Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Convegno su Giorgio La Pira a cento anni dalla nascita

Giorgio La Pira profeta di pace nel mondo

A cento anni dalla nascita, un convegno internazionale tra Messina e Pozzallo ricorda l'attività di Giorgio La Pira, il cui impegno in politica, in difesa della pace e dei diritti umani è un costante invito a non cedere alle lusinghe del potere economico.
11 gennaio 2004
Santi Greco

Il 9 gennaio 2004 è caduto il centenario della nascita di Giorgio La Pira. Siciliano, trapiantato a Firenze, città della quale fu sindaco dal 1951 al 1957 e dal 1961 al 1965, membro della Costituente nel 1946 e deputato al Parlamento, è considerato da tanti un Profeta di Pace.

Proprio con questo titolo "Dalla Sicilia e dal Mediterraneo: Giorgio La Pira profeta di pace nel mondo" si è tenuto un Convegno internazionale di studi tra Messina, città che lo ha visto studente, e Pozzallo, città natale. Nei tre giorni del convegno sono state presentate relazioni di studiosi, politici ed amici di La Pira.

Una interessante tavola rotonda si è svolta nell'ultima giornata sul tema "Cristiani, ebrei e musulmani: dal Medio Oriente un'alleanza essenziale per la pace nel mondo". Tema sul quale hanno discusso padre Ibrahim Faltas, custode della Basilica della Natività di Betlemme, Israel Meir Lau, ex Rabbino capo di Israele e Ahmed al Tayyib, rettore dell'università Al-Azhar.

Tutti i relatori hanno sottolineato lo stretto legame esistente tra il La Pira uomo di pace e il La Pira uomo di fede. E' proprio dal suo essere credente che è nato l'impegno per la pace nel mondo, che lo ha visto opporsi apertamente al fascismo, negoziare la pace in Vietnam, organizzare incontri tra i sindaci delle capitali del mondo, mettersi, da sindaco di Firenze, dalla parte dei poveri della sua città, fino a requisire case disabitate per ospitarvi chi non aveva un tetto. Alcune di queste scelte lo resero incompreso e gli recarono critiche, ma numerosi furono anche gli incoraggiamenti ricevuti da parte di uomini politici del tempo.

E' stato anche sottolineato come oggi il pensiero di Giorgio La Pira sia stato in parte dimenticato: non esistono nuove edizioni delle sue opere, mentre le vecchie sono talvolta introvabili e ciò non facilita la conoscenza del suo pensiero, sopratutto per le generazioni più giovani. Da parte di tutti si è auspicato che in quest'anno non manchino le occasioni per tornare a riprendere in mano i suoi scritti e riportare in luce il suo pensiero.

La capacità di La Pira di conciliare fede, politica e diritti dell'uomo, emerge chiaramente da queste sue riflessioni: "Quando sarò chiamato dal mio Signore a rendere conto di ciò che ho fatto, non potrò dire: Signore, non sono intervenuto per non turbare il libero gioco delle forze di cui consta il sistema economico, e per non violare le norme ortodosse della circolazione monetaria ho lasciato nella fame alcuni milioni di persone". Credo che in questo pensiero si contenuto un grande programma politico su cui tutti dovremmo riflettere.

Articoli correlati

  • Pacifisti in marcia contro i guerrafondai
    Pace
    A Roma oggi il grande corteo per la pace in Ucraina

    Pacifisti in marcia contro i guerrafondai

    Ormai emergono i lati oscuri dello scontro fra blocchi. Questa guerra a oltranza è una resa dei conti della Nato con la Russia. Altro che difesa della popolazione ucraina che, invece, paga un enorme prezzo di vite e di sofferenze. I sondaggi danno ragione a noi pacifisti e torto ai guerrafondai
    5 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • 4 novembre: non festa ma lutto
    Pace
    Appello

    4 novembre: non festa ma lutto

    Proponiamo che il 4 novembre si svolgano commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre, di ieri e di oggi. Le commemorazioni devono essere un solenne impegno per ridurre drasticamente le spese militari, per abolire le testate nucleari, per fermare le fabbriche di armi.
    23 ottobre 2022
  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce in tempo di guerra ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" può essere condannato a "non inferiore a quindici anni". Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Corteo a Bari: Tacciano le armi, negoziato subito! Verso una conferenza internazionale di Pace
    Pace
    Volantino per il corteo del 22 ottobre 2022 a Bari

    Corteo a Bari: Tacciano le armi, negoziato subito! Verso una conferenza internazionale di Pace

    Il volantino è stato predisposto dalla Rete dei comitati per la pace di Puglia per il corteo del 22 ottobre nell'ambito delle iniziative convocate da Europe for peace in vista della manifestazione nazionale del 5 novembre a Roma.
    21 ottobre 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)