Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Stati Uniti

Marcia Nonviolenta dei Poveri Statunitensi nei giorni della Convention Repubblicana

La Campagna dei Poveri per i Diritti Economici realizzarà la sua "Marcia per le Nostre Vite: Basta con le Guerra Domestica" pertendo dal palazzo dell'ONU a New York il 30 agosto nei giorni della Convention Repubblicana
22 agosto 2004
PPEHRC (Campaña de los Pobres por los Derechos Humanos Economicos)
Fonte: Alternativas.org

La Campagna dei Poveri per i Diritti Economici negli Stati Uniti
annuncia DISUBBIDIENZA CIVILE NONVIOLENTA DI MASSA il primo giorno della
Convenzione Nazionale Repubblicana

I poveri, i senza casa e gli invalidi rischieranno di essere arrestati il 30
agosto.

New York, NY, 16 agosto 2004

La "Campaña de los Pobres por los Derechos Humanos Economicos" (PPEHRC)
terrà una conferenza stampa durante la Convention Nazionale Repubblicana il
30 agosto , di fronte alla Statua della Libertà, nella quale dichiarerà
che non intende rinunciare alle proprie libertà.

La Campaña de los Pobres por los Derechos Humanos Economicos realizzerà la
sua "Marcha por Nuestras Vidas: Alto a la Guerra Domestica" - manifestazione
e marcia dalle Nazioni Unite a New York alle ore 16 del giorno 30 agosto.
Marcerà con o senza autorizzazione.

"Nello stesso modo nel quale la Città di Nuova York ha eretto la Statua
della Libertà per dare il benvenuto in questo paese agli esausti, ai poveri
e ai senza casa, siamo certi che ancora tutti saranno i benvenuti in questo
mese di agosto nella Convention Nazionale Repubblicana.
La vera libertà negli Stati Uniti significa libertà di espressione, libertà
di venerare il proprio Dio, libertà dalla povertà e libertà dalla paura.
Marceremmo il 30 agosto dalla sede delle Nazioni Unite fino all'ingresso
della Convention Nazionale Repubblicana". - Cheri Honkala, Portavoce
Nazionale di PPEHRC.

Malgrado le minacce del Dipartimento di Polizia di New York e dei falsi
comunicati stampa che dicono che stiamo marciando da quella chiamata "Zona
de Libertad de Expresiòn"; la Campaña de los Pobres por los Derechos Humanos
Economicos annuncia nuovamente l'intenzione di marciare il primo giorno
della Convention Nazionale Repubblicana con le famiglie povere e senza casa
di tutto il paese, dalla Piazza Dag Hammarskjold nella sede delle Nazioni
Unite fino al Madison Square Garden.

La nostra sarà una marcia nonviolenta. Marceremmo dalle Nazioni Unite fino
il Madison Square Garden dove consegneremo a George W. Bush un atto di
"arresto comunale" * per Crimini Contro l'Umanità. Abbiamo invitato
osservatori internazionali dei diritti umani a partecipare e a dare la loro
testimonianza del nostro tentativo di fermare l'isolamento nel quale si
trovano ogni giorno i poveri di questo paese.
Vedere www.marchforourlives.org e www.economichumanrights.org per maggiori informazioni, foto e resoconti aggiornati

* In alcuni stati degli USA la legislazione permette ai comuni cittadini di
effettuare arresti se ci sono le condizioni di flagranza di reato.

Note: Alternativas mailing list
Alternativas@sitiocompa.org
http://sitiocompa.org/mailman/listinfo/alternativas_sitiocompa.org

traduzione di Alejandra Bariviera a cura di Peacelink

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)