - Redazione PeaceLink
  • 4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Editoriale

    4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una politica di disarmo, poiche' le armi sempre e solo uccidono gli esseri umani.
    Per questo sosteniamo la richiesta che l'Italia sottoscriva e ratifichi il Trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari del 7 luglio 2017.
    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che secondo autorevoli stime gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di settanta milioni di euro al giorno.
    29 ottobre 2018 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • Perché si diventa razzisti?
    Storia della Pace
    Uno studio condotto da ricercatori della Duke University e della Princeton University

    Perché si diventa razzisti?

    I razzisti sono persone che vivono male e che proiettano sugli altri il proprio disagio. E' nelle epoche di grande crisi economica e sociale - come la nostra - che serpeggia in razzismo come meccanismo di difesa
    3 luglio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Oggi avremmo più che mai bisogno di una personalità rivoluzionaria e carismatica come Martin Luther King
    Pace
    A cinquanta anni dall'assassinio di Martin Luther King

    Oggi avremmo più che mai bisogno di una personalità rivoluzionaria e carismatica come Martin Luther King

    Razzismo e xenofobia minacciano di diffondersi nei cuori e nelle menti di molte persone assieme ad un egoismo sociale e politico che contrasta con i principi di solidarietà su cui si basa la nostra Costituzione. Avremmo bisogno ancora oggi di un visionario che dica a tutti: "I have a dream".
    1 aprile 2018 - Laura Tussi e Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)