Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

Testimonianze su Internet dopo la strage degli italiani in Iraq

Le emozioni e i ragionamenti

Il Corriere della Sera on line apre la rubrica "Lettere al fronte"
http://www.corriere.it/corrforum/corriere/Thread?forumid=336
Prevale il patriottismo e l'orgoglio per questi soldati morti in Iraq. Ma emerge anche l'anima della pietà e la speranza della pace. Una testimonianza anche da PeaceLink.
14 novembre 2003 - Alessandro Marescotti

POESIA PER I SOLDATI

Ero la donna che aspettava:
la madre che ti ha portato in grembo,
la figlia che hai educato,
la sorella con cui sei cresciuto,
colei che hai amato.

Ero la donna che aspettava:
immagini, suoni che non riconosco;
vortice, nausea, muscoli di pietra.

Ero la donna che aspettava:
casa famiglia patria morale civile fede religiosa
mi si frantumano addosso.

Ero la donna che aspettava:
una linea, solo una linea ci separa
una linea di fuoco tracciata sulla sabbia.

Ero la donna che aspettava:
torna il sangue nelle mie vene
mentre raccolgo i pezzi del tuo corpo;
torna l'aria nei miei polmoni
mentre raccolgo i tuoi effetti.
Tutto ora è pura materia.

Ero la donna che aspettava:
il tuo cuore sarà il mio cuore,
il tuo sorriso sarà il mio sorriso,
il tuo coraggio sarà il mio coraggio.
Tu sarai sempre in me.

AI CARABINIERI, AI SOLDATI E AI CIVILI MORTI NELL'ATTENTATO AL COMANDO DEI CARABINIERI DI NASSIRIYA IL 12/11/2003, ALLE LORO FAMIGLIE E A TUTTE LE FORZE ARMATE ITALIANE.
Giulia Panizza
giulpan@libero
http://www.corriere.it/corrforum/corriere/Thread?forumid=336&postid=154408

---

MORIRE INVANO
Con la scusa del lavoro sporco che qualcuno deve pur fare anche questa volta delle persone oneste sono morte invano. Si, invano, perche' cambiera' poco o nulla, perche' gli squallidi interessi saranno sempre gli stessi, come sara' sempre lo stesso il patriottismo di facciata e la retorica ipocrita di chi vi ha mandati. Scusate, ragazzi, scusateci tutti. Nessuno di voi voleva essere un eroe in questo modo, avevate mogli e figli e volevate tornare da loro. Una medaglia al valore non vale un'esistenza perduta. Perdonate tutti noi che non andiamo oltre i nostri meschini interessi e che tra una settimana avremo gia' dimenticato.
Fiorenzo (fiore2500@libero.it)
http://www.corriere.it/corrforum/corriere/Thread?forumid=336&postid=154324

---

Dentro PeaceLink Chiara ha scritto questa mail.

stamattina mentre ero al lavoro un amico mi ha telefonato per darmi la tragica notizia dell'attentato accaduto a Nassyria, mi sono sentita gelare il sangue, non perchè queste vittime siano meno importanti delle vittime cadute fino ad ora, ma perchè un amico si trova a prestare servizio proprio in quel luogo. la giornata ha subito assunto una colorazione grigia, quando vieni colpito negli affetti da fatti del genere ti poni delle domande inevitabili, ti chiedi se ha un senso quello che stiamo vivendo, se le vicende che accadono attorno a noi possono veramente essere cambiate partendo dalla diffusione di una cultura di pace. durante tutta la giornata il pensiero tornava ossessivamente a quanto successo in Iraq e l'impossibilità di accedere a internet o alla televisione per cercare notizie mi angosciava sempre di più. una volta giunta a casa ho potuto finalmente rendermi conto di quanto era effettivamente accaduto e venedo a sapere che il numero delle vittime aumentava ed è purtroppo destinato ad aumentare nelle prossime ore mi sono sentita scuotere profondamente. il mio amico per fortuna sta bene perchè era di servizio fuori dalla base, ma si è trattato di un puro caso, avrebbe potuto essere anche lui tra le vittime.
fatti di questo genere portano a riflettere, a renderti consapevole che bisogna cambiare le cose attorno a noi, non voglio fare polemiche, desidero solamente che adesso qualcosa cambi anche nella coscienza della gente che decide per noi, purtroppo in molti si aspettavano la prima vittima italiana, spero solo che tutto quanto accaduto in questa triste giornata non faccia nascere delle inutili polemiche per poi non cambiare niente.
scusate lo sfogo, ma ne avevo bisogno
un abbraccio a tutti
Chiara

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)