Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo

Save the Children sta avviando un intervento di aiuto nella Striscia.

21 gennaio 2009 - Save the Chidren

Save the Children sta procedendo rapidamente alla distribuzione di aiuti ai bambini e alle famiglie in stato di necessità a Gaza, a seguito dell’annuncio del cessate il fuoco.

Ieri, uno dei camion dell’organizzazione è riuscito a entrare a Gaza con 100 kit per bambini, 150 kit igienici e oltre 1.400 pacchi di pannolini che lo staff locale  ha provveduto a distribuire alle famiglie ospitate nei rifugi dell’UNRWA a Beit Lahia e Jabalia.

Save the Children accoglie con favore e sollievo il cessate il fuoco annunciato da entrambe le parti in conflitto, auspica che sia rispettato e che sia il primo passo per il ristabilimento di una pace duratura di cui beneficeranno sia la popolazione di Gaza che di Israele.

L’organizzazione internazionale chiede inoltre che sia garantito e assicurato il pieno accesso degli aiuti umanitari, affinché le ong impegnate nelle attività di soccorso possano raggiungere soprattutto le famiglie e i bambini che necessitano assolutamente di interventi e aiuti salvavita.

“La situazione è terribile. Centinaia di migliaia di minori e rispettive famiglie sono rimasti per quasi un mese senza aiuti e servizi di base”, commenta Annie Foster, Responsabile del team di emergenza di Save the Children a Gaza. “Il nostro staff ci ha riferito che ieri, la distribuzione di aiuti, in particolare di pannolini per i bambini presso un centro di prima accoglienza, è stata salutata con un applauso”.

Save the Children ha finora raggiunto e aiutato più di 25.000 persone, la metà delle quali bambini, fornendo pacchi di cibo nella zona Nord e Sud di Gaza. Altre 4.000 persone sono state soccorse ieri a Jabalia, Beit Lahia e nella zona est di Gaza City: in particolare sono stati distribuiti pacchi di cibo, di pannolini, kit per bambini  (contenenti coperte, pantaloni,  creme e pannolini) e kit igienici (contenenti sapone per  l’igiene personale, sapone per piatti e carta igienica).
Nell’arco dei prossimi giorni, Save the Children intende procedere alla distribuzione di teli di plastica per proteggere i materassi dall’umidità del terreno, di bottiglie di acqua potabile, di vestiti e di scorte di cibo.

"Save the Children si sta organizzando per ampliare e rafforzare il proprio intervento di aiuto”, continua Annie Foster. “Circa 3.000 donne hanno partorito in questi giorni, senza il minimo supporto sanitario e senza nulla di ciò di cui avrebbe bisogno un bimbo appena nato. Inoltre è mancato finora un aiuto psicologico ai bambini che hanno subito stress e traumi a seguito del conflitto”.

In vista quindi di un intervento più articolato Save the Children ha chiesto che, oltre agli 11 operatori già impegnati nell’area, altri 5 possano quanto prima essere autorizzati ad avere accesso a Gaza .

“Il nostro obiettivo immediato è fornire aiuti di prima necessità ai bambini e alle loro famiglie”, spiega ancora Annie Foster. “Tuttavia bisogna fare altro e di più per proteggere i minori e ridurre l’insicurezza in cui vivono ormai da più di 3 settimane”.

Per questo l’organizzazione internazionale stamperà e distribuirà dei volantini in cui sarà indicata una help line telefonica per i  bambini, in cui verranno descritte con disegni le mine antipersona e saranno date indicazioni e consigli ai genitori su come consolare e rassicurare i propri figli impauriti e scioccati. Save the Children inoltre sta preparando dei kit di giocattoli da distribuire nei prossimi giorni.

"Il modo migliore per aiutare un minore a superare una trauma è ristabilire una certa normalità”, conclude Annie Foster, “permettergli di dormire tutta la note, giocare con gli amichetti, andare a scuola. Tra i nostri prossimi interventi ci sarà quindi l’identificazione e allestimento di spazi sicuri per i bambini”.

L’organizzazione internazionale indipendente per la tutela e difesa dell’infanzia, che opera in Medio Oriente dal 1953 con uno dei più ampi programmi di aiuti e progetti nell'area, e a Gaza da 30 anni, ha attivato una RACCOLTA FONDI a sostegno delle attività di aiuto e soccorso. Per donazioni è possibile collegarsi al sito www.savethechildren.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)