Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

    8 marzo a Montelupo Fiorentino

    La storia si ripete, e anche il nostro mondo globale e interconnesso genera tuttora i germi di nuove dittature e nuove follie. E' compito di noi umani pensanti far tesoro degli orrori vissuti e raccontati, cercando di concretizzare l'urlo che dalle menti sbigottite richiama ancora: "Mai più!"
    9 marzo 2009 - Roberto Del Bianco

    Vi sono luoghi dove la passata follia del fascismo e del nazismo sembra non avere avuto la risonanza storica pure ad essi dovuta. Noi tutti ricordiamo ad esempio le tragedie di Marzabotto, le fosse Ardeatine... eppure ogni paese ha pianto i suoi morti!

    Davanti al monumento ai caduti 8 marzo, allora, a Montelupo Fiorentino; e non, come si potrebbe credere, per la "festa della donna". Ché per la "città della ceramica" nei pressi di Firenze questa data ricorda ben altro anniversario. Nei giorni tra il 4 e l'8 marzo 1944 infatti, a seguito degli scioperi indetti pochi giorni prima contro la guerra (vedi ad esempio qui per approfondire), le autorità tedesche e fasciste operarono rastrellamenti in tutta la zona, che portarono a Montelupo all'arresto di 30 persone, e per 21 di esse iniziò un viaggio drammatico verso Mauthausen.

    ... Che dire di questo giorno? Non sono solo i libri di storia a dover mantenere memoria di questi fatti ma soprattutto noi stessi, umani della nostra epoca. Anche se ci crediamo più buoni, più bravi; anche se riteniamo tutto questo oramai frutto di follie del passato.
    La storia si ripete, e anche il nostro mondo globale e interconnesso genera tuttora i germi di nuove dittature e nuove follie. E' compito di noi umani pensanti far tesoro degli orrori vissuti e raccontati, cercando di concretizzare l'urlo che dalle menti sbigottite richiama ancora: "Mai più!".

    Note:

    E' online l'album fotografico delle immagini scattate durante il corteo e la cerimonia commemorativa.

    Vedi anche: Si presenta il "Libro dei deportati": è la prima volta per la Toscana

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)