Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Recensione su Rivista Anarchica - A n. 432 Marzo 2019

Il ferroviere di San Siro. Giuseppe Pinelli e la ripresa dell'Unione Sindacale Italiana a Milano

Libro di Franco Schirone. Coedizione Associazione Culturale "Pietro Gori" - Milano e Unione Sindacale Italiana -USI-CIT. Recensione di Fabrizio Cracolici
Laura Tussi26 febbraio 2019

Recensione al libro: Il ferroviere di San Siro

Recensione su Rivista Anarchica - A n. 432 Marzo 2019

Franco Schirone (a cura di)

Il ferroviere di San Siro.

Giuseppe Pinelli e la ripresa dell'Unione Sindacale Italiana a Milano.

Libro di Franco Schirone

Coedizione Associazione Culturale "Pietro Gori" - Milano e Unione Sindacale Italiana -USI-CIT

Recensione di Fabrizio Cracolici[1]

 

Che dire ancora di Giuseppe Pinelli, Anarchico e Partigiano, che con la sua coerenza e tenacia ha saputo dare un grande contributo all’attivismo anarchico e non violento del secolo scorso.

Devo dire, con piacere, che il curatore Franco Schirone è riuscito a far emergere aspetti dell’impegno di Pinelli che poco sono stati sviluppati, pur se menzionati nei numerosissimi testi su Pinelli e su Piazza Fontana pubblicati in quasi cinquant'anni da quella strage di Stato perpetrata da criminali fascisti giostrati da organi dello Stato e da militari.

L’opera viene introdotta da una intervista molto profonda e attuale, realizzata dalla giornalista Laura Tussi, alla figlia Claudia Pinelli, dove emergono parole e significati trasmessi da una famiglia che ha subito una gravissima ingiustizia, un assassinio, ma che al contempo ha saputo trasformare la vicenda in una grande lotta di verità e giustizia. Silvia Pinelli scrive "come un partigiano anarchico, un ferroviere, sia riuscito a inceppare la macchina dello Stato e a smuovere una coscienza civile".

L’esperienza dell’USI - Unione Sindacale Italiana- a Milano, abbraccia quel periodo di forte pulsione sociale e di grandi rivendicazioni del mondo del lavoro sempre più deluso dall’azione dei sindacati confederali. Giuseppe Pinelli è tra i principali promotori, responsabile della sezione USI-Bovisa e lo ricorda in una interessante intervista Ivan Guarnieri  raccontandone l’attività.

Enrico Moroni, nella sua testimonianza, parla della seconda sezione, l'USI-Centro, con sede in una piazza molto particolare...appunto Piazza Fontana, in uno stabile occupato, l'ex hotel Commercio in disuso da diversi anni trasformato in Casa dello Studente e del Lavoratore da studenti e lavoratori che non potevano permettersi di pagare un affitto. L'ex Hotel Commercio rappresenta anche la lotta contro le carovane dello sfruttamento dei lavoratori.

Viene fatta anche un’approfondita analisi della lotta alla Fiat di Milano per rivendicare un salario dignitoso e maggiori tutele e diritti. Il testo, inoltre, è ben documentato da immagini, volantini e articoli di quel periodo storico di grandi lotte sociali: il 1969.

Negli anni, molte sono state le iniziative a ricordo di Giuseppe Pinelli. Sono ricordate in particolare quelle allo spazio occupato Micene, in quanto considerato il luogo della memoria, a poca distanza da quella che all’epoca del suo assassinio era l’abitazione di Giuseppe Pinelli e della sua famiglia. Un toccante pensiero di Claudia Pinelli, "A mio padre", fa capire al lettore quelle vibrazioni e sensazioni che attraversano la vita di una bambina con la perdita di ciò che più le era caro, il padre: "il freddo è intenso", "eravate belli", "quanto impegno nella tua vita" e altre parole e frasi intense che colpiscono il lettore. A chiudere l’opera, la famosa ultima lettera di Giuseppe Pinelli a Paolo Faccioli dove, in tono elevato e perentorio, Pinelli descrive l'essenza dell'Anarchia: "l’anarchismo non è violenza, la rigettiamo, ma non vogliamo nemmeno subirla: essa è ragionamento e responsabilità".

Ammetto che la lettura di questo libro trasmette un pezzo di storia e di valori che adesso sento ancora più miei. Un invito alla lettura affinché la violenza del potere sia annullata dalla forza della verità.

[1] Presidente ANPI Sezione Emilio Bacio Capuzzo Nova Milanese (Monza e Brianza)

Note: Su A- Rivista Anarchica n. 432 Marzo 2019

http://www.arivista.org

Articoli correlati

  • Nonviolenza: la forza della verità
    Pace
    I capisaldi della nonviolenza: un ricordo per Nanni Salio 

    Nonviolenza: la forza della verità

    Dal principio del dire la verità ai potenti alla legge dell’amore 
    16 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio
    Palestina
    Intervista a Egidia Beretta madre di Vittorio Arrigoni - Vik Utopia

    Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio

    “Questo figlio perduto, ma vivo come forse non lo è stato mai, che, come il seme che nella terra marcisce e muore, darà frutti rigogliosi"
    10 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi
    Editoriale
    La nostra è una sfida coraggiosa al realismo passivo, privo di orizzonti

    Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi

    L’impegno per giustizia e pace è fatto di amore per la vita, ed è fiducia nella possibilità dell’umanità di essere il meglio di sé, di essere capace di fraternità, di condivisione, di giustizia. Il lavoro per la pace è fede nella possibilità di una umanità giusta.
    4 ottobre 2020 - Enrico Peyretti
  • Giornata internazionale della nonviolenza
    Pace
    "La non violenza è la più grande forza a disposizione dell'umanità", disse Gandhi.

    Giornata internazionale della nonviolenza

    E' stata istituita dall'ONU e si celebra il 2 ottobre, giorno del compleanno del Mahatma Gandhi. La Giornata internazionale è un'occasione per "diffondere il messaggio della non violenza, anche attraverso l'educazione e la consapevolezza pubblica".
    ONU
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)