Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La tragedia del Canale di Sicilia: il nostro lutto, il nostro impegno

    La tragedia del Canale di Sicilia: il nostro lutto, il nostro impegno

    La redazione di Europace pubblica il comunicato dell'Arci sulla tragedia nel canale di Sicilia con l'invito a un piccolo gesto individuale per dare simbolicamente la cittadinanza alle persone in fuga dall'Africa che sono morte in mare.
    7 aprile 2011
  • «Impossibile vivere per i rifugiati»

    Intervista a Younis Tawfik, scritore iracheno e componente della Consulta islamica: «Chiedere asilo politico in Itaia è difficilissimo, e molti profughi preferiscono trasferirsi in un altro paese. Al ministro degli Interni Amato ho chiesto di sveltire le procedure per l'ottenimento della cittadinanza. Bisognerebbe ridurre a cinque, come negli Usa, gli anni necessari per ottenerla»
    24 giugno 2006 - Geraldina Colotti
  • Asilo

    Rapporto Ics: in Italia è utopia

    24 giugno 2006 - Stefano Milani
  • Il caso del cittadino afghano perseguitato per apostasia

    Abdul va all'asilo. Ma sarà solo ...

    Abdul Rahman è in Italia. Gli è stato concesso l'asilo politico. Sul quale finora i nostri governanti sono sempre rimasti indifferenti ed inerti
    30 marzo 2006 - Alessio Di Florio
Dal sito di Nigrizia un'altra incredibile vicenda di diritti(d'asilo)negati.

Eritrei rischiano plotone di esecuzione

In un'interrogazione al governo l'onorevole Marco Zacchera (An) solleva la questione degli eritrei che, ottenuto lo status di rifugiati al tempo della guerra, rischiano ora, espulsi dall'Italia, di essere accusati di diserzione.
21 ottobre 2004


«Migliaia di giovani che lasciarono il loro paese per sfuggire alla guerra con l'Etiopia rischiano ora di perdere lo "status" di rifugiati e di essere rispediti in Eritrea dove rischierebbero il plotone di esecuzione per presunta diserzione». Ad affermarlo è il responsabile del dipartimento esteri di An, l'onorevole Marco Zacchera, che in un'interrogazione al governo chiede di avere un quadro sulla presenza degli eritrei in Italia "per evitare quanto avvenuto nelle scorse settimane a Malta dove 177 giovani sono stati espulsi ed obbligati a forza al ritorno in Eritrea e dei quali si sono perse notizie".

«Incredibilmente - lamenta Zacchera - la fine ufficiale del conflitto può per migliaia di persone diventare un dramma se non verrà loro riconosciuto il diritto di asilo politico, tenuto conto del clima politico ad Asmara».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)