Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Alle donne e agli uomini che si oppongono alla guerra

Volantino di Bastaguerra della manifestazione del 30 Ottobre a Roma
30 ottobre 2004
Bastaguerra Roma

Siamo ancora una volta qui - e ancora ci saremo le prossime volte - sotto il governo a palazzo Chigi, per puntare il dito contro chi ha dato ordine di occupare militarmente l'Iraq e appoggiare l'infame guerra imperiale di Bush e Blair. Dopo più di 30.000 morti ammazzati in Iraq dal 20 marzo del 2003 ad oggi - che si aggiungono ai milioni di morti da embargo e da uranio impoverito - e mentre sotto i nostri occhi si svolge il massacro di Falluja e del triangolo sunnita, c'è ancora chi tentenna sul ritiro delle truppe o vorrebbe aspettare le fantomatiche elezioni irachene del gennaio 2005. Elezioni / farsa che si faranno in un paese devastato, dopo una feroce e globale repressione della resistenza ,oppure fatte solo in una parte del paese, per fare da schermo al governo filoamericano e illegale di Allawi. Così la guerra illegale lascia il posto ad una occupazione militare illegale, ad un governo illegale, ad una Conferenza internazionale di Pace illegale, gestita dagli attuali occupanti/invasori. Questi ultimi non sono stati mai sanzionati dalla comunità internazionale o dal tribunale Penale Internazionale che dovrebbe invece condannarli come criminali di guerra ed imporgli non solo il ritiro immediato delle truppe e delle basi militari, ma l'abolizione delle leggi illegalmente imposte per il governo del paese e la rapina delle sue risorse, il risarcimento degli immensi danni prodotti con la guerra, il risarcimento delle vittime civili e delle infami torture nelle carceri dell'Iraq. I nostri soldati fanno da sentinella ai pozzi di petrolio dei contratti ENI a Nassiriya e il popolo irakeno è sottoposto ad una tragedia epocale ed a massacri inauditi, che colpiscono soprattutto le città ribelli. Laddove continua la resistenza, legittima difesa dall'invasore, che dobbiamo sempre distinguere dai gruppi terroristici, i cui metodi ripudiamo. Poichè l'occupazione militare dell'Iraq è un crimine internazionale, chiediamo che l'Italia si dissoci dalle complicità di guerra ritirando le truppe immediatamente e prima della cosiddetta conferenza di Pace, per isolare politicamente gli Stati Uniti e fare massa critica - insieme agli altri paesi che si sono dissociati da Bush, come la Spagna. Ma sappiamo che oggi chiedere il ritiro delle truppe non è più sufficiente perchè il problema cruciale è LA LIBERAZIONE DELL'IRAQ; infatti a queste truppe possono subentrare quelle della NATO, magari sotto comando ONU, oppure quelle della polizia irakena collaborazionista con gli occupanti. Nel frattempo la bandiera americana sventolerà arrogante sul suolo dell'Iraq e soprattutto sui suoi pozzi di petrolio e su tutti i suoi appalti per la ricostruzione. Perciò diciamo NO ad ogni ipotesi di invio di nuove truppe della Nato in Iraq, diciamo NO ALL'IMPEGNO MILITARE ITALIANO in Iraq, che è costato finora 600.000.000 di euro con i quali si potevano alleviare in Italia i problemi sociali più urgenti, dalle case per gli immigrati e i precari ai redditi di cittadinanza. BASTA CON LA GUERRA BASTA CON L'OCCUPAZIONE IRAQ LIBERO PARTECIPIAMO IL 30 OTTOBRE ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA LIBERIAMO LA PACE. VIA SUBITO LE TRUPPE DALL'IRAQ

Bastaguerra (Roma )
ottobre 2004

Note: Info: andfalcon@libero.it

Allegati

Articoli correlati

  • Pace proibita? Esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo protestano
    Pace
    Un evento di Santoro e Vauro, dal vivo e in streaming

    Pace proibita? Esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo protestano

    Michele Santoro e Vauro Senesi riuniscono in nome della pace, lunedì prossimo (2 maggio) alle ore 21, esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo per "opporsi alla deriva verso il pensiero unico e la resa dell’intelligenza" davanti agli orrori della guerra in corso in Ucraina.
    28 aprile 2022 - Patrick Boylan
  • Missionari in piazza
    Alex Zanotelli
    Roma, piazza Montecitorio, 24 luglio 2019

    Missionari in piazza

    Contro l'approvazione del decreto sicurezza bis che criminalizza ulteriormente chi soccorre i migranti in mare
    23 luglio 2019
  • “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”
    Disarmo

    “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”

    Un'associazione pacifista sarda denuncia, presso le Procure di Roma e di Cagliari, cinque Ministri dell'attuale Governo gialloverde. Ipotesi di reato: traffico d'armi verso l'Arabia Saudita e concorso nelle stragi commesse dai sauditi nello Yemen.
    28 febbraio 2019 - Redazione
  • L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano
    Pace
    Nonostante i concreti rischi di una insurrezione o di una invasione militare...

    L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano

    Eppure sarebbe stato possibile votare una risoluzione che esiga il pieno rispetto della legalità, sia all'interno del paese, sia sul piano internazionale. Come ha già fatto il Consiglio di Sicurezza dell'ONU, quando ha rifiutato di riconoscere l'usurpatore Guaidò (notizia taciuta dai mass media)
    14 febbraio 2019 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)