Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo

ISM: Dichiarazione sull'omicidio di Rachel Corrie

16 marzo 2003

comunicato sulla morte di rachel corrie
19 marzo 2003 - ISM

Oggi a Rafa, nella striscia di Gaza, Rachel Corrie, 23enne americana di
Olympia nello stato di Washington, volontaria con l'International Solidarity
Movement (Movimento Internazionale di Solidarieta'), e' stata uccisa dall'esercito
israeliano. Rachel si era piazzata sul percorso di un bulldozer che
avanzava verso di lei. Vedendo che il bulldozer non si fermava nè deviava, si e'
arrampicata sul cumulo di macerie e terra che si formava davanti al
mezzo, per guardare in faccia il conducente, che continuava ad avanzare. La Corrie indossava una giacca fluorescente. L'avanzata del bulldozer continuo'
fino a spingere la donna sotto le macerie. Anche dopo che fu scomparsa dalla
vista, il conducente avanzo', sempre con la lama abbassata, fino a trovarsi
completamente sopra di lei, cosi' che è rimasta schiacciata. Poi ha fatto
retromarcia - passandoci sopra una seconda volta.

Gli altri sette attivisti ISM partecipanti all'azione corsero ad
estrarla. Fu trasportata d'urgenza all'ospedale Al-Najar, dove mori'.
L'esercito israeliano abbatte sistematicamente case palestinesi, in
particolare a Rafa, ove oltre 100 ne sono state demolite negli ultimi due anni. L'ISM - formato da civili sia palestinesi che stranieri- fa appello alla comunita'
internazionale perche' rompa il silenzio che circonda i grotteschi
abusi dei diritti umani perpetrati dagli israeliani. I civili stranieri si
trovano nei Territori Occupati per cercare di difendere i diritti umani e le vite dei
palestinesi proprio perche' le organizzazioni internazionali
istituzionali si rifiutano di farlo. Decine di civili palestinesi vengono sistematicamente uccisi ogni settimana e oggi una stupenda e coscienziosa paladina americana dei diritti umani e' stata uccisa mentre cercava di proteggere la casa di una famiglia palestinese.

Questo omicidio, come le demolizioni continuate delle case palestinesi,
deve essere fermamente condannato dagli Stati Uniti e dalle Nazioni Unite, che
devono insistere affinche' l'Israele si attenga al diritto internazionale e
rispetti le risoluzioni ONU. L'ISM lancia inoltre un appello al
governo degli Stati Uniti perche' apra una propria inchiesta indipendente su questo
avvenimento ed assuma le proprie responsabilita' in relazione all'uso
che fa il governo israeliano dei 2,2 miliardi di dollari di aiuti militari che noi
concediamo loro ogni anno . Questo denaro e questi armamenti di
provenienza statunitense vengono impegnati quotidianamente dalle forze armate
israeliane ai danni di civili innocenti. Il bulldozer che ha ucciso Rachel Corrie e' un
Caterpillar D-9 di produzione statunitense.

E' evidente che l'uccisione di Rachel Corrie non e' stato un incidente.
Testimoni oculari riferiscono che il conducente del bulldozer vedeva
Rachel, e che loro stessi urlavano al conducente di fermarsi. Il governo e
l'esercito israeliano continuano ad incolpare delle proprie sofferenze le vittime
delle violenze perpetrate dalle forze armate israeliane. L'Israele deve
rispondere di questo atto criminale, come di tutti gli atti criminali che
quotidianamente perpetra nei territori palestinesi occupati.

L'ISM si addolora profondamente della perdita di Rachel Corrie e porge
sentite condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici. Ci impegnamo a
continuare a lavorare sodo per difendere gli ideali di liberta' e giustizia per i quali
Rachel e' morta.

Per vedere le foto, visitate il sito www.palsolidarity.org

international solidarity movement
www.palsolidarity.org
contact:
in palestine: michael - +972-2-277-4602
in us: huwaida 202-494-0471 or 202-986-6160

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)