Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

la libertà di esistere

il diritto alla libertà passa attraverso il riconoscimento della legittimità delle nazioni.
25 aprile 2006
Paola Maccioni

In questo giorno di festa, così importante per la nostra democrazia, il mio pensiero va agli amici dei campi profughi Saharawi di Tindouf, in Algeria. E agli amici della Bosnia e Erzegovina in attesa della riforma “internazionale”.
Kofi Annan, nel suo discorso alle Nazioni Unite, ha praticamente dichiarato inutile il piano Baker che prevedeva il referendum per l’autodeterminazione del popolo saharawi e la sua eventuale e legittima autonomia dal Marocco. Kofi Annan non ha tenuto in minima considerazione la lettera dell’ambasciatore dell’Algeria (qui il testo integrale): http://www.aps.dz/fr/pageview.asp?id=118287. Il Marocco assimila i suoi diritti e i suoi problemi politici alla Cina e a Hong Kong, analizzando la storia dal proprio punto di vista: http://www.lematin.ma/Journal/Article.asp?id=natio&ida=60176

Le mie idee politiche ed economiche sui temi internazionali sono ormai strettamente personali. Mi limito a dire che non capisco più l’onu e le agenzie ad esso collegate, già da molto molto tempo. Che non mi sembra che esista più l’onu se non come dipendenza degli usa. Che gli usa non hanno aderito a tanti protocolli: vedi Kyoto per tutti. Che non sopporto e non capisco la loro idea di esportazione della democrazia. E che e che... in un’associazione d’idee a cascata che mi porta a vedere solo morte e distruzione in nome di che cosa e per chi e a favore di quali interessi?

Il mio pensiero e le mie forze sono indirizzate alle persone che subiscono una “globalizzazione democratica forzata”, con armi vere o politiche o economiche. Sono destinate a chi, ogni giorno non sa cosa mangerà, a chi cerca un lavoro che non c’è o, semplicemente, a chi cerca un motivo per continuare a vivere. Con loro e per loro mi sforzo di convincermi che il diritto esiste, che il perdono è difficilissimo ma non impossibile, che la politica si può fare al mercato e a scuola. Che bisogna continuare a credere e a lavorare per la pace: l’unico diritto per cui oggi sia giusto “combattere” in prima persona e senza bandiera. E senza dare tempo al tempo, perchè il tempo siamo noi e i nostri ottant'anni di vita, qui in occidente, molti di meno in altri paesi. E tutti abbiamo diritto di vivere come essere umani e non come sottopopoli.

Articoli correlati

  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • L'escalation della guerra Russia-Ucraina
    Disarmo
    Nella dinamica dell’escalation i mezzi divorano il fine

    L'escalation della guerra Russia-Ucraina

    “Durante la guerra fredda gli Stati Uniti resistettero all'Unione Sovietica in conflitti per procura in tutto il mondo senza venire a scontri diretti. La stessa risposta accuratamente calibrata è necessaria per l'invasione russa dell'Ucraina"
    6 maggio 2022 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)