Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

20 marzo 2004

Americani manifestano per la pace, intervista a Richard Becker

Richard Becker, con l’associazione A.N.S.W.E.R. (“risposta”, nonchè l’acronimo di Act Now to Stop War and End Racism), è fra gli organizzatori la marcia che si tiene a San Francisco. Il 20 marzo tutti i pacifisti americani sono mobilitati nelle città Usa con 200 marce antiwar.
20 marzo 2004 - Alessandro Ursic

Manifestare contro la guerra negli Stati Uniti significa anche lottare per far sì che i soldi destinati al budget militare siano piuttosto spesi per il sociale. E dopo le bugie di Bush sulle armi di distruzione di massa, il dissenso verso l'attuale amministrazione è aumentato

Il 20 marzo negli Stati Uniti sono previste circa 200 marce per la pace.

Ce lo ricorda Richard Becker, che con l’associazione A.N.S.W.E.R. (“risposta”, nonchè l’acronimo di Act Now to Stop War and End Racism) organizza la marcia che si tiene a San Francisco.

---------- Intervista -----------------

- Per cosa manifestate il 20 marzo?

La nostra richiesta principale è di porre fine all’occupazione coloniale dell’Iraq, dell’Afghanistan, di Haiti, e della Palestina da parte di Israele. Ma ci battiamo anche per le libertà e i diritti civili, compromessi con leggi come il Patriot Act e il generale giro di vite sulla riservatezza di tutti noi imposto da Bush dopo l’11 settembre, con il pretesto della guerra al terrorismo. E poi chiediamo che l’enormità di denaro compreso nel budget militare sia piuttosto utilizzata per creare nuovi posti di lavoro, migliorare la sanità pubblica e l’istruzione.

- L’obiezione frequente fatta a chi propone il ritiro delle truppe dall’Iraq è che, senza i militari, nel Paese regnerebbe il caos, perché mancano ancora le strutture politiche e sociali necessarie. Non credete che sia così?

No. In tutti i Paesi che ho detto prima il disastro è stato creato dall’intervento degli Usa. I movimenti pacifisti credono che, messa così, questa obiezione – cioè che “noi occidentali siamo i soli che possono risolvere questi problemi di destabilizzazione” – sia un trabocchetto, una trappola. La gente che vive in questi Paesi è pienamente capace di determinare il suo futuro, e noi sosteniamo il suo diritto all’autodeterminazione. L’idea che l’Europa e gli Stati Uniti abbiano il compito di portare la stabilità è un’estensione dei concetti coloniali dell’Ottocento.

- Come è cambiato il movimento per la pace negli Usa, un anno dopo l’inizio della guerra in Iraq? E’ cresciuto o viene ancora bollato come “anti-patriottico” da chi sostiene Bush?

L’opinione pubblica è maggiormente contraria alla guerra ora di quanto lo fosse un anno fa. Molte persone hanno capito che l’intervento militare era basato su delle bugie. Per questo la destra si sente molto più debole, e le accuse di antipatriottismo ci vengono rivolte più raramente. Prima della guerra si era creata una grande polarizzazione negli Stati Uniti. Ma ora i sostenitori della guerra e dell’occupazione sono sulla difensiva.

- Allora vi aspettate una maggiore partecipazione alle marce di quest’anno?

Sembra un paradosso, ma in realtà credo che ci sarà meno gente in piazza. Perché l’anno scorso c’era un’atmosfera da guerra imminente, piena di incognite: una situazione che inevitabilmente coinvolge di più i cittadini. Per la manifestazione di San Francisco prevedo comunque la partecipazione di parecchie decine di migliaia di persone.

- Quali effetti hanno avuto negli Usa le stragi di Madrid dell’11 marzo?

Gli orribili attacchi avvenuti in Spagna hanno fatto scattare l’allarme a Washington. Si è visto quanto poco popolare sia la guerra, e come questo sentimento comune può far cambiare il governo di un Paese. La Casa Bianca è ancora più preoccupata di prima. E se Zapatero mantiene l’impegno di ritirare i soldati spagnoli dall’Iraq se entro il 30 giugno l’Onu non subentra alle truppe della coalizione, la minaccia per il governo statunitense diventa veramente seria.

Note:

I pacifisti americani su Internet
http://www.internationalanswer.org

Cronaca della manifestazione per la pace è sulle radio di Popolare Network
http://www.radiopopolare.it/html/network/leradio.htm

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)