Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Afghanistan: i giorni delle menzogne devono finire
    Il bisogno di dire la verità sulla guerra

    Afghanistan: i giorni delle menzogne devono finire

    Avete visto il bel film di Steven Spielberg "The Post" sulle menzogne del governo USA sulla guerra nel Vietnam? Mentre lo guardate immaginate l'Afghanistan.
    16 marzo 2018 - Alessandro Marescotti
  • La dottrina di Walzer e i paradigmi militari dell’America

    La dottrina di Walzer e i paradigmi militari dell’America

    In anteprima, un brano del libro di Carlo Ruta "Guerre solo ingiuste. La legittimazione dei conflitti e l'America dal Vietnam all'Afghanistan", in libreria dal gennaio 2011.
    18 dicembre 2010 - Carlo Ruta
  • My Lai Four
    Sud-Vietnam, 16 marzo 1968. Un intero villaggio raso al suolo dalle truppe statunitensi. La storia di un massacro

    My Lai Four

    Un film non banale e drammaticamente fedele. E la storia di come questo film abbia reso possibile l'inizio di un sogno...
    12 dicembre 2010 - Beniamino Trucco
  • Vietnam e Iraq: la retorica rimane la stessa

    Il nuovo passatempo nazionale di paragonare la guerra dell'Iraq di oggi con il disastro americano in Vietnam continua.
    3 aprile 2007 - Robert Fantina

Undici giorni dopo la sanguinosa repressione delle proteste in Vietnam Ancora ignoto il destino degli indigeni scomparsi

21 aprile 2004 - Associazione per i popoli minacciati / Gesellschaft für bedrohte Völker


L'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si è appellata all'Unione
Europea perché si impegni per la liberazione di decina di indigeni cristiani
arrestati e per l'istituzione di indagini internazionali indipendenti sui
massacri di indigeni avvenuti undici giorni fa in Vietnam. Dopo molte
smentite, le autorità vietnamite hanno finalmente ammesso che due indigeni
Dega sono morti durante la repressione delle proteste nel Vietnam centrale
mentre sono rimasti feriti 80 poliziotti e soldati. In realtà però i
manifestanti morti sono molti di più e decine di persone sono state
arrestate. Testimoni oculari contattati telefonicamente dalle regioni di Dak
Lak e Gia Lai, per giorni isolate dal mondo, raccontano che l''esercito ha
sparato sulla folla di manifestanti e ha poi rimosso i cadaveri con i
bulldozer. La spirale di violenza è scattata quando nei giorni tra il 10 e
l'11 aprile le forze dell'ordine vietnamite hanno tentato di impedire con le
armi le proteste di migliaia di indigeni in maggioranza protestanti per la
violazione dei loro diritti di terra e della loro libertà religiosa.

La provincia vietnamita di Dak Lak è un'importante zona di coltivazione del
caffè. Dal 1995 decine di migliaia di indigeni delle regioni montuose del
Vietnam centrale soffrono la progressiva perdita delle loro terre
tradizionali a favore delle piantagioni di caffè gestite principalmente da
persone appartenenti al gruppo etnico maggioritario e provenienti dalle
pianure. Le proteste degli indigeni si rivolgono contro la violazione dei
loro diritti tradizionali alla terra e contro la repressione a causa loro
credo religioso.

Nonostante la costituzione Vietnamita e i decreti governativi garantiscano
la libertà religiosa, i Protestanti, Cattolici e anche Buddisti vietnamiti
subiscono costanti aggressioni, chiese e tempi vengono chiusi, sacerdoti e
credenti sono arbitrariamente arrestati. Circa due terzi dei protestanti
vietnamiti sono indigeni. Solo l'1,2% della popolazione vietnamita è
protestante, il 10% è cattolica.

L'APM definisce "assurde" le accuse delle autorità vietnamite secondo cui
indigeni esiliati negli USA abbiano fomentato le proteste promettendo denaro
ai partecipanti alle manifestazioni. É piuttosto vero che gli indigeni
subiscono un continuo peggioramento delle loro ormai drammatiche condizioni
di vita, tanto da spingerli alle proteste.

Note:

www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/040421it.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)