Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo

Campagna contro l'apartheid wall

Palestinesi, israeliani e internazionali lanciano una campagna contro il
muro dell'apartheid
5 aprile 2003 - Ronni Shendar / Aheret

A partire da sabato 5 aprile i pacifisti palestinesi, israeliani e
internazionali sfideranno il progetto di costruzione del muro piantando
tende nelle aree a rischio nella zona di Salfit. Gli abitanti dei
villaggi, col supporto di israeliani e internazionali marceranno
pacificamente sui terreni minacciati di confisca. Verranno piantate tende
per le assemblee e per gli abitanti e i pacifisti che dormiranno nel
“campo della pace” a protezione delle aree minacciate.

Il “campo della pace” e' l’evento centrale di una campagna internazionale
per fermare la costruzione del muro, essenzialmente il muro di una
prigione progettata per isolare la Cisgiordania occupata e dividerla in
“bantustan” separati l’uno dall’altro. I pacifisti rimarranno giorno e
notte insieme ai locali per proteggere i terreni minacciati.

Background:

La costruzione del muro e’ iniziata il 16 giugno 2002. Stando al piano
attuale il muro dovrebbe estendersi per oltre 360 chilometri e costera’
l’espropriazione del 10% delle terre della Cisgiordania. Su entrambi i
lati del muro verranno costruite aree di sicurezza larghe dai 30 ai 100
metri. In molte aree il percorso del muro passa vicino a case, scuole e
aree commerciali; a volte addirittura all’interno dei villaggi, per cui
capita che alcune case siano lasciate fuori dal villaggio, al di la’ del
nuovo confine segnato dal muro. Nella prima fase di costruzione sono stati
espropriati trenta pozzi d’acqua, alcuni dei quali costituiscono la sola
fonte di approvvigionamento idrico per i villaggi circostanti. Fino ad
oggi sono stati distrutti 35.000 metri di tubazioni idriche.

Nell’area dove si terra’ la manifestazione circa il 50% dei terreni sara’
espropriato per il muro, incluse aree coltivate e uliveti per migliaia di
dunum (10 dunum=1 ettaro - ndt), in aggiunta a 19 pozzi che costituiscono
il 30% delle riserve idriche della zona.

Note:

Ronni Shendar / Aheret
Aic - Alternative information center
www.alternativenews.org

(Aheret / Ahar: Israeli-Palestinian Communication Center, progetto
informazione dell’Aic. Per ulteriori informazioni: ronni@alt-info.org )

Traduzione a cura del Go'el - Ass. Papa Giovanni XXIII

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)