Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo
Iniziativa urgente del CPT:

"Stop alle demolizioni che lasciano le famiglie senza casa"

16 settembre 2003 - Christian Peacemaker Team
Fonte: Christian Peacemaker Team (www.cpt.org): Campaign for Secure Dwellings.

La domenica mattina del 14 settembre, le truppe israeliane hanno demolito con alcuni bulldozer le case delle famiglie Najeeb, Mohamed ed Omar el-Rajaby, nella valle di Beqa'a ad est di Hebron, lasciando trenta persone senza tetto.
"Ogni cosa è ancora dentro", dice Mohamed.
"Non abbiamo avuto tempo per portare qualcosa fuori, nemmeno il frigo e la lavatrice".
Quando ho chiesto dove andranno a vivere adesso, due donne della famiglia mi hanno risposto, "Nelle tende della Croce Rossa".
Nel pomeriggio, le truppe israeliane si sono spostate lungo la strada per demolire due negozi ed una cisterna dell'acqua appartenente a Nader Jaber. La famiglia Jaber fa parte della Campagna Secure Dwellings.
Questa terra non è stata confiscata per la costruzione del muro, e queste demolizioni non sono riconducibili a nessun atto di violenza di tali famiglie o parenti. Non c'era alcuna operazione militare in corso in quel momento. Le case, i negozi e la cisterna sono state demolite poiché l'amministrazione militare israeliana ha falsamente dichiarato che erano state costruite senza permessi. (I palestinesi si sono visti negare regolarmente i permessi di costruzione negli ultimi 36 anni).
Queste demolizioni sono moralmente ripugnanti e controproducenti.
"Qual'è la risposta che Israele si attende dai palestinesi?", chiede Jeff Halper, direttore del Comitato Israeliano Contro la Demolizione delle Case.
"I paesi occidentali dicono ai palestinesi di usare il processo politico invece della violenza, mentre il governo d'Israele demolisce le loro case! I paesi che sono a favore della Road Map dovrebbero impegnarsi a porre fine a queste demolizioni".
Crediamo che una tua lettera in opposizione a tali demolizioni, possa essere efficace per fermare future distruzioni. Sostenere l'attenzione critica aiuta ad educare i nostri legislatori e permette alle autorità d'Israele di capire che le demolizioni hanno un costo politico. E il messaggio che invii ai tuoi legislatori dà coraggio alle famiglie e al CPT in Hebron.

INIZIATIVA:

Scrivi o manda un fax ai tuoi legislatori e all'ambasciata israeliana.

Chiedi i motivi delle demolizioni delle case delle famiglie palestinesi. Chiedi specificamente quale fosse l'intento del governo israeliano distruggendo le case della famiglia Rajaby nella valle di Beqa'a ad est di Hebron, e la cisterna dell'acqua di Nader Jaber, il 14 settembre. Sollecita una spiegazione per tali demolizioni che hanno lasciato tre famiglie senza tetto e l'altra senz'acqua.

Invia copie delle tue lettere al CPT for Secure Dwellings (coordinatore Rick Mayer o Kathie Uhler, sotto vi sono gli indirizzi).

TIPO DI LETTERA:

"Egregio...
Sono indignato dalla notizia delle demolizioni delle case delle famiglie di Najeeb, Mohamed e Omar el-Rajaby, compiute dall'esercito israeliano vicino alla Strada 60 (Route 60) ad est di Hebron, il 14 settembre.
Non riesco a capire il motivo di tale demolizione.
Vorrei sapere perché le loro case sono state demolite, e perché la cisterna della famiglia Nader Jaber è stata distrutta lo stesso giorno.
Vi prego di darmi una spiegazione per questa distruzione e il motivo di lasciare queste famiglie senza casa o distruggere il loro approvvigionamento d'acqua.
Rimango in attesa di ricevere una qualsiasi spiegazione"

INDIRIZZI:

Ambasciata d'Israele a Roma
Via Michele Mercati,14 00197 Roma
tel: 06 36198500 Fax: 06 36198555
e-mail: info-coor@roma.mfa.gov.il

E-mail dei Deputati della Camera della Repubblica Italiana: www.camera.it; nella maggior parte dei casi la e-mail del deputato eletto nel tuo collegio è composta dal cognome_prima lettera del nome@camera.it esempio: caio_p@camera.it

E-mail dei Senatori del Senato della Repubblica Italiana: www.senato.it,
purtoppo non tutti i senatori mettono il recapito e-mail o postale.

Note:

Tratto da: www.palestinemonitor.org

Il Christian Peacemaker Teams è un'iniziativa ecumenica per sostenere gli sforzi di riduzione di violenza nel mondo. Per sapere di più circa il lavoro di peacemaking del CPT, visita il nostro sito internet: http://www.cpt.org. Le foto dei nostri progetti possono essere osservate su: http://www.clubphoto.com Login cptheb@palnet.com

Traduzione a cura di Operazione Colomba - Corpo Nonviolento di Pace - Comunità Papa Giovanni XXIII
www.operazionecolomba.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)