Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo

Solidarietà ad Aziz

Aziz è stato arrestato otto giorni fa e da allora si trova nel carcere di Kishom. Secondo il suo avvocato, Dr Mahagneh, e secondo il comitato contro la tortura in Israele, Aziz è sottoposto a tortura fisica e psicologica, i servizi di sicurezza israeliani vogliono strappargli una confessione in cui dovrà ammettere di essere a capo di una cellula terroristica della Jihad islamica della zona, altrimenti diffonderanno in tutto il mondo un'accusa infamante contro di lui sorretta dalla testimonianza di persone pronte a giurare il falso e a dichiarare che Aziz ha partecipato all'uccisione a sangue freddo di un soldato israeliano.
14 marzo 2005 - Ali Rashid

vi prego di fare tutto il possibile

Il movimento palestinese per la cultura e la democrazia, nato quattro anni
fa, ha fatto un grande sforzo per dare cittadinanza alla cultura della
democrazia e della non violenza, praticandola in luoghi difficili e in
condizioni avverse e sfavorevoli. Il movimento ha avuto maggiore
radicamento nel campo profughi di Tulkarem, un luogo tra i più sfortunati
al mondo, grazie al lavoro straordinario di un valoroso compagno che molti
di voi hanno conosciuto in diverse occasioni.
Nella sede del movimento e dell'associazione Kufia, dopo il lavoro,
l'insegnante che tutti conoscono come Aziz ogni giorno trascorreva tutte le
ore che restavano della sua giornata insieme ai giovani e ai vecchi del
campo a parlare di democrazia, di storia, di lotta non violenta che sottrae
i ragazzi alla disperazione e li salva dalla rassegnazione, aiutandoli a
incanalare la rabbia nel ragionamento, nel gioco, nello studio e in mille
iniziative creative che mitigano il dolore e lasciano filtrare un barlume
di luce.
Molti di noi hanno dedicato attenzione, aiuto e viva speranza al suo
impegno. Colgo l'occasione per ringraziare il sindaco di Terni, la
provincia di Roma, la provincia di Napoli, la comunità montana dell'Umbria,
l'Arci, la Fiom e la comunità montana di Omegna, i giovani comunisti di
Napoli e molte donne e uomini che ci hanno aiutato a realizzare i programmi
di adozione a distanza, il progetto di apicoltura, la cooperativa di donne
per l'allevamento degli ovini, i corsi per il doposcuola e il tempo libero,
i campi estivi per ragazzi israeliani e palestinesi organizzati insieme ad
associazioni israeliane progressiste. Aziz ha saputo gestire tutte queste
attività dimostrando a tutti l'alto significato dell'impegno politico al
servizio della comunità e dando alla lotta un significato positivo e
costruttivo, fondato sulla vita e non sulla morte.
Il mese scorso ho sentito spesso Aziz, perché a Ramallah, Bir Zeit e
Tulkarem aveva organizzato manifestazioni di solidarietà per la liberazione
di Giuliana Sgrena e non riusciva a trovare l'inviato del manifesto per
dare la notizia. Alla fine di ogni telefonata mi lasciava rassegnato
dicendo: l'importante è fare le cose giuste. E' vero, l'importante è fare
le cose giuste.
E' una prova concreta di quello che stiamo dicendo da tempo e cioè che i
pacifisti veri sono i nemici più temibili per i guerrafondai e che non
viene risparmiata nessuna occasione per togliere a loro credibilità, come
conferma il vile attacco contro Giuliana di questi giorni.
Al caro Aziz deve andare tutto il nostro sostegno, in questo momento
difficile ha bisogno dell'affetto e della solidarietà di chi crede nella
pace e nella giustizia e di chi ha ancora la forza di indignarsi per la
bassezza di chi usa il ricatto contro le persone oneste, forte solo dei
suoi muscoli, della sua ignorante arroganza, della cattiveria gratuita, del
disamore per la vita, nemico soprattutto di se stesso.

Chi volesse esprimere la sua solidarietà ad Aziz, il nome vero è Mohamed
fawzi Tanji, può farlo inviando fax o e-mail al governo israeliano
attraverso l'ambasciata in Italia (tel. 0636198500, fax 0636198555, e-mail
info-coor@roma.mfa.gov.il ). Per informazioni sui progetti di Kufia, potete
scrivere all'indirizzo paolag18@tin.it ).

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)